Michel Polentier vinse il Giro 45 anni fa: ‘Era molto forte ed era in ottima forma’

Il 1977 è stato un anno da ricordare per Michel Polinter, che oggi ha 71 anni. Nel giro di un mese vince il Giro d’Italia, la Svizzera e il Campionato del Belgio. Da allora abbiamo ricostruito quell’anno meraviglioso con Poulinter e i suoi compagni di squadra.

La Flandria Velda Latina è stata una delle migliori squadre del passato. Con Freddy Martens, Michel Poulter e Marc Demiere come protagonisti. Anche nel 1977 fecero nuovo scalpore. Maertens era il campione del mondo e nella sua maglia iridata era il migliore del gruppo alla Parigi-Nizza e al Tour of California. Ancora una volta, ha perso una vittoria in un monumento lastricato. Al Giro delle Fiandre sembrava in lotta per la vittoria, ma Maertens è stato rimandato dopo un cambio di moto non autorizzato su Koppenberg. Roger de Fleming e Willie Terlink sono stati un po’ duri sul selciato della Roubaix. Tuttavia, Maertens è andato al Giro d’Italia con grande fiducia dopo il suo meraviglioso tour in Spagna (Maertens ha vinto la classifica finale e tredici tappe, editore.)

Michele Polinter, qui con Freddy Martins. (GF) © GF GF

“Ha iniziato come una cometa e una settimana dopo ha vinto ben sette tappe. Un’impresa inaspettata, ma poi un disastro. Al Mugello sembrava sulla strada per vincere la tappa otto, ma Maertens ha avuto una brutta caduta e ha dovuto rinunciare. Il suo sogno di portare la maglia rosa in Occidente è andato in frantumi nelle Fiandre e così Fiandre-Velda-Latina hanno dovuto prendere una strada diversa. Michel Pollentier è diventato il capitano e anche lui l’ha realizzato. Il 71enne West Fleming ha tirato la copertura per stesso.Pollentier sfonda nel 1977 e, dopo il Giro, vinse anche il Giro di Svizzera e il Campionato del Belgio su strada. Nel giro di un mese, dopo tre anni, gli fu concesso di compiere il gesto della vittoria al Giro delle Fiandre.

READ  Il Barcellona ottiene una vittoria tanto necessaria e torna di nuovo, il Bayern già sicuro dal prossimo turno | calcio

gioco dei pedali

“Mi piace di più la mia vittoria al Giro delle Fiandre”, afferma Poulinter. “Certo sarebbe stato bello aggiungere il Giro al mio comfort, ma Flanders Moiste ha qualcosa di leggendario. Mi viene la pelle d’oca quando ci penso. Ne parlo ancora molto. Al Giro, i miei più grandi concorrenti italiani erano Francesco Moser e Gianbattista Baronchelli, che hanno fatto la differenza nella mia tappa Queen a Cortina e hanno dato gli ultimi ritocchi mettendo tutti al tappeto nella cronometro del penultimo giorno.Tre giorni dopo la mia vittoria assoluta al Giro d’Italia ho corso il Giro di Svizzera.In realtà stavo meglio lì. Davanti ero undici secondi più veloce di Lucien van Imbe È stato fantastico guidare con le gambe così. Ho anche pedalato al BC di Yvoir. È stato un grande anno, ma ovviamente è stato un peccato che non potevo competere per la maglia iridata in Venezuela, perché mi sono rotto la clavicola durante il sondaggio. È stato un “premio” La grande consolazione è che sono diventato sportivo dell’anno. Va oltre gli altri sport ed è quello che lo rende altrettanto bello Penso che la mia vittoria assoluta al Giro sarà il fattore decisivo, ma continuerò a portare la mia vittoria al Giro delle Fiandre nel 1980 un passo avanti”.

© G.F

Il compagno di squadra Paul Verscheuer ha assistito alla vittoria assoluta di Poulinter dalla prima fila. “All’inizio eravamo con dieci piloti della Flandria Felda Latina. È stata la caduta di Freddy al Mugello. Ovviamente sapevamo che Michel aveva molto da offrire, ma non pensavo che avrebbe vinto la classifica generale. Era molto forte e in buona salute forma. Eravamo molto forti anche prima di un mese del Giro. Poi la Vuelta è finita prima del Giro e lì Freddy era strano. Ha vinto la Vuelta a España e ha anche tagliato il traguardo tredici (!) volte prima. Ma anche Michel era bravo alla Vuelta. È arrivato sesto in classifica finale dopo aver fatto tanto Da lavorare per Freddy. Aveva senso che Freddy fosse anche il nostro numero uno al Giro, ma con Michel abbiamo avuto un grande capitano ombra. Anche Marc Demaier ha avuto buone gambe, perché ha vinto due tappe. La nostra squadra è stata semplicemente fantastica con Lom Driessens come direttore sportivo”.

READ  Fétisse e Osama Tanan stanno per prendersi una pausa | calcio
Michel Polentier con la sua giacca rosa.  (Foto Coghe)
Michel Polentier con la sua giacca rosa. (Foto Coghe) © GINO COGHE Foto Coghe

Rendi il corso difficile

Lo stesso Verschwer era anche un pilota brillante. Ha vinto, tra l’altro, tre tappe del Tour de France. Altrettanta soddisfazione, però, ha avuto la vittoria di Poulentre al Giro. “Avevo solo 22 anni all’epoca”, continua Verschwer. È stata solo un’esperienza unica che rimarrà con me per sempre. Ci sono stati esattamente cinque giorni tra la tappa finale del Giro di Spagna e la tappa di apertura del Giro. Ora ti chiameranno pazzo. Abbiamo corso per due mesi con appena cinque giorni di distanza e non è stato il caso che abbiamo guidato in modo anonimo. Eravamo sempre avanti e rendevamo il percorso difficile. Ho fatto una bella vita ed è questo che mi motiva ad elevarmi al di sopra di te stesso. (Ridere) Diversi corridori hanno ottenuto molto poco, ma hanno anche corso il Giro e la Vuelta uno per uno. Siamo stati fortunati che i nostri capitani sparassero spesso all’uccello principale. Ecco perché eravamo così felici di guidare il gruppo. Freddy, Michelle o Mark l’hanno finito comunque”.

“Ovviamente guidavo spesso per il servizio in Flandria. Ogni tanto mi è stato permesso di cogliere l’occasione per i miei tre grandi stint. (Maertens, Pollentier e Demeyer, a cura di) Non sei lì. Maertens era il leader assoluto e anche Pollentier e Demeyer sono riusciti a vincere regolarmente. Fortunatamente, abbiamo avuto un altro pilota di calibro Poulentier durante il Giro del 1977. Sarebbe stato un disastro ancora più grande se Mertens fosse caduto. Guidavo spesso con i freni chiusi, perché doveva vincere un compagno di squadra. Non direi di aver fatto la scelta sbagliata per Flandria, ma avrei dovuto prima rischiare altrove. Non mi pento della mia decisione, perché eravamo la migliore squadra del mondo. Abbiamo vinto gare a squadre, prove a cronometro, tappe di montagna, classiche fiamminghe, classiche valloni, …

READ  Arantxa Rus non partecipa al torneo Rosmalen turf a causa di una penalità contro Wimbledon | proprio adesso

altri tempi

Roger Verschiff, anche lui membro del Giro Flandria-Velda-Latina nel 1977, pensa che abbiano una rosa di stelle. “Non puoi paragonarci a una squadra dell’attuale gruppo professionistico. Solo Ineos Grenadiers potrebbe avvicinarsi, ma in realtà è impossibile fare un confronto. Avevamo 30 corridori nella nostra squadra e ne conoscevo solo 15. Erano sempre gli stessi corridori che sono entrati in gioco. Abbiamo giocato davvero molte partite. Corro da 120 a 130 gare all’anno. Alcuni corridori ora stanno lottando per arrivare a 60 giorni di gare. Penso che questo sia il cambiamento più grande nel ciclismo. amo guardare la gara, ma tutto è programmato.Con gli auricolari non vedrai una pista chiara.È utile conoscere lo stato della gara, ma penso che i piloti debbano fare le proprie scelte.Improvvisamente il pilota non è più autorizzato da guidare, pur avendo buone gambe.Al Giro 1977 la gara era in corso e penso che sia più bello e più giusto.In passato anche lo sterzo era meno. Siamo appena andati a quel giro d’Italia. Ora hanno un cuoco, un fisioterapista e tre medici con loro”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24