Lukashenko: Potremmo aver aiutato gli immigrati | All’estero

Migliaia di migranti, per lo più dal Medio Oriente, hanno tentato di recarsi nell’Unione europea attraverso l’Europa orientale e la Bielorussia negli ultimi mesi. Vengono fermati al confine con la Polonia, membro dell’Ue, dove la tensione sale. I paesi europei accusano il regime di Lukashenko di aver orchestrato la crisi dei migranti in risposta alle sanzioni europee.

“popolo slavo”

Lukashenko non ha obiettato alla BBC che le sue forze stavano aiutando i migranti. “Siamo un popolo slavo. Abbiamo un cuore. Le nostre truppe sanno che gli immigrati stanno andando in Germania.” “Forse qualcuno li ha aiutati. Non lo esplorerò ulteriormente”.

Lukashenko, 67 anni, ha anche chiarito che per il momento non permetterà che i migranti vengano fermati. “Non stanno venendo nel mio paese, stanno venendo nel tuo paese”, ha detto alla BBC. “Ma non li ho invitati. Ad essere onesti, non voglio nemmeno che attraversino la Bielorussia”.

Lukashenko ha governato la Bielorussia dal 1994, che confina con Russia, Ucraina e diversi paesi dell’Unione Europea. La sua controversa rielezione lo scorso anno ha suscitato proteste di massa da parte dei cittadini bielorussi che credevano che fossero state commesse brogli elettorali. Le forze di sicurezza di Lukashenko hanno soppresso questo, il che ha portato a sanzioni europee.

Tikhanovskaya non è felice

Il principale avversario di Lukashenko, la leader dell’opposizione Svetlana Tikanovskaya, si è detto scontento dell’intervista alla BBC. Pensavo che la BBC avesse dato al presidente una piattaforma per diffondere “bugie e propaganda”.

READ  L'Organizzazione per la giustizia degli Stati Uniti ha anche richiesto dati telefonici a un giornalista della CNN sotto Trump

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24