Molto interesse per la cooperazione greca, ma le fregate M sono disponibili solo se è disponibile un’alternativa

Una rappresentanza su larga scala dell’industria della difesa e degli istituti di conoscenza olandesi era presente alla fiera della difesa greca DEFEA. Anche la Defense Equipment Organization (DMO) aveva sede ad Atene. MarineShips.nl ha parlato con loro.


Il Padiglione Olandese durante DEFEA ad Atene. (Foto: Jaime Kariman/MarineShips.nl)

Una serie di aziende della difesa olandesi si sono riunite al padiglione dei Paesi Bassi. Solo Damen e Thales avevano stand altrove nello show. Tra i quadrati arancioni erano visibili anche le scritte e le divise bianche dei Marines che si trovavano ad Atene per conto della DMO.

DMO: “L’asse greco-olandese conta”
Uno di loro era il viceammiraglio (TD) Ari Jan de Ward, che aveva già incontrato la delegazione greca quel giorno. Ciò non sorprende, perché, come è noto, la Grecia sta cercando un’alternativa alle fregate S esistenti. Ciò è possibile sotto forma di nuove navi, ma Atene spera anche di acquistare rapidamente le ultime due fregate M in servizio olandese.

Quest’ultimo, però, dovrà attendere. “La Grecia è interessata alle fregate M, così come il Cile”, ha detto de Ward a MarineShips.nl. “È bene discutere di questa opzione e siamo aperti, ma dobbiamo confrontarla con i nostri programmi”. “In altre parole, le fregate M saranno disponibili solo dopo la consegna delle fregate antisommergibile. La guerra antisommergibile è una capacità importante per i Paesi Bassi e la Royal Dutch Navy non accetterà una lacuna in questa capacità, e la Anche il comandante delle forze armate non sarà d’accordo con questo, come hanno spiegato i greci”.

DEFEA
Il vice ammiraglio de Ward con il direttore degli armamenti nazionali greci in pensione Aristeidis Alexopoulos. (Foto: Tweet incorporato)

Tuttavia, de Ward non si recò ad Atene per dire “no” ai greci. “Sono qui anche come direttore degli armamenti nazionali, rappresentando tutte le sfere, non solo la sfera marittima, ma anche la sfera terrestre e aerea. Ho parlato con colleghi di diversi paesi. Siamo impegnati nella cooperazione europea in vari campi. E questo è importante che l’Europa gli dia sostanza, che non lo lasciamo a parole. Non solo lo facciamo”.

READ  Sport Court: Fidget Kevin Durant e Kyrie Irving anche nella lista dei coronavirus dei Brooklyn Nets | gli sport

Tuttavia, la Grecia non è solo un paese europeo per i Paesi Bassi, nelle parole di De Waard: “Non possiamo cooperare ampiamente con tutti i 27 paesi europei. L’asse greco-olandese è particolarmente importante. I greci sono anche fan delle fregate S e a volte questo è molto eccitante da questa parte d’Europa”.

“Quando si tratta delle nuove navi per la Grecia, ovviamente anche questa cooperazione è importante”, ha affermato de Ward. “Perché va oltre la semplice costruzione e consegna. Vogliamo anche lavorare insieme dopo la costruzione, con l’intero ecosistema Gold”.

Tanta attenzione durante l’Industry Day
Questa opportunità di cooperazione a lungo termine è anche ciò che ha portato le aziende olandesi ad Atene. A proposito, non per la prima volta. Una settimana fa si è tenuta in Grecia la Giornata dell’industria greco-olandese. “37 aziende greche e 20 olandesi si sono unite per esplorare potenziali collaborazioni”, ha affermato Peter Heuss di ‘t Veld dell’industria olandese per la difesa e la sicurezza (NIDV) presso lo stand DEFEA. Tale giornata è il risultato delle iniziative del Dipartimento di Stato, Affari economici e clima, DMO e Ambasciata.

“C’era molto interesse da parte delle aziende greche, la delegazione sarebbe stata più numerosa se non ci fossero state restrizioni COVID”, ha continuato Huis in ‘t Veld sull’Industry Day. “C’è anche interesse da parte dei Paesi Bassi nella cooperazione greca. Siamo circondati da grandi paesi e siamo sempre alla ricerca di paesi di dimensioni simili e persone che la pensano allo stesso modo. Insieme possiamo quindi posizionarci meglio nel mercato internazionale. E hai visto quello di recente. Sempre più aziende olandesi vogliono collaborare con la Grecia”.
Dati i piani di sostituzione delle fregate greche, l’attenzione sembra concentrarsi sui progetti navali, ma la potenziale cooperazione copre tutte le aree, ha affermato Huis in ‘t Veld: navale, terrestre, aerea, spaziale ed elettronica.

READ  WDP e Proximus nel quadrante dopo i numeri

DEFEA
Le navi della marina greca devono essere sostituite o ammodernate. Quattro fregate di fabbricazione olandese e una fregata Miko di fabbricazione tedesca. La Grecia vuole sostituire le fregate S, la più vecchia delle quali ha più di 40 anni. I MEKO più giovani hanno bisogno di un aggiornamento importante. Sebbene siano realizzati in Germania, a bordo sono presenti prodotti olandesi come radar e software. (Foto: Marina greca)

Le aziende olandesi sono pronte a collaborare
Quello che le stesse aziende sperano di ottenere in Grecia è diverso. Ad esempio, Nedinsco vuole familiarizzare i greci con i sistemi di visione che l’azienda produce da Venlo. Vogliono annunciarlo direttamente alla Grecia. “Ad esempio, ora forniamo sistemi di telecamere tramite Leonardo per le fregate italiane FREMM, ma possiamo farlo anche per le greche. Indipendentemente dal cantiere che costruirà nuove fregate greche o dall’azienda che costruirà i futuri veicoli corazzati, possiamo lavorare con loro”, ha detto un portavoce della società ad Atene.

Vonk di Piershil, a sud di Rotterdam, era ad Atene per informare i potenziali clienti sui prodotti di imballaggio che realizzano per sistemi costosi e vulnerabili. TNO voleva segnalare ai greci che il Knowledge Institute of the Hellenic Navy potrebbe fornire informazioni su ciò che la fregata Damen Sigma 11515HN potrebbe fare in uno stato di guerra. Navtrain era sul posto per informare la marina greca della possibilità di fornire addestramento tattico operativo ai futuri membri dell’equipaggio delle nuove fregate. Van Halteren pone particolare enfasi sull’aggiornamento delle fregate MEKO greche e sul supporto della Marina greca nei settori dell’aria condizionata, della ventilazione, del riscaldamento centralizzato, della refrigerazione e della ventilazione meccanica (HVAC).

READ  Sport Court: giocatori di beach volley Breuer-Musen per le semifinali del Campionato Europeo | gli sport

Per Thales Nederland, la Grecia è da decenni uno dei maggiori clienti e Hengelo vuole naturalmente rafforzare questa associazione fornendo nuovi sistemi per le vecchie navi MEKO o per la costruzione di future fregate.

Diventerà chiaro nei prossimi anni quali compagnie olandesi potranno imbarcare future navi greche. Sebbene tutto dimostri che le aziende olandesi hanno un forte asso nella manica, c’è una forte concorrenza, soprattutto da Stati Uniti e Francia. Entrambi i paesi sono fermamente impegnati a livello politico, e grazie alle grandi flotte potrebbero essere liberate anche le navi marittime dei greci. I greci non si sono pentiti per molto tempo della disponibilità delle ultime fregate M, e ora immaginano le corvette della classe Ticonderoga che navigano sotto bandiera greca. “Ora si tratta di Tico contro Sigma”, ha detto la giornalista greca Marine Chipid.


Commenti forniti da

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24