L’Italia si aspettava una grande protesta contro la testimonianza di Corona, ma è rimasta calma

Dopo ristoranti, musei, palestre e stadi, la certificazione Corona è ora obbligatoria anche per gran parte del trasporto pubblico in Italia. Chiunque desideri viaggiare in treno o in autobus tra diverse regioni dovrebbe essere vaccinato o testato di recente.

Oggi in diverse città erano attese forti proteste contro il nuovo provvedimento. Ma la maggior parte degli italiani sembra particolarmente contenta.

“Se non possiamo salire sul treno senza questo passaporto da schiavi, nessuno partirà”, ha scritto un poster circolato sui social nei giorni scorsi. Il movimento anti-fax anti-auto ha annunciato che raccoglierà decine di migliaia di persone in più di 50 stazioni in tutto il paese e interromperà il traffico ferroviario.

Ma sotto l’occhio vigile della stampa globale emergente e delle massicce forze di sicurezza, questo pomeriggio è successo poco o niente nella maggior parte di quelle stazioni.

Parzialmente responsabile

Giovanna, una donna di circa 50 anni in viaggio verso Milano, non è d’accordo con i sostenitori del movimento contro l’epurazione. “Penso che non abbiano abbastanza informazioni o che abbiano disinformazione. Ma questo è l’unico modo per affrontare la crisi sanitaria”.

Antonio, 32 anni, è d’accordo, mentre si reca in una città appena fuori Roma. “Le persone che non sono vaccinate sono in parte responsabili se il tempo peggiora”. Entrambi avevano corsia verde Dove si chiama l’applicazione d’esame Corona in Italia, che è stata già scaricata il mese scorso.

larghezza di tempra

Nonostante le manifestazioni di oggi siano appena scoppiate, il tono del dibattito sul coronavirus in Italia si è notevolmente intensificato nell’ultima settimana. Durante le proteste, due giornalisti sono stati aggrediti fisicamente. Gruppi di chat, come Telegram, distribuiscono i numeri di telefono e gli indirizzi di noti medici e politici che si sono espressi a favore della politica di vaccinazione.

READ  Sam Lammers opta definitivamente per un contratto di locazione con l'Eintracht Francoforte

In uno di quei gruppi, il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha detto che “dovrebbe morire” o addirittura “giustiziare”.

Ma mentre il linguaggio minaccioso del movimento antivirus ottiene molta attenzione nei media italiani, la resistenza al vaccino contro il coronavirus nel paese è generalmente bassa. Secondo l’ufficio di statistica Ipsos, il 7 per cento degli italiani rifiuta completamente la vaccinazione e il 10 per cento nutre forti dubbi. Al contrario, circa il 70 per cento degli italiani di età superiore ai 12 anni è stato parzialmente o completamente vaccinato.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24