L’Italia ha iniziato a costruire nuovi sottomarini

Al cantiere Fincantieri di La Spezia è iniziata la costruzione dei sottomarini U212 NFS per la Marina Militare Italiana. I sottomarini sono basati sulle barche di tipo 212A che l’Italia ha sviluppato con la Germania, ma l’U212 NFS è stato progettato e costruito dalla stessa Italia. Il primo sottomarino dovrebbe essere pronto entro la fine del 2027.


La prima puntata al cantiere Fincantieri. (Foto: Fincantieri)

Martedì è stato tagliato nel cantiere di La Spezia il primo acciaio per i sottomarini U212 NFS. NFS sta per Accanto al sottomarino del futuro. Il programma è stato reso possibile dall’unione delle conoscenze di Fincantieri e Leonardo, di alcune società internazionali dell’industria dei sottomarini, di società italiane minori e di OCCAR. Parti della parte anteriore della barca e della propulsione indipendente dall’aria esterna (AIP) sono state costruite da tkMS in Germania.

OCCAR in Fincantieri
OCCAR è un’organizzazione fondata nel 1996 dai ministri della Difesa di Italia, Francia, Germania e Regno Unito. OCCAR mira a rendere più efficiente la cooperazione reciproca nella gestione dei programmi di cooperazione europea in materia di attrezzature per la difesa.

Fincantieri, in qualità di principale controparte, si è aggiudicata a febbraio 2021 il primo contratto del valore di 1,35 miliardi di euro. Tale contratto prevede un centro di formazione e supporto. Inoltre, c’è un’opzione per una seconda coppia di sottomarini. Dovrebbe essere consegnato nel 2030 e nel 2031.

Matteo Bisiglia, Direttore OCCAR, ha osservato che il programma U212 NFS è aperto alla cooperazione con altri paesi: “Il programma U212 NFS potrebbe includere ulteriori paesi partecipanti disposti a cooperare in campo subacqueo. Anche se si tratta di paesi che attualmente non sono membri di OCCAR”.

READ  Le medicine aumentano il prezzo di 500 volte, l'ACM è di alta qualità

sottotitoli
Nello sviluppo di nuovi sottomarini, l’obiettivo principale era la furtività (che rende il sottomarino meno facilmente rilevabile), la potenza di attacco a lungo raggio, la flessibilità operativa e la capacità di rimanere sott’acqua più a lungo.

I sottomarini U212 NFS hanno una lunghezza di circa 59 metri e un dislocamento di 1.600 tonnellate. Le barche sono dotate di uno scafo a pressione più lungo di 1,2 m rispetto alle barche di tipo 212A, sette alberi sollevati elettricamente anziché idraulicamente e il nuovo sistema d’arma è dotato di Missili da crociera ad attacco profondo con un ampio raggio d’azione.

Inoltre, i sottomarini sono in grado di operare in acque con temperature tropicali. Questo può sembrare ovvio, ma non lo è. Temperature più elevate richiedono molto dal sistema di raffreddamento del sottomarino e l’acqua calda ha un peso specifico diverso a causa della maggiore salinità dell’acqua, che richiede l’immersione dei serbatoi di zavorra più grandi.

NFS
di 212 DNF. (Foto: tane)

I primi due sottomarini utilizzavano essenzialmente la stessa spinta diesel-elettrica con propulsione ad aria esterna indipendente delle barche di tipo 212A, ma al posto delle vecchie batterie al piombo fu equipaggiato il nuovo U212 NFS Litio, Ferro e Fosfato batterie. Oltre ai missili da crociera, le barche riceveranno anche siluri avanzati Leonardo Black Shark.

I sottomarini saranno utilizzati, tra le altre cose, per assumere le funzioni dei quattro sottomarini di classe Sauro una volta dismessi. Si occuperanno di questioni quali l’antipirateria, l’antiterrorismo, la difesa delle frontiere esterne e il mantenimento dell’integrità delle infrastrutture marittime.


Commenti alimentati da

READ  Paese preferito pazzo! Bitcoin in regalo per chi scarica questa app

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24