L’infermiera di terapia intensiva Juliet ruba cuori con paziente stupore: “Sto cercando di facilitare l’ingresso” | Instagram

Per molto tempo, tutto ciò che si poteva trovare sul suo profilo LinkedIn era il messaggio che Juliette, 27 anni, aveva un diploma in infermieristica di terapia intensiva. Fino alla scorsa settimana. Dopo un momento privato con un paziente nella sua unità di terapia intensiva a Maastricht UMC, ha deciso di condividere qualcos’altro. Spiega cosa rende il suo lavoro così speciale. Questa positività è accolta a braccia aperte.




“Mia cara, cosa hai fatto adesso?” Questa è stata la prima cosa a cui Juliet ha pensato quando era… Rapporto LinkedIn È diventato virale. Se guardi il suo telefono un giorno dopo la pubblicazione, ha già trecento commenti e oltre diecimila mi piace. “Non ho mai pubblicato nulla”, dice Juliet. “Ma a causa di tutti i rapporti caricati che ho letto sui media sulla terapia intensiva, sento ancora il bisogno di condividere qualcosa sul mio lavoro. Dopotutto, nel mio reparto stanno accadendo molte cose belle”.

Bert e Felix

Nel suo post su LinkedIn racconta la storia di Burt. Questo uomo di 72 anni è nel suo reparto da settembre, quando si è accorta che non si sentiva bene. “I pazienti possono sentirsi molto senza speranza”, spiega Juliet. “Sono malati, temono la morte, vedono molto poco intorno a loro e alcuni possono diventare negativi, depressi ed emotivi”.

Per Juliet, questo è un segno che bisogna fare qualcosa. I suoi pazienti hanno bisogno di un raggio di speranza. Ed è così felice di darglielo. Quando ho notato che Burt non si sentiva bene, ho fatto una videochiamata a sua moglie. Quando il suo cane appare nella foto, Burt si emoziona molto”. E così il piano è nato. Juliet fa venire la moglie di Burt e il cane Vlyx nell’atrio dell’ospedale per vedere Burt. “È un grande lavoro”, spiega. Prima io devi ottenere il permesso di spingere il paziente verso il basso con un ventilatore. Devi organizzare un medico che possa accompagnarti. Non è solo una passeggiata. “

READ  Moderna è il miglior vaccino - Wel.nl

punto chiaro

Fortunatamente, Juliet ce l’ha fatta e un’ora dopo è arrivato il momento. Quando Burt entra nella sala, si emoziona immediatamente alla vista di sua moglie e del suo cane. Un abbraccio peloso dal suo cane golden retriever, e la sua giornata non poteva andare meglio. E c’è di più: a sorpresa, ci sono anche tutti i suoi figli e nipoti. “Era così bella. Poteva semplicemente abbracciare e vedere tutti. Juliet, subito, io e l’equipaggio, ricordiamo le lacrime nei nostri occhi. Quando offre questo tipo di punti luminosi ai suoi pazienti, nota sempre come si riprendono, no importa quanto disperata sia la situazione.” Questo è quello che faccio per.”

La storia non arriva solo a Giulietta. Il suo messaggio su LinkedIn su Burt è diventato virale. “Ho avuto un sacco di ottimi riscontri”, dice. , come ho mostrato tutto a Bert e alla sua famiglia. Li ha fatti bene, tutti positivi. E lo sono anche io”.

molto coinvolto

Questi sono i momenti che Juliet trova importanti nel suo lavoro, la connessione personale. Se ne accorse all’inizio della sua carriera di infermiera. “Quando avevo 16 anni, ho fatto il mio primo tirocinio. Ho trovato gravi le sofferenze e le ferite che vedevo nel reparto di chirurgia”, ricorda. “Poiché ero così preoccupato, mi è stato consigliato di smettere. I miei supervisori hanno detto che ho partecipato troppo”.

Juliet continuò comunque, sviluppandosi in un’infermiera di terapia intensiva e trasformando la sua “debolezza” nella sua forza. “Sono molto calma e tengo sempre d’occhio l’elemento umano dietro il paziente”, spiega.

Musica e smalto

Negli ultimi anni, è riuscito a fornire molti punti luminosi. Ricorda un uomo di 55 anni con un cancro metastatico. “Non c’era nient’altro che potessimo fare per lui. Tuttavia, ho cercato di rendere divertenti le sue giornate suonando la musica che gli piaceva. Gli piaceva davvero”. Ricorda anche di aver coccolato una donna molto malata. “Le ho dipinto le unghie e le ho dato un po’ di trucco”, ricorda Juliet. “In quel momento ho pensato: di cosa avrei bisogno se dovessi sdraiarmi qui? Bene, quello. Per sentirmi di nuovo un po’ e non così male solo a letto.”

READ  I Red Lions interrompono la partita con la Spagna nella prima partita del girone dell'Europeo | leoni rossi

A causa dell’attività su IC, non c’è sempre tempo per questo tipo di momenti personali. GIULIETTA: È difficile programmare. Ma se funziona, siamo felici di fare qualcosa in più per il paziente”. È anche molto necessario. “La terapia intensiva non solo è senza speranza, è dolorosa per alcuni. Molti di loro sono stati lasciati con una sorta di PTSD dal loro tempo in reparto”, spiega. “Ha senso: vivi sempre nella paura e sperimenti qualcosa di molto violento. In questo modo, diamo alle persone un’esperienza un po’ più positiva e diamo loro un po’ di forza in più per andare avanti per un po’”.

Come stai ora?

Almeno Burt ha quel potere. Da allora è stato spostato in un altro reparto e sta andando meglio. Juliet lo ha visto di recente quando è venuta a tagliargli i capelli. “Ma spero davvero che visiti di nuovo l’ospedale”, dice. Poi ovviamente non così malato ma completamente guarito. E se possibile con il cane Vlyx.

Rispondere Può essere trovato in fondo a questo articolo. I commenti verranno pubblicati solo con il nome completo. Lo facciamo perché vogliamo una discussione con persone che supportano ciò che dicono e che ci mettono il loro nome. Se hai ancora bisogno di inserire il tuo nome, puoi farlo cliccando su “Accedi” in alto a destra del nostro sito.


READ  Vaccinazioni "sabotate" per infermiere tedesche: quasi 9.000 persone sono costrette a ottenere di nuovo il vaccino contro la corona al di fuori del paese

Guarda i nostri video sulla salute qui sotto:

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24