Lotte, 28 anni, era una coppia gelida con due star del cinema italiano: “Ho capito subito che non sarebbe stato divertente”

Lotte Petersen sognava due sogni. Lavorare all’estero come coniuge era uno di questi. Ha trascorso una stagione a Roma con due stelle del cinema italiano. Anche se questo sogno sembrava avverarsi, si è trasformato in un incubo. “Fin dal primo giorno, sapevo che non sarebbe stato divertente.”

L’incubo in Italia le ha portato un’altra cosa bella. Le ha dato l’ispirazione per scrivere il suo primo libro: un sogno che aveva fatto quando era piccola. Sei anni dopo la sua frenetica avventura a Roma, viene pubblicato il suo primo romanzo: Un favoloso fallimento. Lotte ci racconta tutto di lei. Dal suo primo incontro con la famiglia italiana alla presentazione del suo libro tre settimane fa presso la libreria De Kler di Leida.

Mio! Mio!

“Ero appena arrivato quando i due bambini di cui dovevo occuparmi hanno litigato. Il più piccolo dei cinque è corso in cucina e ha urlato ‘Coltillo, Coltello’. Ho imparato alcune parole italiane sull’aereo di Duolingo ed è per questo che ho l’ho capito. Il piccoletto è andato a prendere un coltello, non potevo crederci, ma gli sono corso dietro e fortunatamente sono riuscito a evitarlo. Non voglio pensare a cosa sarebbe successo altrimenti. “

“La coppia italiana con cui ho iniziato a lavorare nel 2015 voleva davvero un marito straniero. Avevano paura che gli italiani volessero lavorare con loro solo a causa della loro fama. Quindi ho dovuto parlare inglese ai bambini, ma i bambini lo odiavano davvero . Poi mi hanno urlato contro “Né inglese né inglese”. Potevo anche mettermi nei panni dei bambini. Avevano già molte ragazze alla pari diverse e questo ovviamente non è servito a nulla”.

READ  Radar inondato di reazioni sulla miscela di erbe Jill Beilin | pettegolezzo

stupito e scioccato

“Quando sono venuto a prenderli a scuola, ho visto spesso la delusione nei loro occhi perché ero lì e non mia madre o mio papà. Poi ho visto davvero cambiare il loro aspetto. Andare a scuola e a casa è stata comunque una bella esperienza. Quando i ragazzi hanno fatto di tutto, ho visto gli italiani guardare Elena è davvero sorpresa e scioccata. È stata un’esperienza speciale. Da una parte ho vissuto per una stagione intera in un appartamento come nei film, con un pianoforte a coda, il cinema sedili e librerie enormi. Anche nel quartiere “Trastevere”, con bei vicoli, belle terrazze e deliziosi caffè. Come li vedi sulle carte Postali. Solo che ci sono stato più spesso di quanto mi diverta.”

Anche la comunicazione con i genitori è stata difficile. In effetti mi hanno detto poco. Avevo una stanza nella loro grande casa. Un giorno sono tornato a casa e non c’era nessuno. Poi si è scoperto che la madre e i bambini sono andati in vacanza, ma a mia insaputa. Certo che puoi fare le tue cose, ma sembra strano. Sei a casa da molto tempo, ma non ti senti parte della famiglia”.

‘Basta andare a casa’

“Quando i miei genitori sono venuti in Italia, hanno notato che ci sono passato. Mio padre ha detto: ‘Vai a casa’. Ma volevo perseverare e fare ancora del mio meglio per farlo funzionare. Una volta tornato a Leida, è difficile dirlo agli altri. com’era. Senti che gli altri possono ascoltare le tue storie, ma ancora non capisci bene com’era. A casa tutto rimane uguale e lasci ancora una buona parte dei tuoi ricordi lì a Roma con la gente con cui convivevi.”

READ  Fuori programma: Dalle Chansons dei Paesi Bassi al teatro in taxi

“Volevo scrivere un libro sin da quando ero giovane. Scrivevo storie di ogni genere sui taccuini e poi ne realizzavo una vera e propria copertina: come se fosse un libro vero. In seguito sono andata a Leida per studiare letteratura cinematografica. Il sogno di questo libro ha continuato a incresparsi un po’. Tra ora e allora ho iniziato una storia, ma poi non l’ho davvero perseguita. Forse per paura. Se non ci provi, non fallirai. E se davvero lo vuoi qualcosa, non vuoi fallire.”

Lotte presenta il suo primo libro.

Quando sono tornata a Roma all’inizio del 2020 per mostrare a mio marito dove abitavo, mi è venuta l’idea di scrivere un libro sulla mia avventura di marito di ghiaccio. Tutto restituito. Mi sono rivisto camminare con questi bambini in quelle strade. Ma senza provare le stesse sensazioni di allora. Posso solo godermi il viaggio e la città. Appena arrivato a casa ho iniziato subito. Alla fine sono state diverse trame che sono in parte autobiografiche. Uno di loro è a Leida”.

È stato molto emozionante inviare i primi manoscritti agli editori. Da quel momento in poi, tutto ha accelerato. Non ho mai osato sperare di ricevere feedback positivi da così tante parti. Alla fine mi è stato persino permesso di firmare un contratto con HarperCollins per due romanzi, il primo dei quali è Een Delicious Fiasco. Esporre il libro da De Kler e le pile di libri con il tuo nome sopra nelle librerie: sembra ancora irrealistico. Ma a volte tutto sembra andare a posto”.

Per saperne di più…

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24