L’UNHCR afferma che la nuova legge britannica sull’asilo viola il diritto internazionale

L’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, si oppone a un disegno di legge britannico per scoraggiare le persone dal venire nel Regno Unito.

Secondo l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, se la proposta verrà approvata, si creerà una spaccatura tra un gruppo relativamente piccolo di richiedenti asilo che è arrivato nel Regno Unito con il permesso del governo britannico e un gruppo molto più ampio che è arrivato da solo iniziativa. Il rappresentante dell’UNHCR nel Regno Unito, Rossella Bagliucci-Laure, afferma che tale dualismo non ha fondamento nel diritto internazionale.

Permesso di soggiorno temporaneo

L’anno scorso, 8.500 migranti sono arrivati ​​via mare dalla Francia all’Inghilterra. Quest’anno ce ne sono già oltre 12.000. Il ministro degli Interni Patel è sottoposto a enormi pressioni dal suo partito conservatore per fare qualcosa al riguardo.

Inizialmente, vuoi che i richiedenti asilo che sono venuti nel Regno Unito senza l’autorizzazione del governo siano espulsi nel paese in cui sono inizialmente fuggiti. In caso contrario, secondo il suo disegno di legge, riceveranno un permesso di soggiorno temporaneo che può essere ritirato in qualsiasi momento.

Bagliucci dice che vivranno per anni nell’insicurezza e nella povertà e non avranno diritto al ricongiungimento familiare. “Questo porterà a danni alla salute e ostacolerà la loro integrazione. I costi finanziari, individuali e sociali sono alti”.

Inoltre, secondo Pagliuchi-Lor, non ci sono prove che questa legge possa scoraggiare i richiedenti asilo. Il parlamento britannico deve ancora votare sulla proposta.

READ  Non c'è accordo tra Polonia e Repubblica Ceca sulla controversa miniera di lignite

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24