Lo squalo gigante era più grande, più veloce e più affamato di quanto pensassero i paleontologi | Attualmente

Un modello 3D sviluppato dai ricercatori mostra che lo squalo gigante estinto, o megalodon, era più grande e più agile di quanto i paleontologi avessero pensato in precedenza, secondo i rapporti. New York Times.

Megalodon ha dominato il mare per milioni di anni. Con una lunghezza fino a diciotto metri e una bocca che poteva essere aperta fino a due metri, l’enorme squalo non aveva nemici per gli animali.

Nonostante la fama dello squalo gigante, le dimensioni e la forma esatte dell’animale sono state a lungo contestate dai ricercatori. Per saperne di più, hanno confrontato i denti dello squalo gigante con parenti viventi come lo squalo mako pinna corta e il grande squalo bianco. In questo modo hanno cercato di scoprire le dimensioni dell’animale.

I nuovi modelli 3D offrono nuove informazioni

Mercoledì è arrivata la rivista progresso della scienza Con un post sulla nuova modellazione 3D dello squalo, fornendo nuovi spunti sul mondo esterno. Megalodon sarà più grande, più veloce e più ampio di quanto inizialmente pensato.

La nuova misurazione si basa in parte sulle scansioni di una colonna vertebrale conservata scoperta nel 1860 e conservata presso il Royal Belgian Institute of Natural Sciences. I denti sono stati usati anche dal megalodonte e da una scansione di tutto il corpo di un grande squalo bianco, che è molto simile al megalodonte.

Le misurazioni hanno mostrato che il megalodonte studiato aveva le dimensioni di uno squalo balena. ha detto il dottor. Pimento su questo. È paleontologo presso la Swansea University in Galles.

Ci sono altre vertebre fossilizzate del 50 per cento più grandi di quelle nel modello, secondo Pimento, che spiegherebbero la lunghezza di una moderna megattera. Le mascelle di Megalodon possono aprirsi abbastanza da mangiare un’orca adulta in soli cinque morsi.

READ  La NASA invia due piccoli elicotteri su Marte | Tecnica

Quanto è affidabile tale modellazione al computer?

ha detto il dottor. Hutchinson, anatomista del Royal Veterinary College di Londra.

Ma alcuni ricercatori sottolineano che il modello si basa su ipotesi sui megalodonti che non sono state confermate nella documentazione fossile.
“Le dimensioni e la forma di altri componenti scheletrici, come il cranio, le mascelle e tutte le pinne, sono ancora una mia ipotesi”, ha affermato Kensho Shimada, professore di paleontologia alla DePaul University di Chicago.

Tuttavia, se il modello del team è corretto, avrà ripercussioni sulla velocità di crociera dei formidabili predatori – la velocità con cui l’animale può andare dal punto A al punto B – e sull’appetito. ha detto il dottor. Pimiento, che è molto più veloce degli altri 33 squali che hanno studiato. Tra gli squali trovati, la velocità di navigazione più veloce appartiene allo squalo salmone, che può raggiungere circa due miglia orarie.

Dato che il grande squalo bianco più lento può viaggiare per quasi 7.000 miglia senza fermarsi per trarre vantaggio dalle prede stagionali, il megalodon probabilmente andrà molto oltre, secondo i ricercatori. Questo sarà anche necessario per potersi nutrire adeguatamente.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24