L’Ucraina prende molto all’Est: ‘Siamo stati molto ottimisti qui’

La Russia è già stata respinta nel nord in molti luoghi, ma nel sud molte aree sono state conquistate, afferma l’esperto di difesa Patrick Boulder del Center for Strategic Studies dell’Aia. “Se prendono Severodonetsk, si dirigeranno verso Lyman, i russi sono già lì e poi hanno chiuso un’intera parte del Donbass. Questo è ciò per cui i russi si battono”.

Merci alla rinfusa via porto

Così anche la Russia beneficia delle sue vittorie. Il porto di Mariupol è una di queste vittorie che ripaga immediatamente. “Carbone, greggio, petrolio, carbone. Tali merci sfuse vengono spesso trasportate via nave. Quindi hanno un grande valore economico.”

La vita a Severodonetsk è terrificante adesso. Tra le bombe si considerano i beni di prima necessità, come potete vedere nel video qui sotto:

La macchina da guerra russa non avrebbe funzionato immediatamente a velocità più elevate attraverso il porto. Più audace: “È possibile che la fornitura, ad esempio, di cibo o carburante, ora passi attraverso la Crimea, hanno questa parte dal 2014”.

Kramatorsk

Quello che i russi stanno probabilmente facendo è saccheggiare e trasferire proprietà ucraine attraverso questo porto. Ad esempio, nello stabilimento di Azovstal, il luogo in cui i combattenti ucraini hanno resistito a lungo, c’era ancora qualcosa da fare.

Quindi i russi stanno guadagnando, ma le cose stanno andando più lentamente di quanto sperassero. Leonid Bashnik, il leader della regione separatista ucraina di Luhansk, ha detto all’agenzia di stampa statale russa TASS. E se la Russia vuole davvero possedere l’intera regione del Donbass, allora ha ancora molto da superare. “Ad esempio, Kramatorsk, è qui che si trova il quartier generale ucraino. Dipende da quante perdite subiscono i russi se ci vanno anche loro”.

READ  Situazione tesa in Tunisia, perquisito il canale di notizie Al-Jazeera اة

I russi respinsero Kherson

In precedenza si temeva anche che la Russia sarebbe avanzata a Odessa sul lato meridionale, chiudendo alla fine l’Ucraina dal mare. L’Ucraina può quindi essere rifornita solo su strada. “Ciò avrebbe enormi conseguenze economiche”, dice Boulder.

Questo non sta accadendo in questo momento. In effetti, nel sud vicino a Kherson, i russi furono nuovamente leggermente respinti. “Se l’Ucraina potesse riconquistare quella città, potrebbe impedire l’approvvigionamento russo dal sud al Donbass”, spiega Frans Osinga, professore di studi sulla guerra. “E anche solo applicare molta pressione può aiutare. Quindi la Russia potrebbe dover inviare unità aggiuntive in quella direzione che altrimenti avrebbero combattuto nel Donbass”.

Quindi la vera emigrazione verso l’Occidente è scomparsa in una certa misura, il che era evidente anche dalle parole del ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov. “Il Donbass ha la massima priorità”, ha detto lo scorso fine settimana. Se altre parti dell’Ucraina vogliono unirsi alla Russia, dovrebbero essere in grado di farlo.

Nuova guerra tra 5 anni?

Boulder afferma che anche il presidente ucraino Zelensky sta facendo piccole concessioni. “Prima ha detto: tutti i russi dovrebbero lasciare l’Ucraina, e ora vuole tornare alla situazione prima del 24 febbraio”. Poi iniziò la guerra con la Russia.

Piccolissime concessioni, ma anche tanta motivazione per continuare a lottare. “Perché se Zelensky rinuncia alla terra ora, c’è la possibilità che ci sarà di nuovo la guerra tra 5 o 10 anni”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24