L’Italia provocherà una nuova crisi dell’euro?

Analisi – L’Italia è entrata in una crisi politica poiché il Presidente del Consiglio Mario Draghi non ha ricevuto sufficiente sostegno dai principali partiti politici del Paese per portare avanti una serie di misure di riforma.

Draghi ha annunciato le sue dimissioni la scorsa settimana, tra le crescenti preoccupazioni per una recessione in Europa. Di conseguenza, la parola crisi dell’euro risuona di nuovo.

L’ex presidente della Banca centrale europea Draghi è stato ritratto negli ultimi anni come Super Mario, l’unica persona in grado di riparare i gasdotti intasati dell’economia italiana. Ma è vero?

Sorprendentemente, per i mercati finanziari, sembrano esserci molte situazioni o cadute con una sola persona. Certamente perché come primo ministro ad interim dei tecnocrati, Draghi avrebbe dovuto comunque lasciare il campo in meno di un anno: gli italiani sarebbero tornati alle urne entro i primi di giugno 2023; Le elezioni anticipate si terranno ora alla fine di settembre.

In altre parole, Draghi aveva solo dieci mesi al massimo per effettuare le riparazioni, o almeno per spianare la strada in modo che la strada fosse aperta alle riparazioni anche dopo che se ne fosse andato.

Ambiziosi piani di riforma

Osservatori praticamente Lodando i piani Dato dal governo italiano per tale Cinque dozzine di riparazioni e poco più di 130 investimenti Al fine di garantire decine di miliardi di fondi europei per la ripresa. Italia, se tutto è pagato. Di gran lunga il più grande beneficiario con 69 miliardi di euro di sostegno e 123 miliardi di euro di prestiti a basso costo.

I piani dovrebbero contribuire in modo significativo alla trasformazione dell’energia e del clima e rendere l’Italia più efficiente e digitale.

Sono già stati compiuti progressi significativi nella riforma del mercato del lavoro e degli affari legali e nella razionalizzazione della burocrazia. Tra l’altro, Draghi si è concentrato sull’affrontare i severi mercati noti per i taxi e gli operatori di spiaggia.

Il pacchetto di riforme strutturali è troppo limitato e deve essere attuato entro agosto 2026. Secondo alcuni esperti Quindi non è un male che Draghi si dimetta, perché la strada delle riforme è stata lastricata e non si può deviare.

READ  S1E24 | 18 giugno 2021

Posso in qualche modo essere d’accordo con questa mentalità, tuttavia:

  • Le riforme forniscono all’economia italiana una posizione di partenza migliore, ma in pratica resta da vedere che anche gli italiani ne traggono vantaggio. Draghi potrebbe aver rinnovato le sue padelle, fornelli e forno, ma gli chef devono ancora lavorare per portare in tavola una deliziosa pasta.
  • C’è ancora una lunga lista di riforme e investimenti pianificati, comprese le misure in materia di istruzione, tecnologia e mercato del lavoro. Se il nuovo governo diventa più lassista, non sorprenderebbe se Bruxelles esitasse ad agire con durezza per paura della crisi dell’euro. Ciò significa: mantenere in contanti i miliardi promessi. Tuttavia, un bastone importante scompare dietro la porta delle riforme, se si abbandona la natura condizionale degli aiuti.
  • Draghi aveva il vento in poppa, perché la pandemia di Corona e la guerra in Ucraina hanno creato un clima di crisi. Ciò ha reso relativamente facile il pagamento delle riparazioni. Inoltre, Draghi ha potuto spendere molti soldi e gestire un deficit di bilancio per stimolare l’economia italiana. Se le redini devono essere inasprite, il nuovo premier avrà vita ancora più dura.

L’Italia si sposta a destra

A proposito di serraggio delle briglie: debito pubblico italiano Si sta avvicinando di nuovo al 150 per cento del reddito nazionale. Inoltre, l’Italia sembra svilupparsi strutturalmente nei prossimi anni Deficit di bilancio più elevato che dentro Il periodo prima della crisi del Corona.

Quanto sopra significa che Draghi non è sicuro di chiudersi la porta alle spalle. Tanto più che l’agenda delle riforme rischia di cadere nelle mani di una coalizione di destra guidata da Fratelli d’Italia guidata dall’ultraconservatrice Giorgia Meloni, con partner come Lega di Matteo Salvini e Forza Italia di Silvio Berlusconi.

Il L’ascesa di Fratelli d’Italia Preoccupa molti, perché il partito discende dal partito fascista fondato dai sostenitori di Mussolini nel secondo dopoguerra. Fratelli mantiene inoltre una piattaforma europea anti-immigrati.

READ  Flop Pirelli e Tsunoda, Verstappen al top!

Ci sono sfumature in queste preoccupazioni. Meloni raramente, se non mai, è stato più critico dell’euro della Liga di Salvini. Ho sempre resistito a Italexit. Il caposquadra è diventato più moderato rispetto all’Europa, quando è diventato chiaro quanti miliardi sarebbero arrivati ​​in Italia attraverso il fondo per la ripresa della crisi di Corona.

È improbabile che Meloni pregiudichi il sostegno europeo all’Ucraina; Richiede una linea dura contro la Russia. Fratelli non sarà mai in grado di governare da solo, e quindi probabilmente dovrà scendere a compromessi sui file più controversi.

Italia ed Eurozona: le tensioni potrebbero salire rapidamente

Cosa significa tutto questo per i mercati finanziari e per l’economia italiana ed europea?

I mercati finanziari saranno ipnotizzati dalle promesse di Meloni di affrontare la radicata burocrazia italiana e saranno meno interessati alle questioni che potrebbero causare più polemiche sotto un governo Meloni: aborto, eutanasia e matrimonio tra persone dello stesso sesso.

La Banca Centrale Europea è stata sfortunata con la tempistica dell’inaugurazione del cosiddetto Transfer Protection Instrument (TPI). Si tratterebbe di un programma di acquisto selettivo del debito pubblico, attraverso il quale la banca centrale vuole combattere gli eccessivi differenziali dei tassi di interesse nell’eurozona, ma senza il desiderio della BCE di essere vista come un’acquisizione dei problemi politici dell’Europa meridionale. Vai a vendere quella storia quando Roma va a fuoco.

Inoltre, c’è la possibilità che i mercati finanziari sfidino la Banca centrale europea a vedere se riescono a tracciare una linea credibile a Francoforte tra la stabilità dei mercati obbligazionari e il finanziamento monetario del debito sovrano per evitare la politica.

Se la politica italiana rimane instabile, i tassi di interesse italiani continueranno a muoversi su livelli elevati. Questo alla fine rende difficile sostenere il debito pubblico estremamente elevato. Si segnala inoltre che l’inflazione e la crescita economica in Italia hanno un impatto sulla sostenibilità del debito pubblico molto maggiore rispetto ai tassi di interesse, con una scadenza media del debito attivo di 7,5 anni.

READ  Pantaloncini sportivi: Ashleigh Barty cancella Indian Wells | gli sport

L’elevata inflazione ha in qualche modo alleviato l’onere del debito e la crescita italiana è stata abbastanza decente ultimamente, facendo diminuire l’onere del debito in percentuale del reddito nazionale nell’ultimo anno. Ma ora la crescita sembra regredire bruscamente, erodendo quel contributo positivo.

Sembra probabile che Differenziali di tasso di interesse tra titoli di Stato tedeschi e italiani Rimarrà un po’ più grande di quanto non sia stato negli ultimi anni. Ma alcuni analisti si comportano in modo esagerato come se l’Italia fosse condannata senza Draghi. L’ex capo della Banca centrale europea non è da meno un supereroe e Melonian è meno diabolico di quanto a volte venga suggerito.

Inoltre, i mercati finanziari sono abituati al dramma italiano: Draghi ha guidato il 67° governo italiano in tre quarti del secolo.

Ciò non cambia il fatto che l’incertezza politica a Roma non è favorevole a dare una spinta all’euro. Questo dovrebbe davvero provenire dalla Banca centrale europea, che Apparentemente più di un falco Sembra di quanto inizialmente pensato.

Tuttavia, la domanda è se Francoforte rimarrà ferma se le preoccupazioni per l’Italia aumenteranno ulteriormente. Ad ogni modo, da un punto di vista politico, dovrebbe ora essere presa in considerazione una maggiore pressione al ribasso sull’EUR.

Le tensioni nell’eurozona potrebbero aumentare rapidamente se subentra un governo italiano meno orientato alle riforme, la Banca centrale europea non riesce a fare tutto il possibile a Roma e devono essere prese decisioni difficili su come razionare il gas per l’inverno.

Andy Langenkamp è un analista politico senior presso ICC Consultants, una società di ricerca e consulenza indipendente specializzata in questioni di valuta, interessi e finanza. Sul Piattaforma di ricerca ICC Leggi le analisi di un team di economisti, analisti tecnici e Andy su mercati finanziari, economia e politica.


We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24