Media australiani multati per aver riportato abusi sul cardinale Pell

Un giudice di quel paese ha multato 12 media australiani per aver riportato il procedimento penale contro il cardinale George Pell. È stato processato nel 2018 per aver aggredito sessualmente i membri del coro a metà degli anni ’90. Le organizzazioni dei media devono pagare importi che vanno da più di 600 euro a più di 280.000 euro.

All’epoca Bell era uno stretto consigliere di Papa Francesco e il terzo uomo in Vaticano. Il più alto funzionario della Chiesa cattolica romana era sospettato di abusi.

Per garantire a Pell un processo equo che non sia influenzato dall’opinione pubblica, il giudice australiano ha stabilito che i media non dovrebbero discutere del processo e del suo esito. Consenti loro di inviare messaggi. Sole Richiedi una maschera Non è raro nei paesi che hanno un sistema legale basato sulla legge del Regno Unito.

“censura”

Quando Bell è stato condannato nel dicembre 2018, ha messo i media in Australia in una posizione imbarazzante. Il caso ha attirato l’attenzione di tutto il mondo, con tutte le agenzie di stampa internazionali che ne hanno parlato, ma ai media in Australia è stato impedito di farlo.

Nessuna testata giornalistica australiana ha osato riferire direttamente sul processo e sul verdetto contro Pell. Alcuni hanno riferito di non essere stati in grado di denunciare una causa contro una figura di alto profilo. In alcuni casi si faceva riferimento alle pubblicazioni sui media stranieri.

Il più grande quotidiano di Melbourne è uscito con una prima pagina nera con la parola “censura” in lettere bianche. Sotto si legge: “Il mondo sta leggendo una storia importante. L’Herald Sun non è autorizzato a pubblicare dettagli. Ma fidati di noi, vale la pena leggere la storia”.

READ  Piano di bilancio a 12 zeri: Biden investirà nell'economia americana il prossimo anno cinquemila miliardi di euro | Casa, casa

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24