L’UE accetta un nuovo pacchetto di sanzioni: tetto massimo del prezzo del petrolio russo

Il tetto del prezzo del petrolio dovrebbe garantire che la Russia guadagni meno vendendo petrolio, in modo che il paese abbia meno da spendere per fare la guerra in Ucraina.

Il tanto discusso price cap fa parte dell’ottavo pacchetto di sanzioni contro il governo del presidente russo Putin e mostra che l’UE rimane “unita e determinata” a sostenere l’Ucraina, Rapporti Rappresentanza tedesca a Bruxelles su Twitter.

Le sanzioni coincidono con il divieto sulla maggior parte delle importazioni di prodotti petroliferi dalla Russia, di cui stanno discutendo i paesi dell’UE nel mese di giugno Già d’accordo. Il divieto entrerà in vigore a dicembre.

altezza sconosciuta

Non è stata ancora presa alcuna decisione sull’esatto livello del tetto massimo del prezzo del petrolio. Questo sarà annunciato nelle prossime settimane, secondo Politico. Il mese scorso, le nazioni del G7, o le principali nazioni industrializzate tra cui Stati Uniti, Regno Unito, Germania e Giappone, avevano già concordato un tetto massimo per i prezzi del petrolio russo. Fino ad allora, non è stato ancora menzionato alcun livello di prezzo.

Ci sono anche eccezioni a questa misura. Grecia, Malta e Cipro ora detengono molto petrolio russo e saranno offerte concessioni a questi paesi per prevenire un impatto sul loro settore marittimo, ha riportato il sito di notizie politiche. Politico e agenzia di stampa finanziaria Bloomberg.

Oltre al tetto massimo del prezzo del petrolio, le sanzioni prendono di mira gli alti funzionari russi che hanno partecipato a finti referendum, componenti elettronici e prodotti chimici necessari all’esercito russo.

Anche la spedizione è stata influenzata

Le sanzioni vieteranno anche la spedizione di petrolio russo con un prezzo superiore al tetto del prezzo del petrolio e la sua spedizione verso “paesi terzi”. Scrive La presidenza ceca dell’Unione europea su Twitter. Secondo loro, anche i “servizi correlati” rientrano nel divieto.

READ  Gli astanti filmano lo stupro nella metropolitana degli Stati Uniti, ma non si lasciano coinvolgere: "Questo è disgustoso"

È anche interessante ciò che farà l’Ungheria, che è stata tradizionalmente una piantagrane all’interno dell’Unione europea. In linea di principio, il pacchetto di sanzioni entrerebbe in vigore solo se tutti i 27 paesi dell’UE fossero d’accordo, ma l’Ungheria aveva precedentemente imposto un’eccezione all’embargo petrolifero russo, che esentava un oleodotto che porta il petrolio russo in Ungheria.

Metodi di miscelazione di scarpe sportive e olio

Altri dettagli importanti devono ancora essere annunciati. Ad esempio, è importante che le compagnie di assicurazione siano soggette al divieto. Le petroliere che trasportano petrolio prezioso in Europa sono spesso assicurate contro gli incidenti ei danni ambientali. La Russia non ha abbastanza navi cisterna per trasportare tutto il petrolio, quindi probabilmente diventerà fortemente dipendente da assicuratori non europei in Asia.

“La domanda, quindi, è fino a che punto funzionerà questo tetto massimo del prezzo del petrolio?”, afferma l’analista energetico Gil van den Bokel del Center for Strategic Studies dell’Aia. “Forse la Russia dovrebbe offrire uno sconto sulla vendita del suo petrolio. Forse anche ad altri paesi al di fuori dell’Unione Europea, se vogliono vendere lì il loro petrolio”.

Ma questo, dice, dipende molto dalla situazione del mercato petrolifero: quanto petrolio viene pompato e quanto petrolio viene richiesto, ora che incombe una recessione. Van den Bokel: “Inoltre, abbiamo visto in precedenti sanzioni contro gli stati petroliferi, come l’Iran, che ci sono modi per lavorarci su. Sono state escogitate scorciatoie, il petrolio viene trasferito da una nave all’altra in mare e l’olio è segretamente mescolato.” Con petrolio di paesi senza sanzioni”.

READ  Il sospetto ammette di aver ucciso un giornalista maltese in un'intervista: "Per me erano solo affari" all'estero

Fare rifornimento più costoso?

Le conseguenze sui prezzi del petrolio dipendono anche dall’OPEC+. È l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio come l’Arabia Saudita e l’Iraq, integrata da una serie di alleati produttori di petrolio, tra cui Russia e Messico. L’OPEC+ si riunisce oggi su un possibile taglio della produzione di petrolio di oltre 1 milione di barili al giorno. Ciò causerà un aumento dei prezzi del petrolio, che potrebbe anche aumentare i prezzi della benzina e del diesel alla pompa.

“La Russia rimane uno dei primi tre esportatori, insieme all’Arabia Saudita e agli Stati Uniti”, afferma l’esperto di energia Hans Van Cleef di ABN Amro. “I prezzi massimi del petrolio porteranno essenzialmente a cambiamenti nel commercio globale. Più petrolio russo in Asia e meno in Europa. Nel complesso, ciò non significa che la Russia esporterà molto meno”.

L’Unione Europea consuma ogni giorno circa 13,5 milioni di barili di petrolio e prodotti petroliferi. Meno di 4,4 milioni di barili di questo provenivano dalla Russia nel 2021. Van Cleef: “Questo sarebbe molto meno ora, ma potrebbe essere sostituito in modo relativamente semplice dalle importazioni da altre regioni, in particolare dai paesi del Medio Oriente”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24