Milan Semiconductor Factory è la soluzione alla crisi dei microchip

Questa settimana è stata presentata la Clean Room, la parte centrale del nuovo stabilimento produttivo di semiconduttori della STMicroelectronics ad Agrate (Milano). Il completamento della parte centrale assicura che la produzione inizi in un anno.

primo della sua generazione

L’impianto produrrà wafer di silicone con un diametro di 300 mm. È il primo del suo genere in Italia e uno dei pochi stabilimenti in Europa. STMicroelectronics (in breve STM) è una società franco-italiana, in cui entrambi i paesi detengono una quota di minoranza.

Giancarlo Giorgetti, Ministro dello Sviluppo Economico italiano, ha partecipato alla presentazione in camera bianca. “STM è un esempio di successo industriale a livello transnazionale”, ha affermato il ministro. Ha osservato che i temi dell’autonomia strategica e della sovranità tecnologica per l’Europa sono centrali a Bruxelles.

Registrati per ricevere le nostre ultime notizie!

Panoramica settimanale sull’innovazione: ogni giorno uno dei nostri migliori articoli nella tua casella di posta!

risposta europea

In questo contesto si segnala anche l’apertura la scorsa settimana di una fabbrica di chip a Stoccarda. Bosch iniziò a produrre semiconduttori complessi per l’industria automobilistica lì. La tendenza si è invertita con i siti produttivi di Stoccarda e Agrit. Negli ultimi 30 anni, la quota dei produttori europei nel settore mondiale dei semiconduttori è scesa al 9%. Quindi le iniziative in Italia e Germania possono essere viste come la risposta dell’Europa alla carenza di microchip, la maggior parte dei quali sono realizzati in Asia. Tuttavia, va notato che il progetto STM è iniziato nel 2018, molto prima che la carenza diventasse evidente.

La visita del ministro alle camere bianche è arrivata anche nel contesto dell’annuncio di una nuova cooperazione tra di loro STM e Politecnico di MilanoIstituzione superiore europea. Nei prossimi anni verrà istituito un centro di ricerca congiunto per i materiali avanzati per i sensori. L’obiettivo principale è trasformare la ricerca in innovazione tecnologica per i sistemi microelettromeccanici, dove STM è stato tradizionalmente robusto.

READ  Il tribunale italiano avvia le indagini dopo i disordini con Corona a Roma

Cinque siti di produzione europei

STM è uno dei più grandi produttori di semiconduttori al mondo. L’azienda italo-francese conta undici siti produttivi, di cui cinque in Europa (Agrat, Catania, Krolls, Russet, Tours). Il gruppo è stato fondato nel 1987 con il nome di SGS-Thomson a seguito della fusione tra SGS Microelectronics (Italia) e Thomson Semiconducteurs (Francia). Nel 1998, l’azienda ha cambiato nome in STMicroelectronics.

Leggi anche come l’industria olandese dei semiconduttori prospera grazie alla collaborazione

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24