“L’Italia è stata il nostro banco di prova, il resto del pianeta il nostro playground”

Uno dei maggiori punti deboli dell’agricoltura verticale è il lato finanziario. Sebbene i prodotti coltivati ​​nelle fattorie verticali si siano dimostrati rispettosi dell’ambiente e di qualità eccezionale, molti agricoltori faticano a sbarcare il lunario. Ecco perché l’azienda italiana Zero Farms ha deciso di avvicinarsi all’agricoltura verticale da una prospettiva più sfidante: coltivare ortaggi a foglia in Italia e portare i loro prodotti sugli scaffali dei supermercati allo stesso prezzo.

“Abbiamo iniziato la nostra azienda con l’idea che se vuoi risolvere le debolezze dell’agricoltura verticale come la finanza, devi controllare la tecnologia”, ha affermato Daniel Modesto, co-fondatore di Zero Farms. Per questo motivo Zero Farms ha sviluppato una piattaforma tecnologica orizzontale adatta a molte applicazioni agricole verticali. Ma invece di vendere la loro tecnologia proprietaria, Zero Farms la usa per gestire le proprie fattorie.


Daniele Modesto

Partnership internazionale, di cui si occuperà la gente del posto
L’idea è molto semplice ma molto efficace. Zero Farms stringe partnership internazionali per creare fattorie verticali indipendenti, mentre i partner locali supervisionano lo sviluppo del mercato e le comunicazioni. Ma prima di fare il grande passo, Zero Farms ha testato il proprio concept nella città di Brescia, nel nord Italia.

“Volevamo iniziare con le verdure a foglia in Italia perché sono un prodotto molto difficile dal punto di vista finanziario”, afferma Daniel. Quindi, se ce la facessero e mantenessero le loro verdure a foglia allo stesso prezzo dei normali prodotti biologici, potrebbero copiare il concetto in luoghi diversi in tutto il mondo.

La fase di prova è terminata e le vendite sono in aumento
I macchinari in Italia non sono un grosso problema, sottolinea Daniel, è la seconda economia manifatturiera più grande d’Europa, quindi hanno un facile accesso alle merci. “La vera sfida dell’Italia sta nelle applicazioni e nel lavoro. Volevamo dimostrare che la nostra tecnologia funziona in cattive condizioni. L’Italia è il nostro banco di prova, il resto del pianeta è il nostro campo da gioco”.

READ  In Italia sono sicuri: Djokovic si trasferirà al Milan la prossima estate

Inutile dire che il progetto di Presia è stato un successo e Zero Farms ha già avviato una joint venture in Medio Oriente. In Arabia Saudita, ad esempio, uno degli alleati di Zero Farms è un grande rivenditore che sovrintende alla crescita del mercato, mentre Zero Farms gestisce l’azienda”.

Concentrati sullo sfruttamento
“Se non puoi controllare i costi, non funzionerà. Devi fidarti troppo dell’automazione, altrimenti il ​​costo del lavoro ti ucciderà. Ciò che è importante per noi è che non diciamo di essere nuovi. Ad esempio, vogliamo creare verdure a foglia. Non ha senso investire nel marketing per promuovere il marchio. “Ci concentriamo sulla gestione dell’azienda agricola e sull’esternalizzazione del marketing ai nostri partner locali in modo da poterlo fare. Tieni i costi sotto controllo”.

Mentre il mercato del Medio Oriente è ora una priorità, Zero Farms prevede di entrare nel mercato statunitense entro la fine di quest’anno. “Abbiamo elencato i partner negli Stati Uniti perché questo è il mercato in cui vuoi essere”, afferma Daniel. “Là è stata inventata l’agricoltura verticale e voglio dimostrare ai miei colleghi americani che ottenere tecnologia dall’Italia sarebbe una soluzione per il mercato”.

Taglia richiesta
Sebbene Zero Farms abbia affrontato con successo le principali sfide dell’agricoltura verticale, ha ancora molta strada da fare prima che tale tecnologia possa essere ampiamente utilizzata come serre. “Tutti dicono che hai molti vantaggi nell’agricoltura verticale in termini di conservazione dell’acqua e uso del suolo, il che è chiaro”, afferma Daniel.

“Quello che vuoi davvero vedere è l’applicazione più misurabile dell’agricoltura verticale. Quello che vediamo ora è solo una frazione del mercato rispetto al numero di serre attive. Dobbiamo rendere questa tecnologia più accessibile negli anni a venire. Il la democratizzazione dell’agricoltura verticale è l’obiettivo che abbiamo avuto per molti anni.

READ  Cinque cose da tenere d'occhio in una partita inaugurale Turchia-Italia

Per maggiori informazioni:
Daniel Modesto, co-fondatore
ZERO fattorie
[email protected]
www.zerofarms.it

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24