L’UE è più negativa che mai sull’adesione della Turchia

Il presidente turco Erdogan (al centro) incontra il presidente dell’Unione europea Charles Michel e il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen nell’aprile di quest’anno ad Ankara.Foto dell’Agenzia per la protezione dell’ambiente

Bruxelles è particolarmente preoccupata per la continua erosione della democrazia e dello stato di diritto in Turchia. Il rapporto afferma che Ankara ha ignorato le raccomandazioni formulate dalla commissione un anno fa.

La Commissione europea ha affermato che le “gravi preoccupazioni dell’UE per il deterioramento della democrazia, dello stato di diritto, dei diritti fondamentali e dell’indipendenza giudiziaria non sono state affrontate”. “C’è stato un ulteriore calo in molte aree”.

Per la prima volta in tutti questi anni, Bruxelles afferma anche che Ankara non intende più attuare seriamente le riforme sostenute dall’UE, anche se il presidente Recep Tayyip Erdogan ha affermato ad aprile che il suo paese è rimasto impegnato a una piena adesione alle riforme guidate dall’UE. Dopo alcuni gravi scontri lo scorso anno con diversi paesi europei, in particolare Francia e Grecia, sembra che la Turchia abbia cercato di migliorare le relazioni dall’inizio di quest’anno.

due taglie

Secondo il ministero degli Esteri turco, il rapporto mostra “doppi standard” da parte dell’Unione europea. Il ministero respinge “critiche irragionevoli e accuse infondate” nella relazione sullo stato di avanzamento. Il sindacato non ha mantenuto le promesse.

“La Turchia si attiene alla sua scelta di aderire a pieno titolo all’Unione europea nel modo più deciso possibile”, ha affermato il ministero. “Sarebbe nell’interesse di tutti che l’UE vedesse la Turchia come un candidato negoziale e non come un partner con cui dobbiamo fare affari quotidianamente, visti i nostri interessi comuni”.

Quando la Turchia e Bruxelles hanno avviato il processo di adesione nel 2005, il governo turco sotto l’allora primo ministro Erdogan era impegnato a riformare la legislazione e i regolamenti economici in modo europeo. La Turchia ha anche compiuto progressi significativi nel campo dei diritti umani.

base irregolare

Negli anni successivi, la richiesta di riforme della Turchia vacilla ed Erdogan emerge sempre più come un leader autoritario. Dopo il fallito golpe del 2016, l’Europa e Ankara hanno virato sempre di più. Agli occhi di Bruxelles, il governo turco ha reagito in modo esagerato al tentativo di colpo di stato.

Inoltre, restano irrisolte varie controversie tra Ankara e l’Europa. Ad esempio, lunedì i ministri degli esteri dell’UE hanno deciso di preparare nuove sanzioni contro la Turchia in risposta all’intervento della Turchia a Cipro.

Alla fine di settembre, la marina turca ha inviato una nave da ricerca greco-cipriota da una parte del Mediterraneo che la Turchia considera la sua piattaforma continentale. Sempre a luglio, su iniziativa di Ankara, è stato riaperto al pubblico il resort Varosha, un tempo popolare, nella parte turca di Cipro del Nord. Dopo l’invasione turca dell’isola, il luogo in cui fuggirono i greco-ciprioti fu chiuso per ordine delle Nazioni Unite.

READ  Oltre 150 dispersi in Germania: alla ricerca di cumuli di macerie metro per metro

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24