Matthew van der Boyle ordina al Giro d’Italia

In precedenza, ha cercato di smorzare le aspettative, ma nessuno ci è più caduto. Quella salita non è stata sufficientemente selezionata alla fine della prima fase? Tuttavia, Matthew van der Boyle ha vinto la corsa finale con un tempismo perfetto. Si è allenato solo una volta sulla sua bici da cronometro? Sabato è stato “solo” secondo nella cronometro di oltre nove chilometri e ha indossato la maglia rosa di leader. Interviene nella corsa finale vinta dal britannico Mark Cavendish nel terzo round di domenica. “Non è così facile come sembra”, ha detto la scorsa settimana. Ma van der Boyle (27) ha ordinato la sua prima partita al Giro.

Dal successo di tappa e maglia gialla quando ha debuttato al Tour de France l’anno scorso al successo nel tour delle Fiandre questa primavera, dopo un inverno pieno di infortuni. Ricordando le masse all’inizio dell’Olanda nel 2010, dopo i primi tre Livelli Zero in Ungheria, ora van der Boel porta la maglia rosa di leader in Italia. Il lunedì è una giornata di viaggi e svago, in attesa della prima piattaforma di montagna estrema sul vulcano Peloton Edna in Sicilia martedì, dove l’arrivo è a 1.892 metri sopra il Rifugio Sabinza. “Penso che lì mi mancherà la maglia”, Van der Boyle non vedeva l’ora che andasse a Budapest questo fine settimana. Andrà bene

Bici da prova a tempo rosa

Dopo aver perso tre secondi contro il vincitore di tappa britannico Simon Yates in una cronometro a Budapest sabato, battendo il terzo classificato Tom Dumoulin e tutti gli altri esperti a tempo, ha detto Van der Boyle. Su una bici da cronometro rosa costruita appositamente per lui, ha tagliato gli angoli come nessun altro tra le siepi del pubblico e ha dato loro piena potenza nello Stretto. Caccia e caccia. Proprio come vincere la tappa del venerdì, sprofondare a terra quando la fatica è passata. “Ma ora sono molto meno a pezzi. Ho notato che il test del tempo è qualcosa che faccio raramente.

READ  Italia Corona Pass raschiato nei ristoranti e dovere mascherine | All'estero

È arrivato secondo durante la cronometro del sabato di Matthew van der Boyle.

Foto di Bernadette Sapo / Reuters

L’anno scorso, al suo primo Tour de France, van der Boyle ha conquistato la maglia gialla di capitano nella seconda giornata con una spettacolare vittoria di tappa al Mûr-de-Bretagne, dedicata a suo nonno Raymond Poulter, scomparso nel novembre 2019. Ha consegnato battaglie indimenticabili con Wout van Aert quella prima settimana del tour, poi si è superato in un test una tantum, quindi alla fine ha dovuto cedere il giallo solo al vincitore del tour Tadej Pogacar sei giorni dopo. Come allora era in Francia, ora si sorprende con una cronometro al Giro. “Sapevo di poter mantenere la maglia rosa qui, ma non mi aspettavo di avvicinarmi alla vittoria sul palco”.

Il porta rosette è popolare anche in Italia. “Van der Boyle offre sempre una scena”, ha detto il capo del Giro Paulo Bellino prima dell’inizio. Nel 2013 l’olandese è diventato Campione del Mondo Junior a Firenze. Sette anni dopo c’è un fantastico successo di tappa al Trano-Adriatico. La stagione successiva brilla con una vittoria sulla Strait Bianche e poco dopo sul treno, in cui abbatte di poco il vincitore assoluto Pokhara dopo una solitaria di 51 km. Le scommesse in Italia sono speciali per Van der Boyle. Lo zero? “E’ una bella gara che non vedo l’ora”, ha detto in precedenza.

Oltre alla vittoria di tappa e alla maglia rosa, Van der Boyle ha fissato l’obiettivo in Italia di completare tre turni settimanali per la prima volta nella sua carriera. L’anno scorso ha lasciato il tour dopo dieci giorni per prepararsi alle Olimpiadi, dove si è schiantato contro una mountain bike ed è dovuto cadere. Ora, dopo Zero, il tour sarà nei suoi piani a luglio. “Spero di finire sia Zero che il Tour quest’anno perché così posso diventare un pilota migliore.

READ  Dopo miliardi di fondi di salvataggio dell'UE da parte della mafia italiana, non solo in Italia

Dopo il terzo round, ha portato il suo compagno di squadra italiano Jacques Marezko al quinto posto nello sprint, con Van der Boyle in vantaggio di 11 secondi al Simon Yates di Edna martedì e Dumoulin a 16 secondi. Di solito entrambi sono ottimi arrampicatori e lui La Maglia Rosa Perduto, pensa van der Boyle. Fatta eccezione per la guida molto lenta. Provo. Anche dopo, ci sono ancora molti obiettivi in ​​questo Zero. Andrò per una vittoria di tappa ancora un paio di volte.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24