Matthew van der Poel non guida a pieno regime da un anno e mezzo a causa di problemi alla schiena

Quando alla fine di luglio, al suo debutto olimpico in mountain bike, Matthew van der Poel ha colpito duramente il terreno al primo giro perché aveva dimenticato di non avere più tavola nel suo più grande salto in pista a Izu, in Giappone, ora che la gara è iniziata tenendogli subito la schiena… È stato il suo punto debole nel corso dei secoli.

Ogni volta che cambia bici, soprattutto d’estate da bici da strada a mountain bike, se ne lamenta. Ha a che fare con la situazione sulle due moto, che è completamente diversa. Anche con truppe che sparano sulla parte bassa della schiena quando si sale per brevi e ripide salite in terreni montuosi. Questa intensità non può essere allenata, non importa quanto sia fedele agli esercizi di stabilità. Van der Poel ha bisogno del ritmo della partita per abituarsi. Ma non ha quel tempo. Quando altri vanno in mountain bike o in bici da strada per un’intera stagione, lui fa entrambe le cose in estate. Alcune partite qui, altre là, sperando che il suo talento sia abbastanza grande da dominare ovunque.

Ancora sbalordito a terra a Izu, osservando il pubblico giapponese in soggezione, valuta i danni. Sorpreso e con il viso arrossato, continua a uscire dalla corsa olimpica dopo una breve scarica di adrenalina. L’aspettava da cinque anni. È venuto in Giappone solo per l’oro. Adesso torna a casa a mani vuote.

Tre major

Le prime scansioni non mostrano grandi disgrazie. Fortunatamente, perché Van der Poel non ha tempo da perdere. Finiti i Giochi, ha gli occhi puntati sul prossimo obiettivo: i Mondiali di Mountain Bike, a fine agosto in Val di Sole, Italia. Sogna di diventare il campione del mondo in tre discipline ciclistiche: ciclismo, mountain bike e ciclismo su strada. Attualmente, questo era possibile solo su una bici da cross. e quattro volte.

Ma durante un periodo di allenamento in alta quota presso la sua adorata Livigno, si scopre che la sua schiena gli dà più fastidio di quanto si aspettasse. Ha rotto presto il campo e non molto tempo dopo ha anche parlato di mountain bike ai Mondiali. “Mathew ha sofferto di un infortunio alla schiena nelle ultime settimane”, ha detto una dichiarazione del suo team Alpecin-Fenix. “La situazione sta migliorando ma il Mondiale arriva molto presto. Ha intenzione di prepararsi per la prossima parte di stagione, Parigi-Roubaix compresa”.

Ancora una volta, Van der Poel ha meno di un mese per riprendersi. Sarà una corsa contro il tempo per prepararlo al resto della stagione su strada. Al suo meglio, dovrebbe avere la possibilità di vincere due grandi premi: il titolo mondiale su strada nelle Fiandre e la Parigi-Roubaix, dove ha debuttato. Essendo il miglior pilota di motocross al mondo, dovrebbe essere in grado di esibirsi bene lì. Le aspettative e le aspettative della sua squadra e dei suoi tifosi sono molto alte. fin dall’adolescenza.

READ  365 giorni pieni di fatti ciclistici grandi e piccoli

Mentre sta cercando di allenarsi al meglio, sta giocando di nuovo. Van der Poel deve ritardare di settimane il suo ritorno in strada in bicicletta. wielerflits.nl. sito web Rapporti Secondo fonti anonime, van der Poel ha combattuto tra le sue vertebre e ha avuto un’ernia. La sua squadra non lo conferma. Tuttavia, ci sarà di nuovo a metà settembre. Ad Antwerp Port Epic, una nuova competizione con scivoli di ghiaia nell’area portuale intorno ad Anversa, mangia le pietre del selciato. Vince, ma non c’è campo più alto all’inizio.

Ai Mondiali di fine settembre non è riuscito a tenere il passo con la rapida accelerazione del futuro vincitore Julian Alaphilippe, mentre a marzo – forse nella forma della sua vita – il francese nella classica italiana Strade Bianche a metà con una gran finale sprint. sullo schermo. Una settimana dopo, al suo debutto a Roubaix, sembra essere sulla buona strada per la vittoria, quando in uno sprint al famoso velodromo nel nord della Francia, viene picchiato da due uomini.

Suo padre Adri van der Poel lo guarda con ammirazione. Sa che suo figlio più giovane soffre di nuovo di un fastidioso mal di schiena. È ancora al terzo posto in una delle copie più dure della Parigi-Roubaix degli ultimi anni. Ha individuato cosa è successo negli ultimi 100 km dell’edizione del dragaggio. “Non credo che Matthew sia stato in grado di usare i suoi poteri al 100% per un anno e mezzo”, dice Adrie al telefono. “È un accumulo della caduta odiosa in cui è stato ingannato. Poi è stato rattoppato più e più volte. Ma quelle erano soluzioni di emergenza. Il dolore non è andato completamente via.”

Nuovo contratto quadriennale

Dopo Roubaix, Van der Poel si prende una pausa. Sono state le montagne russe per un anno e il giallo al Tour de France è stato il momento clou. Non c’è bisogno di preoccuparsi per il suo futuro; A settembre ha firmato un nuovo contratto che lo lega ancora per quattro anni all’Alpecin-Fenix, squadra che, grazie a lui, può iniziare tutte le principali gare di ciclismo su strada. Matthew è uno dei nostri pilastri, afferma il suo management. Chi deve esibirsi sempre e ovunque.

Van der Poel impiega quattro settimane, molto prima di poterlo fare. Ma quando, di ritorno dagli allenamenti, è caduto nel bosco e si è fratturato malamente un ginocchio, ha dovuto rimandare il suo ritorno in campo. La cosa più importante è che il suo mal di schiena non è ancora passato. Ha ancora fatto il suo ritorno il giorno di Santo Stefano, ma dopo mezza corsa da motociclista è uscito deluso. Secondo il suo team, le scansioni mostrano “gonfiore del disco intervertebrale”. Sophie Rommins, medico riabilitatore presso l’ospedale universitario di Lovanio, sospetta che sia la causa del “rigonfiamento” del disco intervertebrale. Il disco intervertebrale può essere visto come una cipolla con anelli. Quando si gonfia, l’intero disco si gonfia. Questo differisce da un’ernia, dove il rigonfiamento è più localizzato”.

READ  I talebani si concentrano principalmente sulla cooperazione con la Cina

Secondo Rummins, dipende da ogni paziente che sorgono lamentele per il dolore. Ci sono persone che possono camminare per anni con un disco intervertebrale sporgente senza saperlo, perché non c’è pressione sul nervo o su altri tessuti.

Il rigonfiamento è di solito un processo lento che può causare sintomi gravi, dice, e generalmente non è causato da un colpo esterno o da una caduta. Di solito consiglia ai suoi pazienti di continuare a muoversi. Ha dato loro un programma di riabilitazione con esercizi per aumentare la resistenza della schiena. La maggior parte delle persone con mal di schiena acuto non avverte alcun dolore dopo sei settimane. Rommins rifiuta il fatto che il rigonfiamento sia per definizione lo stadio iniziale di un’ernia.

In qualche modo, van der Poel è sollevato dal fatto che sia stata trovata una causa per il suo dolore. In un primo momento, ha dovuto mettere temporaneamente da parte la sua bicicletta. Non ci sarà solo una striscia positiva nei Campionati del mondo di ciclocross alla fine di gennaio negli Stati Uniti. Van der Poel difenderà il suo titolo lì. Ha gareggiato in Coppa del Mondo negli ultimi 10 anni, che è diventato il più giovane a vincere nel 2015.

Il giorno di Capodanno trascorre due ore in bicicletta. Guida un pezzo di torta per 61 chilometri. Torna alla bici Dice nel suo file Strava. Questo sarà solo di breve durata.

malattia familiare

E la sua squadra ha annunciato, mercoledì, che Van der Poel non giocherà più quest’inverno. Il suo infortunio alla schiena può essere curato solo con il riposo, secondo un comunicato stampa. “Non ho raggiunto il livello richiesto dal tour”, dice. “È agrodolce che non riesca a difendere il mio titolo mondiale ed è frustrante non sapere come continuerà. Ma non sono preoccupato per la mia carriera”.

Anche suo padre, Adri, è convinto che andrà tutto bene. “Lo specialista della schiena di Herentals, qualcuno con una conoscenza, ha detto che può ricominciare a pedalare solo dopo che il dolore è passato. Non devi impostare una data di scadenza e non imporre più nulla. Comunque, non è più divertente. Trovo è particolarmente fastidioso per lui”.

READ  Immunità di gruppo sulle spalle dei bambini

Adri dice che il mal di schiena è di famiglia. Anche lui e suo figlio maggiore, il ciclista David van der Poel, ne soffrono. “Sono sempre stato in grado di gestirlo bene e ho consigliato di prendermene cura un po’. Quindi lo sono. Le cose stanno andando bene per David ultimamente. Con noi, il problema è più nella colonna vertebrale. Ma quello che era trovata con Matteo, non l’abbiamo mai avuta.”

Adrie pensa che i colpevoli possano essere i lati in discesa del ciclocross, che sono stati sempre più aggiunti alla pista negli ultimi anni per creare uno spettacolo. Sente che molti ciclisti se ne lamentano. “Camminare e andare in bicicletta fanno molto male alla schiena”, dice. “Vai a correre sulla spiaggia. Poi lo senti”.

Vede anche i rapidi cambi di moto durante la stagione come un potenziale problema. “Mathew non ha un periodo di corsa, spesso deve avere ragione. Forse sarebbe intelligente se partisse un po’ più tranquillo. E il suo modo di correre è molto impegnativo. Guarda cosa sta facendo alla Tirreno [in maart vorig jaar, een solo van 50 kilometer]. E non si ferma una volta all’anno. Non lo sopportavo e ho dovuto guidare molto di più con la testa. Forse dovrebbe farlo un po’ di più. Non ha più vent’anni. Ma questo è difficile. Perché adora andare in bicicletta”.

Il suo capo squadra Christoph Rudhoft dice come Van der Poel si sente attualmente riguardo ai cambiamenti di giorno in giorno. “Non è bello. Ovunque vede squadre presentarsi con nuove divise e moto per la prossima stagione. La croce è davvero ovunque ormai. Ed è annoiato”.

Ciò che rode è l’incertezza. “Se ti rilassi per tre mesi e ti assicuri che sia finita, starai bene. Ma non sappiamo nulla. Anche questo tiene Mathieu molto impegnato”. Nessun intervento chirurgico è stato discusso con i medici. Ruddhoft dice che l’apertura della schiena fallisce più di quanto riesca.

È un lavoro duro per l’azienda che ha costruito negli ultimi 10 anni sul talento di Mathieu van der Poel. “Ora sta a noi dimostrare che anche noi possiamo farne a meno”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24