Monkeypox non diventerà una pandemia, secondo l’OMS, anche se finora si sa relativamente poco | Attualmente

L’OMS L’Organizzazione Mondiale della Sanità non si aspetta che un focolaio di vaiolo delle scimmie in tutto il mondo si trasformi in una pandemia. Nonostante ciò, l’organizzazione riconosce che molto rimane sconosciuto sul virus. Lo ha detto un esperto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, secondo l’agenzia di stampa AP Lunedi.

“In questo momento, non siamo preoccupati per una pandemia”, ha affermato Rosamund Lewis, il principale esperto dell’OMS sul vaiolo delle scimmie. “Siamo preoccupati che gli individui vengano infettati perché non sono adeguatamente informati”.

Lewis afferma che non è ancora chiaro come si verifichi lo spread. Secondo lei, è importante sottolineare che la maggior parte delle infezioni confermate si verifica tra uomini gay e bisessuali.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità avverte chiunque sia a potenziale rischio, indipendentemente dal suo orientamento sessuale. Gli esperti hanno già avvertito che è possibile che il virus sia stato inizialmente catturato da uomini gay, ma poi si sia diffuso agli omosessuali.

Secondo l’OMS, attualmente ci sono 23 paesi che non hanno mai avuto il vaiolo delle scimmie in passato e ora hanno segnalato più di 250 casi.

Il virus, che è stato rilevato per la prima volta nei Paesi Bassi dieci giorni fa, si trasmette attraverso un intimo contatto fisico. Ad esempio, può essere trasmesso attraverso indumenti o lenzuola.

READ  Più sole la prossima settimana: 'Rivivi con le giornate estive'

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24