L’Italia importa più petrolio russo per alimentare le raffinerie in violazione del divieto dell’UE

L’Italia ha aumentato le importazioni russe di greggio, nonostante i tentativi dell’UE di recidere i legami con l’energia russa come risultato inaspettato delle sanzioni occidentali contro il Cremlino.

La Russia ha esportato circa 450.000 barili di greggio al giorno in Italia questo mese, quattro volte in più rispetto a febbraio e il più grande dal 2013, secondo Kpler, una società di dati sulle materie prime. Di conseguenza, l’Italia è pronta a superare i Paesi Bassi come il più grande importatore dell’UE di greggio russo via mare. Due terzi di tale esportazione va al porto di Augusta in Sicilia, vicino alla raffineria ISAB controllata dalla Russia.

La raffineria con sede a Mosca, di proprietà di Lukoil, viene utilizzata per proteggere una varietà di beni in tutto il mondo dalle tasse sul credito delle banche europee. Sebbene Lukoil non sia soggetto a sanzioni, dopo che l’UE ha imposto sanzioni a Mosca sull’Ucraina, i prestatori hanno smesso di fornire fondi e, secondo funzionari governativi, banchieri e leader sindacali, la raffineria è stata costretta a fare affidamento esclusivamente sulle forniture della società madre. . Familiarità con le esportazioni.

“E’ paradossale che l’Ue voglia multare le importazioni russe di energia, ma qui si incoraggiano le sanzioni”, ha detto Alessandro Tripoli, segretario generale della FEMCA Cisl nelle regioni siciliane di Siracusa e Ragusa.

“Prima delle sanzioni, l’Isab era solo per il 30 per cento russo nel greggio, e ora è al 100 per cento perché le banche italiane hanno bloccato le tasse sui prestiti delle raffinerie, quindi Lukoil è l’unico fornitore”.

L’aumento della fornitura di petrolio greggio alle raffinerie russe nell’Unione Europea cerca di trovare il modo per la Russia di smaltire i suoi combustibili fossili e sottolineare le difficoltà nell’applicare l’embargo sulle importazioni di petrolio russo.

READ  Opinione: Una polemica dall'inizio del periodo Corona: gli aiuti russi all'Italia

ISAB elabora fino al 22% del greggio italiano ed esporta in decine di paesi. È stata fondata nel 1972 e acquisita da Lidasco, società svizzera controllata da Lukoil.

Vedi lo screenshot del film interattivo. Javascript potrebbe essere disabilitato perché sei offline o nel tuo browser.

La Russia esporta anche petrolio greggio nel porto di Trieste, vicino al confine nord-orientale dell’Italia con la Slovenia. Il porto è collegato a due raffinerie in Germania tramite il gasdotto Transalpine, che è in parte di proprietà di Rosneft, un’altra compagnia energetica russa.

L’aumento delle forniture di petrolio greggio arriva quando il primo ministro italiano Mario Tragi ha considerato prioritario ridurre la fiducia del paese nel gas russo in un importante cambiamento di politica estera. Vuole che l’UE imponga un divieto alle importazioni di petrolio russo, ma l’Ungheria ha detto che non accetterà ancora un simile embargo.

L’ISAB è uno dei maggiori datori di lavoro e sindacati della regione ei politici locali avvertono che l’immediata chiusura della raffineria da parte dell’embargo petrolifero russo potrebbe causare gravi danni all’economia locale. Ciò include altri grandi impianti petrolchimici e molte aziende più piccole che fanno parte della loro catena di approvvigionamento.

“Se l’embargo dell’UE entrerà in vigore, rimarranno senza petrolio greggio raffinato e dovranno essere chiusi”, ha affermato Simon Tagliapitra, collega di Brooklyn. “In questo caso, i governi dovrebbero nazionalizzare temporaneamente queste risorse, tenendo conto dell’impatto sulla sicurezza energetica e sull’occupazione”.

Funzionari a Roma hanno affermato che il governo voleva evitare la chiusura della raffineria se le sanzioni contro la Russia fossero aumentate e stesse esplorando possibili opzioni ai sensi del diritto nazionale e internazionale. Funzionari del Ministero dello Sviluppo Economico hanno affermato che la nazionalizzazione non è attualmente sul tavolo.

READ  Il gestore immobiliare CORUM ha completato il secondo round dell'importante acquisizione dell'Italia

ISAB ha rifiutato di commentare. Lukoil e Rosneft Deutschland non hanno risposto a una richiesta di commento.

La maggior parte delle petroliere entra in Europa via mare, ma le forniture di greggio dalla Russia centrale attraverso l’oleodotto Trushpa alle raffinerie in Bielorussia, Polonia, Germania, Slovacchia, Repubblica Ceca e Ungheria. Parte del petrolio kazako viene esportato anche dai porti russi, ma Victor Katona di Keplero ha affermato che queste esportazioni erano regolari e stabili.

Secondo i dati di OilX dell’Energy Analysis Group, a maggio l’oleodotto Trushpa verso la Germania ha volato sotto i 300.000 barili al giorno, ma le esportazioni estere verso la Germania sono scese a zero, il che significa che l’Italia è destinata a diventare il maggiore importatore. Fuori dal continente. fonte russa.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24