L’Italia può avviare il piano di rilancio con 24,9 miliardi di euro


Foto: ANP

La Commissione europea ha trasferito all’Italia 24,9 miliardi di euro dal Fondo temporaneo europeo per la ripresa della corona. I fondi sono destinati a progetti di prefinanziamento del Piano di Risanamento Italiano. Il Paese dell’Unione Europea, duramente colpito dall’epidemia, può aspettarsi un totale di 191,5 miliardi di euro dal fondo, di cui 68,9 miliardi di euro in sovvenzioni e 122,6 miliardi in prestiti agevolati.

L’Italia è quindi il maggior beneficiario in assoluto dell’assistenza del Recovery Fund istituito lo scorso anno da 27 capi di governo. Hanno quindi deciso che almeno il 37 percento sarebbe stato speso per misure climatiche e il 20 percento per la digitalizzazione.

Da aprile, 25 Stati membri hanno presentato a Bruxelles i loro piani di risanamento e 16 li hanno già approvati integralmente. Hanno diritto a un prefinanziamento fino al 13% dell’importo che ricevono secondo una determinata formula di distribuzione. All’inizio di questa settimana, la Grecia ha ricevuto 4 dei 30,5 miliardi di euro a disposizione del paese. All’inizio di questo mese, Belgio, Portogallo e Lussemburgo sono stati i primi paesi dell’UE a ricevere fondi, per un totale di circa 3 miliardi di euro.

In cambio di assistenza, i paesi devono attuare una serie di riforme per rafforzare le loro economie, come adeguamenti al sistema fiscale o al mercato del lavoro. Gli orari sono stati concordati con il comitato per l’attuazione dei piani. I pagamenti per i seguenti importi sono legati al rispetto degli accordi.

I Paesi Bassi e la Bulgaria sono gli unici due paesi che non hanno ancora presentato un piano di risanamento. L’Aia vuole aspettare la formazione di un nuovo governo.

READ  I leader mondiali reagiscono scioccati all'attacco di Kabul | All'estero

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24