L'influenza aviaria delle mucche si lega a un recettore nel sistema respiratorio umano

Il virus altamente contagioso dell'influenza aviaria, che dalla fine di marzo si è diffuso tra le mucche da latte negli Stati Uniti, sembra essere in grado di legarsi ai recettori presenti nelle prime vie respiratorie umane. Ciò avvicina ulteriormente la minaccia di un virus pandemico umano. Finora le persone non si trasmettono il virus tra loro. Un punto positivo: i test sui roditori mostrano che la trasmissione del virus attraverso le goccioline respiratorie non è così facile.

Fino al 3 luglio Il Dipartimento americano dell'Agricoltura ha registrato il contagio di 140 allevamenti di bestiame in dodici stati americani. Finora è noto che quattro lavoratori agricoli sono stati infettati dal virus dell'influenza bovina. Soffrivano solo di un'infiammazione della mucosa dell'occhio e uno di loro aveva problemi respiratori. In Il virus non è stato ancora trovato nelle vacche da latte in Europa.

C’è ancora molto da sapere sul tipo di virus dell’influenza aviaria H5N1 riscontrato nelle mucche da latte. In Nuovo studiopubblicato lunedì sulla rivista scientifica naturaScienziati americani e giapponesi hanno esaminato questo virus dal latte di una mucca infetta del Nuovo Messico. Hanno testato quanto fosse patogeno, come si diffondesse e quanto facilmente passasse tra topi e roditori.

La minaccia di un virus pandemico umano è ormai a un passo

Il virus dell'influenza aviaria H5N1 infetta le cellule del tratto digestivo degli uccelli attraverso i cosiddetti recettori dell'acido sialico. Il virus si moltiplica in queste cellule e poi infetta gli uccelli con la malattia. Ma i ricercatori hanno scoperto che il virus bovino H5N1 si lega anche a un altro tipo di recettore dell'acido sialico nel tratto respiratorio superiore umano. Si tratta di una proprietà completamente nuova: nessuno dei vecchi virus H5N1 può legarsi ai recettori degli uccelli e dell'uomo.

READ  Un nuovo fossile di dinosauro simile a un'anatra suggerisce la sua capacità di nuotare | Scienze

È molto preoccupante, afferma il virologo Theis Kuijken del Centro Erasmus MC di Rotterdam: “Questa è la prima volta che vedo informazioni che dimostrano che il tipo ricombinante del virus dell'influenza aviaria può adattarsi all'uomo”.

Mammelle di mucca

La grande paura degli scienziati è che il virus alla fine muti in modo tale da poter essere facilmente trasmesso tra le persone. Un tipo così pericoloso può avere origine nelle mammelle delle mucche, dice Kuykin. “Le cellule delle ghiandole mammarie delle mammelle delle mucche contengono recettori sia per i virus dell’influenza aviaria che per quelli dell’influenza umana. Ora che il virus dell’influenza aviaria ha iniziato a replicarsi nelle mammelle delle mucche, potrebbero emergere varianti che possono infettare gli esseri umani, soprattutto perché questi virus si trasmettono facilmente mucche tramite impianti di mungitura.

Le persone di solito si diffondono reciprocamente i virus dell’influenza attraverso il sistema respiratorio. Ecco perché i ricercatori hanno testato l'efficacia del virus bovino H5N1 nei roditori. Questa è una buona misura della trasmissione tra le persone.

Un furetto infetto poteva infettare altri furetti attraverso goccioline respiratorie trasportate dall'aria, ma questo non era facile: solo uno dei quattro furetti esposti ha successivamente dimostrato di avere anticorpi contro il virus, e quindi si è infettato. Ciò corrisponde a un test simile Centro per il controllo delle malattie negli Stati UnitiSolo uno dei tre furetti suscettibili all’infezione tramite goccioline respiratorie ha contratto il virus da un lavoratore agricolo infetto in Texas.

“Questa di per sé è ancora una buona notizia”, afferma Kuiken. “Questo virus non si trasmette così facilmente come il virus influenzale pandemico H1N1 che si è diffuso in tutto il mondo nel 2009. Pertanto, questo virus bovino non è ancora completamente adattato per una trasmissione efficace tra i mammiferi.

READ  Elsa da piccola ha avuto un'emorragia cerebrale: 'Non sarò mai più la stessa'

Non è monitorato adeguatamente

Kuiken è profondamente preoccupato per il fatto che il virus si stia ancora diffondendo tra il bestiame negli Stati Uniti. “Se il virus viene trasmesso dalle mucche agli esseri umani non viene adeguatamente monitorato, è facile, esiste un test rapido per l’influenza A che puoi utilizzare anche per catturare questo virus.

Kuiken non è rassicurato dal fatto che le quattro persone finora contagiate abbiano mostrato solo sintomi lievi. “Non è stato così. Se i sintomi della malattia non sono troppo gravi, significa che il virus può diffondersi facilmente senza che nessuno se ne accorga. Ciò aumenta effettivamente il rischio di una pandemia. L'infezione agli occhi è probabilmente causata da schizzi di latte negli occhi La gente lì ha recettori per il virus dell'influenza aviaria ma anche, ad esempio, nell'organo olfattivo del naso, così che il virus può scatenare l'encefalite attraverso il nervo olfattivo.

Leggi anche

Quante mucche negli Stati Uniti sono inconsapevolmente infette dall'influenza aviaria? I virologi criticano l’approccio lassista del governo



We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24