L’UE vuole acquistare congiuntamente vaccini contro il vaiolo delle scimmie e i Paesi Bassi ne hanno ancora abbastanza | Attualmente

L’Unione Europea ha deciso di acquistare congiuntamente un vaccino e un antivirale contro il vaiolo delle scimmie. Lo ha detto venerdì il coordinatore svedese della vaccinazione Richard Bergstrom al quotidiano svedese Nytter di Dagen† I Paesi Bassi hanno vaccini sufficienti e quindi non partecipano agli acquisti di gruppo.

Secondo il quotidiano, è correlato al vaccino Imvanex e al farmaco antivirale Tecovirimat. Imvanex è prodotto dalla società tedesca Nordic e Tecovirimat dalla società americana SIGA Technologies.

L’Unione Europea non ha ancora firmato contratti con le compagnie farmaceutiche, ma ciò potrebbe accadere presto, secondo Bergstrom. “Dovremmo ottenere un contratto in circa una settimana”, ha detto al giornale. “E forse già alcune consegne limitate a giugno.”

I Paesi Bassi hanno ancora dosi sufficienti di Imvanex in magazzino e non sono coinvolti nell’acquisto. I vaccini sono destinati principalmente, ad esempio, agli operatori sanitari che interagiscono con i pazienti.

L’impulso per l’acquisto congiunto è stato l’acquisto europeo di vaccini contro il coronavirus, che molti Stati membri vedono con soddisfazione. Il Belgio ha già firmato. Il paese ha diritto a 1250 dosi delle 50.000 che l’UE intende acquistare.

“Azione rapida richiesta per un approccio di successo”

Imvanex è un vaccino contro il vaiolo, a cui il vaiolo delle scimmie è strettamente correlato. Il vaccino è approvato negli Stati Uniti per prevenire sia il vaiolo che i primati. Nell’Unione Europea, Imvanex è approvato solo per il controllo del vaiolo, sebbene i medici possano prescriverlo anche per i pazienti con vaiolo delle scimmie.

All’inizio di venerdì, l’Organizzazione mondiale della sanità dell’OMS ha affermato che è necessaria “un’azione rapida” per curare con successo il vaiolo delle scimmie nei paesi in cui il virus è presente da un periodo di tempo più lungo. L’Organizzazione Mondiale della Sanità non ritiene necessaria la vaccinazione universale in questo momento, ma è importante la vaccinazione mirata delle persone che sono state in contatto con persone infette. “Indagini, tracciamento dei contatti e isolamento a casa sono i mezzi migliori ora”, ha affermato Rosamund Lewis, funzionario dell’OMS.

READ  I quasar sono le nuove "candele standard" per calcolare le distanze più lunghe dell'universo

Dall’inizio di maggio sono stati diagnosticati più di 200 casi sospetti e confermati di vaiolo delle scimmie in più di 20 paesi al di fuori dell’Africa. Lo riporta l’agenzia di stampa Reuters. La variante che ha causato l’attuale focolaio ha un tasso di mortalità di circa l’1%. Finora non sono stati segnalati decessi.

Dodici casi di virus del vaiolo delle scimmie sono stati identificati nei Paesi Bassi, riferisce l’Istituto nazionale del virus del vaiolo delle scimmie. Se il risultato del test è positivo, dovrai rimanere in isolamento fino a quando tutti i sintomi non si saranno risolti.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24