TGcomnews24

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, reportage e podcast relativi all'Italia

L’Italia crea isole verdi e valli dell’idrogeno

Oggi il governo italiano presenta alla Commissione europea il “Piano nazionale per la ripresa e la resilienza” (Pnrr dall’abbreviazione italiana). All’inizio di questa settimana, il parlamento italiano era d’accordo Testo (270 pagine) sono d’accordo. Se il piano verrà approvato, i primi progetti potrebbero iniziare quest’estate.

Trasformazione ambientale

I piani dell’Italia per i prossimi sei anni, rivendicati per 191,5 miliardi di euro dal Fondo dell’Unione europea per la prossima generazione, si concentrano su innovazione, trasformazione ambientale e digitalizzazione. Se dipendesse dall’Italia, più di 100 miliardi sarebbero spesi per investimenti in questi settori. Il nuovo ministero per la trasformazione ambientale guidato da Roberto Singolani ha un dito importante sulla torta.

Questi sono indicatori importanti del fatto che anche i soldi vengono spesi bene. Il Pnrr fa molto affidamento sugli obiettivi europei, come il Green Deal, che mira a rendere l’Europa il primo continente climaticamente neutro entro il 2050. Anche la strategia dell’UE per l’idrogeno è stata pienamente adottata, in parte perché il ministro Singolani ci crede molto. Quindi il piano prevede speciali “valli dell’idrogeno”, aree industriali spesso deserte, dove l’industria (pesante) opererà sull’idrogeno.

70% di energia rinnovabile

Se il piano viene attuato letteralmente (e la burocrazia e la corruzione non sono interessate), l’Italia avrà circa il 70% della sua elettricità da energia rinnovabile entro il 2030. I piani includono molti altri obiettivi minori, come la promessa di aggiungere più di 21.000 ricariche elettriche. stazioni e 4,3 milioni di metri quadrati Più pannelli solari entro il 2026. L’Italia è ormai molto indietro rispetto al benchmark. Ad esempio, il Paese è il numero uno in termini di penetrazione digitale e innovazione tecnologica 24 di 28 paesi europei (Indice società ed economia digitale). Solo Bulgaria, Romania, Polonia e Grecia stanno peggiorando.

19 isole diventeranno laboratori per renderle 100% green e autosufficienti

I piani mirano a un approccio integrato. Un buon esempio di ciò è lo sviluppo delle isole verdi. Il problema con le piccole isole abitate (circa 75) in Italia è che sono in gran parte scollegate dalla rete elettrica nazionale. La produzione dipende in molti casi dalle vecchie centrali termoelettriche, mentre la distribuzione avviene attraverso una rete frammentata di centrali elettriche di piccola, media e bassa tensione. Altri problemi sono la scarsità di risorse idriche e la gestione dei rifiuti.

READ  Italian Lodi, un anno dopo

Elettricità prodotta localmente

Diciannove di queste isole sono state designate come laboratori con l’obiettivo di renderle 100% verdi e autosufficienti. A tal fine si stanno realizzando impianti per l’energia sostenibile (soprattutto solare ed eolica), lo stoccaggio dell’energia e l’integrazione del sistema elettrico con il sistema idrico dell’isola. Vengono utilizzati anche impianti di dissalazione e la raccolta differenziata viene trattata da noi il più possibile. Tra l’altro, l’Italia è il leader europeo nella raccolta differenziata dei rifiuti.

Gli italiani sono felici di passare a Eco Equipment @ E. Kieckens

Un altro progetto integrale è una fondazione – all’inizio – 30 Società verdi (“Pnrr” usa il termine inglese). Ciò include lo sviluppo e la gestione dei piccoli comuni e delle aree rurali circostanti (che in Italia sono spesso paesaggi collinari o montuosi), al fine di collegare l’edilizia abitativa, l’agricoltura, la silvicoltura, le attività economiche e il divertimento. Anche qui si cerca l’autosufficienza.

Infrastruttura digitale

Ad esempio, le comunità stesse devono fornire elettricità generata localmente, come elettricità generata da piccole centrali idroelettriche, biomasse, biogas, energia eolica, cogenerazione e biometano. Altri temi importanti sono l’agricoltura sostenibile, il turismo sostenibile e la gestione sostenibile dei rifiuti. e ‘ovvio che Comunità O meglio accedervi digitalmente. Ora l’infrastruttura digitale italiana è compagna. Il piano prevede di dotare l’intero Paese di connessioni da 1 gigabit al secondo entro il 2026. A tal fine sono stati stanziati 14 miliardi di euro. Il Società verdi Deve essere la risposta al drammatico esodo delle campagne italiane.

L’Europa è forte

L’Italia è il maggior beneficiario del Next Generation Fund dell’Unione europea. L’epidemia ha colpito l’economia italiana più gravemente di altri paesi europei. Nel 2020, il PIL si è contratto dell’8,9%, rispetto al calo del 6,2% dell’Unione europea. Inoltre, l’Italia deve fare i conti più di altri paesi con le conseguenze dei cambiamenti climatici (inondazioni, ecc.). Inoltre, il paese non ha registrato una crescita economica da vent’anni (meno dello 0,5 per cento all’anno). L’idea è che un’Italia forte faccia bene all’Europa.

READ  La Francia vuole manipolare le regole del bilancio dell'Unione europea

Oltre all’EU Next Generation Fund, l’Italia sta anche ritirando il cosiddetto European Union React Fund, una nave più piccola, e un fondo governativo italiano istituito questo mese. In totale, 248 miliardi di euro saranno disponibili fino al 2026.

Inoltre, leggi del nuovo Ministero per la trasformazione ambientale.