Marciume sull’Ucraina come candidata all’adesione all’Ue: “Devo dire: ho sbagliato”

Il primo ministro Rutte sarà d’accordo anche a nome dei Paesi Bassi. Per settimane, i Paesi Bassi hanno sollevato ogni tipo di obiezione alla concessione dello status di candidato all’Ucraina.

Radice: “Ho sbagliato”.

“Ero un po’ preoccupato che la Commissione europea avrebbe accelerato la sua valutazione dell’Ucraina e la sua consulenza sullo status del candidato”, ha detto Rutte. “Devo dire: ho sbagliato”. Secondo lui, la commissione non è stata risparmiata dall’Ucraina e dal “giudizio spietato, giusto e fermo”.

Solo quando l’Ucraina soddisfa una serie di condizioni legate alla corruzione e alla democrazia può iniziare il processo.

“Era fuori questione sei mesi fa”, dice il giornalista politico Vons Lambie. “Certamente per i Paesi Bassi e per Rutte personalmente, questo è un punto di svolta importante. L’Aia credeva che l’UE fosse già abbastanza grande e che l’Ucraina non fosse adatta. Rutte ha dichiarato esplicitamente in una dichiarazione che l’accordo di associazione non era un trampolino di lancio per l’UE ma con molti paesi europei che desiderano concedere all’Ucraina questo status, L’Aia ha comunque accettato”.

Macedonia del Nord e Albania

Per quanto riguarda gli altri membri candidati, l’UE ha segnali meno ottimisti. La Macedonia del Nord e l’Albania sono candidati all’adesione all’UE da molti anni, ma non sono ancora stati autorizzati ad avviare negoziati di adesione in preparazione all’adesione. La Bulgaria tratterrà la Macedonia del Nord finché il suo piccolo vicino non tratterà adeguatamente la minoranza bulgara, secondo Sofia, e porterà la Bulgaria a dominare nelle lezioni di storia.

L’UE non vuole che l’Albania continui senza la Macedonia del Nord, che già soddisfa le condizioni dell’UE meglio dell’Albania. La pressione sulla Bulgaria per porre fine alla sua resistenza è aumentata con le candidature di Ucraina e Moldova. Molti paesi temono che i paesi balcanici, che da tempo aspettano l’adesione all’UE, rimarranno delusi e amareggiati se vedranno l’unione cedere il passo ai nuovi arrivati.

READ  Un altro furto in una scuola nigeriana, 200 bambini rapiti

Paesi balcanici arrabbiati

Il primo ministro della Macedonia del Nord, Dimitar Kovacevsky, non ha nascosto la sua rabbia dopo che sei paesi dei Balcani occidentali hanno incontrato i leader dell’Unione europea. “Ho espresso la mia insoddisfazione per la procedura, che va avanti da quasi diciotto anni”, ha detto. Il Paese ha presentato domanda di adesione all’Unione Europea il 22 marzo 2004. “I negoziati non sono ancora iniziati a causa dell’embargo imposto a un Paese. Questo è un duro colpo per la credibilità dell’Unione Europea”.

Il suo omologo albanese Edi Rama ha parlato di “ostaggio” della Bulgaria. Ha descritto la posizione di un paese della NATO contro altri due membri della NATO durante una guerra in Europa come “oltraggiosa”.

“Quindi quanta speranza c’è in Ucraina, c’è molta rabbia che si sente nei Balcani che pensano di essere stati legati per anni. Dimostra anche che l’adesione dei candidati non significa che diventerai un membro rapidamente”, afferma Lampi. “Oggi si sta compiendo un passo verso un’Unione europea più ampia in futuro, ma potrebbero volerci anni per arrivarci”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24