L’immunità dopo l’infezione da Corona ha un effetto più ampio e protegge anche dai raffreddori

Chiunque abbia sofferto di COVID-19, la famigerata infezione da coronavirus, probabilmente ne ha tratto qualcosa di positivo. Secondo un nuovo studio In Medicina traslazionale scientifica Come pubblicato mercoledì, le persone ora sono meglio protette contro i disturbi causati da altri coronavirus. I ricercatori hanno anche scoperto la risposta immunitaria che in parte è alla base di ciò. Lo studio rivela nuove e specifiche proteine ​​del coronavirus che possono essere aggiunte ai vaccini contro il coronavirus esistenti per rendere il vaccino più efficace e più ampiamente applicabile.

Quello che popolarmente viene chiamato “coronavirus” è scientificamente SARS-CoV-2 (sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2), che fa parte di una famiglia che comprende diversi coronavirus. Oltre ai parenti pericolosi della SARS e della MERS, che hanno causato ciascuno centinaia di morti nelle epidemie del 2003 e del 2012, la famiglia dei coronavirus comprende anche quattro fratelli più lievi: i coronavirus stagionali, che causano sintomi del raffreddore solo nelle persone sane. Le persone deboli possono ammalarsi gravemente a causa di ciò. Questi coronavirus sono responsabili da un sesto a un terzo di tutti i casi di raffreddore.

Meno probabile

I ricercatori hanno ora dimostrato che le persone che hanno avuto l’infezione da SARS-CoV-2 hanno meno probabilità di soffrire di disturbi stagionali da coronavirus. Il vaccino contro il coronavirus, che prende di mira solo la proteina spike esterna del SARS-CoV-2, non fornisce questa protezione.

Questa scoperta ha immediatamente sollevato la domanda successiva per i ricercatori: qual è la somiglianza tra la risposta immunitaria dell’organismo contro Sars-Cov-2 e quella contro altri coronavirus?

È interessante notare che questa non è una risposta dipendente dall’anticorpo (cellule B) – il meccanismo da cui dipende principalmente l’effetto dei nostri vaccini Corona – ma una risposta dipendente dalle cellule T, un’altra classe di globuli bianchi. La cosiddetta cellula immunitaria CD8+ si lega a due proteine ​​specifiche che sono “conservate” all’interno del coronavirus: l’RNA ripetuto 12 (nsp12) e l’elicasi virale 13 (nsp13). Queste proteine ​​sono quasi le stesse tra i membri della famiglia Corona.

READ  Gli accordi con i paesi di origine dei migranti difficilmente aiutano il loro ritorno

Se prendi un raffreddore causato da un coronavirus stagionale dopo l’infezione da SARS-CoV-2, il tuo corpo ha già pronta una risposta immunitaria adeguata. Il corpo ricorda anche questo tipo di immunità delle cellule T per un periodo più lungo rispetto a una risposta immunitaria basata su anticorpi. I ricercatori ritengono che se si aggiungono nsp12 e nsp13 al vaccino contro il coronavirus, le persone saranno meglio protette contro i coronavirus in futuro. Gli autori suggeriscono che forse anche contro i nuovi membri della famiglia in futuro.

La virologa Lea van der Hoek dell’Università di Amsterdam UMC afferma di poter immaginare che l’aggiunta di due antigeni specifici renderebbe un vaccino contro il coronavirus più efficace. Tuttavia, si aspetta che anche questo tipo di difesa sia di breve durata. In studio All’Università di Medicina di Amsterdam, dove lavorava van der Hoek, ha visto il contrario: che le persone che avevano un raffreddore con una variante del coronavirus (OC-43) prima di essere infettate dal SARS-CoV-2 erano meglio protette contro il Covid-19.

Gli anziani e i deboli

“Non potevamo spiegare il motivo per cui ciò accadde in quel momento”, afferma van der Hoek. “È possibile che quelle cellule siano effettivamente CD8, ma se passa un anno o più tra le due infezioni, le persone non sono più protette. Se questa è davvero la stessa risposta CD8, è di breve durata utile per gli anziani e le persone fragili che continuano a ricevere una dose di richiamo di vaccino contro il coronavirus e l'influenza ogni anno.

Ma Van der Hoek dubita che l’aggiunta dei (codici genetici) delle due proteine ​​interne della Corona al vaccino ci proteggerà da future varianti pericolose della Corona: “Conosciamo la storia. Il mondo è diventato molto malato a causa della SARS CoV-2. Se le nostre difese contro i coronavirus stagionali fossero veramente protettive, la pandemia di coronavirus non sarebbe così grave. La verità è che abbiamo notato una differenza significativa solo dopo la somministrazione di vaccini che generano anticorpi contro la proteina esterna del virus.

READ  Lasciare i fossili incombusti sotto terra - Giobbe

Secondo van der Hoek, la protezione basata sugli anticorpi neutralizzanti rimarrà una parte importante del vaccino.

Leggi anche

Cos’è ancora il Corona in questo Paese quattro anni dopo il primo paziente?




We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24