Molte piante non riescono a stare al passo con i cambiamenti climatici

Il declino di mammiferi e uccelli ha reso più difficile l’adattamento di molte piante ai cambiamenti climatici. Queste sono piante che dipendono dagli animali per la dispersione dei loro semi. colui il quale Gli scienziati ambientali concludono in un articolo che è stato pubblicato giovedì in Scienza.

Le zone climatiche stanno cambiando a causa del riscaldamento globale. Ad esempio, si prevede che i Paesi Bassi avranno un clima bordolese nel sud della Francia entro trent’anni. Le piante associate a una particolare zona climatica dovrebbero muoversi. Lo fanno diffondendo i loro semi. La velocità con cui cambiano le zone climatiche varia da luogo a luogo. “Può essere di pochi metri all’anno, ma può anche arrivare fino a un chilometro all’anno”, afferma Jens Christian Svening, professore di ecologia all’Università di Aarhus e uno degli autori della pubblicazione.

La metà di tutte le specie vegetali ha i semi dispersi dagli animali. Il declino di molte specie animali negli ultimi millenni, e la loro eventuale estinzione, ha influito sulla capacità di riprodursi di molte piante. Nell’articolo ora pubblicato, i ricercatori hanno tentato di quantificare questo effetto mondiale. “In un modo molto intelligente”, risponde Patrick Jansen, professore associato di ecologia all’Università di Wageningen, che non è stato coinvolto nello studio.

modello informatico

I ricercatori hanno inizialmente raccolto una serie di database con dati sull’interazione tra i semi dispersi delle specie animali e le piante da cui si sono dispersi. Su questa base hanno costruito (via apprendimento automatico) Un modello computerizzato che predice le interazioni tra una specie animale di dispersione dei semi e piante associate, e cosa significa per la dispersione dei semi.

READ  Più il tempo viene misurato con precisione, più velocemente l'universo morirà

Hanno quindi calcolato come la capacità delle piante di seminare i loro semi fosse già stata influenzata dal declino e dall’estinzione di specie di mammiferi e uccelli negli ultimi 50.000 anni. Hanno concluso che questa capacità (un indicatore della quantità di semi che germogliano e germinano e della distanza di diffusione dei semi) è effettivamente diminuita del 60% in tutto il mondo. Se le specie di mammiferi e uccelli ora a rischio continuassero a diminuire e ad estinguersi, questa capacità aumenterebbe di altri 15 punti percentuali.

grandi mammiferi

I ricercatori hanno scritto che le zone climatiche stanno cambiando rapidamente in Europa e nel Nord America orientale, ad esempio. La capacità delle piante di stare al passo con questo è già bassa, perché in passato molti grandi mammiferi in particolare sono scomparsi.

Secondo Jansen, lo studio attira l’attenzione su un “problema che è stato gravemente sottovalutato”. I ricercatori non hanno nemmeno incluso altri inconvenienti, come la frammentazione della natura. “Il seme di una pianta può finire a pochi chilometri attraverso un uccello, ma se il seme finisce in una strada o in un campo, non sarà di alcuna utilità per la pianta”. Inoltre, le riserve naturali sono spesso recintate. I mammiferi a dispersione di semi più grandi, come i cervi, non possono spargere semi al di fuori di quell’area.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24