L’inflazione tedesca si sta dirigendo verso il 5% ma chi se ne frega? – L’opinione di Han Dae-jung

reazioni Han Dae-jung

L’altro ieri alle 16:00

L’inflazione tedesca è aumentata notevolmente a luglio. A livello nazionale ora è 3,8%, secondo la norma europea armonizzata 3,1% (era 2,3% e 2,1%). Si prevedeva un’inflazione su base annua poiché l’imposta sul valore aggiunto è stata temporaneamente ridotta a luglio dello scorso anno, mentre è tornata al livello precedente a gennaio di quest’anno. Quindi c’è un effetto fondamentale. Ma l’aumento dell’inflazione ha leggermente superato le aspettative.

Oltre all’imposta sul valore aggiunto, hanno un ruolo le interruzioni logistiche e l’aumento dei prezzi delle materie prime. A luglio, secondo il provvedimento nazionale, i prezzi sono stati del 3,6% in più rispetto a gennaio. Questo ignora l’aumento dell’IVA e penso che sia troppo. Tuttavia, i numeri sono inconcludenti sul fatto che l’elevata inflazione sia temporanea o meno. Dato l’andamento dei prezzi nell’ultimo anno, è molto probabile che l’inflazione tedesca aumenterà ulteriormente nei prossimi mesi. Non sarei sorpreso se la misura nazionale arrivasse ben al di sopra del 5% entro la fine dell’anno, specialmente a novembre, e la cosiddetta scala IAPC non fosse molto inferiore al 5%. All’inizio del 2022 i numeri diminuiranno chiaramente di nuovo, ma fino a che punto? I mercati finanziari non hanno reagito a questi numeri questa settimana e probabilmente non cambierà per un po’.

Pro: Refinitiv Datastream

La fiducia economica dell’Eurozona raggiunge un nuovo record
Il sentiment economico nella zona euro è ulteriormente migliorato a luglio, secondo l’indice della Commissione europea, il sesto aumento mensile consecutivo. Il livello dell’indice, 119,0 (117,9 a giugno), è stato un record per questa serie (per quanto ne so, la serie risale al 1985). Ho trovato sorprendente che anche il sottoindice della fiducia delle imprese industriali sia aumentato: 14,6 contro 12,8 di giugno, mentre persistono le notizie di problemi di approvvigionamento.

Pro: Refinitiv Datastream

Questi problemi di approvvigionamento variano indubbiamente molto da settore a settore. Potrebbe essere il più grande nel settore automobilistico. E poiché è più importante in Germania che altrove, potrebbe spiegare perché la fiducia tra gli imprenditori tedeschi è leggermente diminuita a luglio, secondo il sondaggio mensile Ifo. Gli imprenditori tedeschi stanno diventando meno positivi, soprattutto per quanto riguarda i prossimi sei mesi.

READ  Ultimo volo della compagnia aerea italiana Alitalia
Pro: Refinitiv Datastream

Sebbene l’industria olandese sia una risorsa importante per le aziende tedesche, la fiducia degli imprenditori industriali olandesi è ulteriormente aumentata a luglio, raggiungendo nuovamente il massimo storico (12,3 contro 11,5 di giugno). Ciò che mi ha sorpreso di più del comunicato stampa della CBS è stato il forte aumento della fiducia nel settore dei mezzi di trasporto, principalmente perché gli imprenditori sono stati più positivi sull’attività prevista. Gli imprenditori olandesi in questo settore sanno qualcosa di positivo sui problemi di approvvigionamento che gli imprenditori tedeschi non conoscono ancora?

Pro: Refinitiv Datastream

Nel frattempo, il consumatore olandese continua a svolgere un ruolo importante. Le vendite al dettaglio sono aumentate del 6,0% a giugno rispetto all’anno precedente e l’aumento del volume è stato del 5,3%. Sono numeri alti, soprattutto se si considera che anche le vendite al dettaglio sono aumentate fortemente lo scorso anno. Le statistiche olandesi indicano esplicitamente che il fatturato a giugno di quest’anno è stato almeno del 16,8% in più rispetto a giugno 2019. Il fatturato del settore alimentare in particolare è cresciuto fortemente lo scorso anno. Ora è più basso: solo a giugno (ma ancora) +0,2% rispetto a giugno 2020. Il fatturato dei prodotti non alimentari è stato dell’8,0% in più rispetto all’anno precedente. La crescita rimane più forte online al 17,3% a/a, con la crescita più alta guidata dalle aziende che utilizzano sia le vendite online che fisiche. Le società solo online hanno registrato una crescita leggermente inferiore: 15,0%.

Quadro misto Crescita del PIL dell’Eurozona nel secondo trimestre
Secondo i dati preliminari, l’economia tedesca è cresciuta dell’1,5% nel secondo trimestre. Questo non è andato bene. Si prevedeva una crescita del 2% dopo una contrazione dell’1,8% nel primo trimestre, rivisto al ribasso a -2,1%. Pertanto, i dati difficili sulla crescita economica in Germania sono in ritardo rispetto a vari indicatori di fiducia e potrebbero essere un segno che i problemi di offerta nel settore stanno gettando un’ombra su di esso.

L’economia francese è cresciuta dello 0,9% nel secondo trimestre. Era un po’ meglio del previsto. Inoltre, la crescita del primo trimestre è stata rivista leggermente al rialzo: da -0,1% a 0%.

READ  La polizia armata arresta un uomo di Liverpool con l'accusa di essere un boss mafioso

L’economia italiana è cresciuta due volte più velocemente delle attese nel secondo trimestre: 2,7% e, come in Francia, i dati del primo trimestre dell’Italia sono stati leggermente rivisti al rialzo: -0,7% invece di -0,8%.

Crescita economica deludente degli Stati Uniti
Odio le persone che dicono “te l’avevo detto”, ma questa volta non posso fare a meno di dire “te l’avevo detto”. La scorsa settimana ho riferito che la crescita economica degli Stati Uniti nel secondo trimestre potrebbe essere molto indietro rispetto alle aspettative di molti economisti. Certo, era basato sui numeri NowGDP della Federal Reserve Bank di Atlanta. Quindi devo dire: “Ci hanno detto così”. Secondo le stime preliminari, la crescita del PIL è stata del 6,5% t/t, che è un punto rialzista per il NowGDP della Federal Reserve di Atlanta. Ovviamente si tratta comunque di una buona crescita (1,6% calcolato nel nostro metodo). In termini assoluti, il PIL (in termini di volume) ha superato per la prima volta i livelli pre-pandemia (dello 0,8%).

Pro: Refinitiv Datastream

La spesa per consumi è cresciuta fortemente: 11,8% e le aziende statunitensi hanno continuato ad aumentare i propri investimenti in risorse produttive e software. Tuttavia, l’attività di edilizia residenziale è rallentata, forse a causa del tasso di interesse più elevato nel mercato dei mutui in precedenza. Le aziende hanno anche investito meno negli edifici. Il commercio estero ha contribuito negativamente alla crescita poiché le importazioni sono cresciute più delle esportazioni. Allo stesso tempo, le aziende hanno consumato in modo significativo le azioni, il che ha anche contribuito negativamente alla crescita. Il fatto che il commercio estero e l’accumulo di scorte contribuiscano negativamente alla crescita economica complessiva è insolito e significa che ci si possono aspettare contributi positivi significativi in ​​futuro.

L’ultima immagine è tratta da una serie di “Rapporto sugli ordini di beni durevoli”. I dati mensili per le spedizioni di beni strumentali (esclusi difesa e aerei) sono una componente importante dei dati sugli investimenti nei conti nazionali. Sebbene l’aumento annuale sia ora in calo, l’importo totale continua ad aumentare. Penso che sia un ottimo esempio di come le aziende vigili stanno rispondendo alla pandemia e ai blocchi: non sradicando, ma investendo. La tendenza continua.

READ  Diventa sempre più difficile coltivare le olive salate "La Dritta"
Pro: Refinitiv Datastream

La Fed considera meno acquisti di obbligazioni
Nella sua più recente conferenza stampa, il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha osservato che mentre i criteri per fermare l’acquisto di obbligazioni non sono ancora stati soddisfatti, quel punto si sta avvicinando. È probabile che al policy meeting di settembre la Fed decida di ridurre gradualmente i propri acquisti. Data l’incertezza su come reagiranno esattamente i mercati, e con lo shock del cosiddetto “taper tantrum” del 2013 ancora nella memoria, la Fed procederà senza dubbio con estrema cautela e ridurrà gli acquisti in modo molto graduale. Penso che l’impatto sui mercati finanziari sarà limitato. Nel 2013, i tassi del mercato dei capitali sono improvvisamente aumentati bruscamente dopo che l’allora presidente della Fed Ben Bernanke ha detto casualmente che la Fed potrebbe ridurre i suoi acquisti.

Cattive notizie
In generale, direi che l’economia si sta sviluppando come previsto nella maggior parte dei principali paesi. Il recupero continua, anche se a intermittenza. Tuttavia, nulla preoccupa i mercati finanziari. Questo non rende tutto questo eccitante al momento. Per un traduttore freelance come me che attira più lettori quando accadono molte cose interessanti, questa è chiaramente una brutta notizia. Bene, non è diverso. Come si dice spesso in questi giorni: dovrò “affrontarlo”.

boerenbusiness.nl

Han Dae-jung

Han De Jong è un ex capo economista presso ABN Amro e ora economista residente presso BNR Nieuwsradio, tra gli altri. I suoi commenti possono essere trovati anche su Crystalcleareconomics.nl

articoli Correlati

Commenta questo articolo

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24