L’invecchiamento è una bufala a sangue freddo? La scienza non è fuori

La morte fa parte della vita. Umano o topo, uccello o pesce, un giorno tutta la vita finirà. Ma francamente, la natura non ha diviso la questione. Per la maggior parte degli animali, è già finita dopo alcuni anni. L’uomo ha poche ragioni per lamentarsi con un’aspettativa di settanta o ottanta anni, ma alcune creature ne ridono. Ci sono tartarughe che possono facilmente colpirne un centinaio. Prendi, ad esempio, Jonathan, una tartaruga gigante che vive a Sant’Elena dal 1882 e si stima abbia un’età compresa tra 160 e 190 anni.

Forse la cosa più impressionante di queste tartarughe: non sembrano invecchiare. Non importa quanto facciamo del nostro meglio per combattere l’invecchiamento – una dieta sana, molto esercizio fisico, vitamine extra – prima o poi i muscoli si indeboliscono, le ossa più fragili e la pelle più rugosa. E la morte si avvicina più velocemente.

Agli scienziati piace esprimere questo invecchiamento in termini di probabilità di morte. Un olandese di 50 anni, ad esempio, ha una probabilità dello 0,26% di non essere vivo dopo un anno. All’età di 65 anni, quella possibilità era cresciuta fino all’1,1%. In ottanta è del 5,5 per cento e in novanta è del 18,6 per cento. I numeri sono più favorevoli per le donne (50 anni: 0,18%; 65 anni: 0,81; 80 anni: 3,7 e a 90 anni: 14,1 per cento). Ma per entrambi i sessi, il rischio di morte aumenta con l’età.

Il processo di invecchiamento è stato interrotto

Tartarughe come Jonathan fanno germogliare quella danza. Ad un certo punto della loro vita, queste tartarughe giganti hanno interrotto il loro alto tasso di mortalità. Supponiamo, ad esempio, che la probabilità all’età di ottant’anni sia dell’1 per cento, dopo trent’anni sia ancora dell’1 per cento. Prima o poi moriranno comunque, la possibilità di morire non è zero, ma in un certo senso questi animali hanno interrotto il processo di invecchiamento.

Lo dimostrano due studi pubblicati il ​​mese scorso sul Journal of Commerce Scienze sono stati pubblicati. In comune, gli studi si sono concentrati sugli animali a sangue freddo. Mentre tutti hanno familiarità con nidi come Jonathan o Lonsome George – la tartaruga gigante morta dieci anni fa all’età di 102 anni, l’ultima del suo genere – l’invecchiamento è stato studiato principalmente nei mammiferi o negli uccelli. Mentre i rettili a sangue freddo o le lucertole hanno un vantaggio in questo senso. Non devono aumentare la temperatura corporea e questo può essere sufficiente con un metabolismo più basso e quindi uno stile di vita più calmo.

Un gruppo di ricerca, guidato dalla portoghese-danese Rita da Silva, ha studiato le probabilità di mortalità di 52 specie di tartarughe dopo aver raccolto quanti più dati possibili dagli archivi dello zoo. Tre quarti di queste specie non stanno invecchiando e una parte significativa del resto sta invecchiando a malapena. La domanda è cosa hanno da dire i commentatori su questo risultato Scienze† Allo zoo, gli animali si nutrono a intervalli regolari, non farti sorprendere dalle mutevoli condizioni meteorologiche o dai voraci predatori. “Da qualche parte nell’evoluzione, questi animali devono aver beneficiato del lento invecchiamento. Non scopriresti la caratteristica nello zoo, perché non si sono evoluti in questo ambiente”.

I commentatori apprezzano di più questo altro studio in scienze. Guidati dalla biologa americana Beth Reinke, più di 100 scienziati hanno analizzato i dati di 77 specie terrestri: rettili e anfibi. A volte per decenni, gli animali sono stati catturati, etichettati, rilasciati e recuperati.

Non tutta la storia

Con loro sorpresa, l’analisi dei loro dati ha minato l’idea comune: gli animali a sangue freddo non vivono più degli animali a sangue caldo. Almeno, questa storia non può essere completa. Sebbene ci sia ancora qualche limite nell’aspettativa di vita tra i mammiferi – i piccoli mammiferi generalmente vivono più corti di quelli più grandi – vola in tutte le direzioni tra rettili e anfibi. Alcuni invecchiano più velocemente degli animali a sangue caldo della stessa taglia, altri molto più lentamente.

Inizialmente i biologi credevano che il clima avesse un ruolo. In un ambiente caldo, la vita stessa entra anche nella pentola a pressione e potrebbe presto finire. Nelle regioni fredde, tutto va più lentamente e gli animali spesso vanno in letargo. Allora dovrebbero vivere più a lungo. Si scopre che questo è vero per i rettili, ma non per gli anfibi.

Un’altra idea era che gli animali che avevano sviluppato una qualche forma di difesa, che fosse un’armatura, una pelle appuntita o un veleno mortale, dovessero vivere più a lungo. Da un punto di vista evolutivo, questo ha un senso: ci vuole energia per sviluppare un tale meccanismo di difesa, quindi l’animale deve trarne beneficio. Ad esempio vivendo più a lungo. Se la sua esistenza sul terreno è breve a causa del rapido invecchiamento, l’animale non trarrà molto beneficio dai suoi scudi o spine protettive.

Lo studio ha confermato l’idea. Soprattutto nelle tartarughe, i loro gusci le rendono quasi invulnerabili e danno loro una vita molto lunga.

I commentatori lo trovano poco convincente. L’invecchiamento è importante da un punto di vista evolutivo solo se influisce sulla riproduzione. “Alcune tartarughe sono note per deporre più uova con l’età”, hanno scritto. “Sappiamo anche che il successo riproduttivo sta diminuendo. L’equilibrio potrebbe essere a favore di queste tartarughe che non invecchiano, ma non lo sappiamo. Abbiamo pochissimi dati per questo”.

Sono attori?

In effetti, questo vale per tutti i dati che abbiamo sull’invecchiamento negli animali, hanno continuato. Queste iconiche tartarughe non invecchiano affatto o non lo sono più? In teoria, questo rende il mondo diverso. Persone come Jonathan o George rappresentano il genere? Ad esempio, allo zoo, la maggior parte delle tartarughe non vive così a lungo. Dieci o vent’anni, di solito succede. In alcune specie, questo rapporto è così grave che l’aspettativa di vita è inferiore all’età media in cui le tartarughe danno alla luce la loro prima prole. Abbiamo solo dati sufficienti dagli esseri umani per essere in grado di definire correttamente l’invecchiamento nell’invecchiamento.

Prendiamo il topo talpa nudo, sostengono i commentatori. Questo roditore può vivere fino a trent’anni, mentre i suoi parenti più stretti come un topo o un topo di solito hanno solo pochi anni di vita. Secondo studi di laboratorio, anche la talpa nuda ferma l’invecchiamento dei topi, ma dovrai condurre uno studio del genere con diverse migliaia di individui prima di poterlo affermare con certezza.

e allora? Sarebbe bello se un uomo imparasse qualcosa dai trucchi della talpa nuda o della tartaruga gigante. Ma non importa quanto questa talpa sia stata sezionata dagli scienziati, devono ancora scoprire la sua fonte di eterna giovinezza.

Probabilmente non ha più quelle antiche tartarughe. I commentatori ricordano Harriet, una famosa tartaruga gigante che ha trascorso i suoi ultimi anni in uno zoo australiano. Si narra che lo stesso Charles Darwin lo prese dalle Isole Galapagos nel 1835. Nel 2006 morì, all’età di almeno 170 anni, di infarto, tipico esempio di malattia della vecchiaia.

E Jonathan è probabilmente più vecchio alla sua stima di 190, ma ora è cieco, non odora più e deve essere nutrito manualmente. I commentatori hanno detto: “La demografia non riflette sempre il declino fisico”. “Anche in condizioni ideali per lo zoo, può verificarsi l’invecchiamento”.

Leggi anche:

L’eterna giovinezza non è ancora possibile, ma forse la giovinezza più lunga lo è

Sono state eseguite ricerche storiche per Fontana dell’eterna giovinezza† Ora si scopre che i giovani stessi sono quella fonte.

READ  Un cane infetto dal vaiolo delle scimmie è stato avvertito dall'Organizzazione Mondiale della Sanità | All'estero

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24