Mondrian e Picasso hanno trovato opere in mostra ad Atene


Foto: ANP

Le opere di Pablo Picasso e Piet Mondrian, scomparse da anni, sono apparse per la prima volta al pubblico martedì pomeriggio dopo il furto al Museo Nazionale di Atene.

Presentando le opere rubate nel 2012, il ministro della Cultura greco Lina Mendoni ha dichiarato: “Oggi una grande ferita si sta rimarginando”.

A quel tempo scomparve il dipinto a olio Molen dell’artista olandese Mondrian, che dipinse nel 1905. Dal Museo Nazionale furono rubati anche un disegno dell’artista italiano Moncalvo e un’opera con una testa femminile di Pablo Picasso. Quel dipinto degli anni ’30 fu donato da Picasso al museo dopo la seconda guerra mondiale, come tributo alla resistenza greca al nazismo. Il valore è stimato in 16,5 milioni di euro.

In relazione al caso, lunedì un uomo greco di 49 anni è stato arrestato per il suo coinvolgimento nel furto. Dopo anni di indagini, l’uomo è stato rintracciato. La polizia aveva già messo l’uomo negli occhi quando aveva cercato di contattare i mercanti d’arte olandesi pochi giorni prima. Tuttavia, l’opera d’arte si è rivelata invendibile sul mercato nero. Indicò la polizia dove aveva nascosto per tutto il tempo l’opera d’arte, in una valle a circa 50 chilometri da Atene.

Il ministero ha detto martedì che i dipinti erano stati precedentemente nascosti in un magazzino. Il ladro stava osservando il museo da diversi mesi all’epoca e sembrava sapere a che ora le guardie hanno iniziato a fumare. Quando gli è stato chiesto perché ha rubato le opere di Picasso, Mondrian e altre, si dice che abbia detto che erano i primi dipinti in cui si è imbattuto.

READ  Presto sarà possibile: dormire in un'astronave galattica per 1.000 euro a notte

Sebbene la testa femminile di Picasso fosse intatta, si dice che Mondrian sia stato leggermente danneggiato, secondo il Ministero della Cultura greco.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24