L’Unione Europea stringe la vite a testa zigrinata sulla Bielorussia: “Queste misure danneggeranno”

Dall’ottobre dello scorso anno, l’Unione europea ha imposto un numero crescente di “misure restrittive” contro la Bielorussia a causa di elezioni presidenziali irragionevoli e violenze contro manifestanti, politici e giornalisti.

deliberatamente attirato

a partire dal Nuove sanzioni Oggi annuncio l’afflusso di immigrati che il dittatore bielorusso Alexander Lukashenko avrebbe deliberatamente attirato. “Si tratta in particolare di imporre sanzioni alle persone e alle organizzazioni che partecipano a questa pressione sull’immigrazione”, afferma il giornalista politico Vons Lambie. Inoltre, l’Unione Europea è in trattative con paesi arabi, come l’Iraq, per fermare questo flusso.

Il ministro degli Esteri uscente Ben Knabin (Cda) ha affermato che “sono urgentemente necessarie misure punitive”. “È l’unico strumento che abbiamo oltre alle consultazioni con i paesi del Medio Oriente”, ha aggiunto. Egli ha detto Oggi a Bruxelles.

La conversazione non porta a nulla

Secondo il ministro uscente: conversazione telefonica Il coordinatore per gli affari esteri dell’UE Josep Borrell con il ministro degli Esteri bielorusso Vladimir McKeej ieri non ha fatto nulla. Knapen: “La realtà è che le misure prese ora danneggeranno davvero la Bielorussia. Se colpiscono un gran numero di dirigenti e le loro famiglie con la libertà di movimento, diventerà anche un problema fastidioso per un gruppo di persone molto più ampio di quanto non lo sia attualmente .”

Ciò che fa anche l’UE è trattare con le compagnie aeree e le agenzie di viaggio che portano i richiedenti asilo in Bielorussia. Questo sta già avendo effetto: Turkish Airlines ha annunciato che non accetterà più passeggeri siriani e iracheni sui voli di sola andata verso la capitale bielorussa, Minsk.

READ  Avanzata talebana in Afghanistan: 'Non ho mai pensato a una soluzione sostenibile'

Più opzioni?

Rob de Wijk, esperto di relazioni internazionali e affari di sicurezza, non crede che le nuove sanzioni porteranno direttamente a cambiamenti nel sistema bielorusso. “Non perderanno il sonno per questo, ma non hai molte altre opzioni in questo momento.”

Altre opzioni che l’UE ha ancora, dice, sono ancora troppo pesanti. Ciò riguarda misure come la chiusura delle transazioni finanziarie della Bielorussia con l’Occidente o il divieto di determinati prodotti bielorussi. “Queste sono opzioni quasi nucleari, con essa distruggi molto. L’UE non dovrebbe immediatamente gettare tutte le sue carte in tavola, ma dovrebbe fare un passo ogni volta per vedere cosa succede. Altrimenti, non ti rimarrà nulla”.

Seguendo misure europee più severe, de Wijk temeva che Lukashenko si sarebbe rivolto alla Russia. “Più a lungo soffochi la Bielorussia, più spingi il Paese tra le braccia di Putin. Ora Lukashenko ha un pessimo rapporto con questo, perché Putin vuole rendere la Bielorussia parte della Federazione Russa. Ma anche questo è qualcosa che l’Occidente non vuole. vogliono. Porterà, tra le altre cose, a confini molto più lunghi tra l’UE e la Russia.”

Il posto più debole dell’Unione Europea

Ma per ora Lukashenko sta sfruttando il punto più debole della politica europea: l’immigrazione. “E’ un tema su cui i paesi europei non si accordano da anni”, afferma il corrispondente politico Lampe. “Inviando i richiedenti asilo, puoi esercitare una pressione estrema sugli Stati membri dell’UE. La Bielorussia sta sfruttando questa debolezza, proprio come ha fatto prima la Turchia. Questo è ironico, ma purtroppo è una realtà”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24