Medvedev: La decisione dell’ATP ha più senso della decisione di Wimbledon ora

Daniil Medvedev capisce di trovarsi in una situazione speciale ora che non ci sono punti per la classifica mondiale da guadagnare a Wimbledon. Il russo non è autorizzato a prendere parte alla “Holy Grass” di Londra a causa della guerra in Ucraina, ma può comunque rivendicare il primo posto senza giocare.

Le federazioni di tennis ATP e WTA non sono contente che Wimbledon metta al bando russi e bielorussi e quindi hanno deciso di non avere punti di valutazione inizialmente al torneo del Grande Slam. Il numero uno del mondo Novak Djokovic perderà molti punti come vincitore del 2021 e non potrà riaverli.

“E’ una situazione molto speciale”, ha detto Medvedev con un sorriso in conferenza stampa dopo aver raggiunto il secondo round al Roland Garros. “Ma non posso cambiare certe decisioni. Se devo essere onesto, voglio ancora giocare a Wimbledon. Adoro giocare sull’erba”.

Medvedev è attualmente secondo nella classifica mondiale, a 680 punti da Djokovic. Il russo è stato “già” eliminato al quarto turno di Wimbledon lo scorso anno e perderebbe quindi molti meno punti rispetto al suo avversario serbo. In teoria, dopo Wimbledon, Medvedev potrebbe superare Djokovic nel ranking mondiale senza giocare.

Daniil Medvedev potrebbe diventare il numero uno al mondo dopo Wimbledon, dove non gli è permesso partecipare.


Daniil Medvedev potrebbe diventare il numero uno al mondo dopo Wimbledon, dove non gli è permesso partecipare.

Daniil Medvedev potrebbe diventare il numero uno al mondo dopo Wimbledon, dove non gli è permesso partecipare.

foto: Reuters

“L’ATP supporta le decisioni meglio di Wimbledon”

Senza usare parole dure, Medvedev ha espresso la sua sorpresa per la posizione di Wimbledon martedì. Dopotutto, russi e bielorussi sono i benvenuti in tutti gli altri tornei del Grande Slam, rigorosamente secondo le linee guida ATP e WTA (Under Neutral Flag).

READ  Sport Short: Venezia torna in Prima Divisione dopo 20 anni sport

“Non è facile dare la mia opinione in merito. Ma quando leggo la spiegazione della decisione ATP sui punti in classifica, ha molto senso. Non ho trovato quella logica nella spiegazione di Wimbledon. Non dico giusto o sbagliato, ma l’ATP è giusto o sbagliato”, ha detto Medvedev. I professionisti lo dimostrano meglio.

Djokovic ha già detto lunedì che la situazione ha solo perdenti. “Non sono favorevole alla decisione di Wimbledon, ma per me rimane uno dei tornei del Grande Slam a cui sono felice di partecipare. Ci sarà senza dubbio un gruppo che sarà colpito di più e si lamenterà anche di più. È difficile dire cosa è buono e cosa è sbagliato”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24