NASA: la possibilità che un asteroide colpisca la Terra è maggiore di quanto si pensasse | interni

Bennu si avvicina due volte alla Terra: negli anni 2135 e 2182. Poi si avvicina ancora di più alla luna. Fino all’anno 2300, la Terra aveva il 99,94 percento di possibilità di sopravvivere a un incontro con Bennu. “Ora abbiamo informazioni più accurate sulla pista”, ha detto Varnokia. Negli ultimi anni, la sonda spaziale statunitense OSIRIS-REx ha studiato Bennu, una roccia a forma di patata di circa mezzo chilometro di diametro.

Grazie a queste osservazioni, i numeri sono ora 20 volte più accurati di prima. Nelle previsioni sono stati presi in considerazione tutti i tipi di fattori, dagli effetti della microgravità alla teoria della relatività di Einstein. “Abbiamo anche calcolato la distanza dal suolo con una precisione di due metri, l’altezza del giocatore di basket”, ha aggiunto.

Gli esperti della NASA affermano che se in seguito si scopre che il rischio di catastrofe a causa della collisione aumenta, c’è ancora tempo per agire. Tra cento anni, avremo a nostra disposizione tecnologie molto migliori, nel caso in cui il percorso dell’asteroide dovesse mai essere modificato.

Se Bennu colpisce, non significherà la fine di tutta la vita, ma la devastazione sulla Terra sarà enorme. Uno degli oratori ha dichiarato: “Il cratere è solitamente 10-20 volte la dimensione del corpo, quindi stiamo parlando di un cratere con un diametro di 5-10 chilometri. Ma la distruzione si estende cento volte oltre”.

Non l’unico pericolo nello spazio

Le possibilità di una collisione con Bennu possono essere scarse, ma questo asteroide non è l’unico pericolo proveniente dallo spazio. Ci sono altre masse spaziali sconosciute che potrebbero essere in rotta di collisione con la Terra. È più probabile che colpiscano il suolo rispetto a Bennu. Questo è il motivo per cui la NASA vuole mappare meglio i pezzi che volano intorno al sistema solare. Ora è noto circa il sessanta per cento dei parenti vicini alla Terra.

READ  L'aggiornamento Ascent aggiunge il ray tracing alla versione Game Pass per PC - Aggiornamento - Giochi - Notizie

Il costo della missione Osiris Rex è di un miliardo di euro. La sonda è stata lanciata nel 2016 ed è entrata in orbita attorno a Bennu nel 2018. Le rocce sono state misurate e fotografate da tutte le angolazioni. Questi dati sono stati inviati sulla Terra per essere studiati. Bennu orbita attorno al Sole, che è attualmente a 306 milioni di km dalla Terra. Speriamo che l’asteroide dica agli scienziati qualcosa sull’origine del nostro sistema solare e sull’origine della vita sulla Terra.

Seguirà un’altra parte dell’indagine. Nell’ottobre dello scorso anno, Osiris Rex è sceso sulla superficie di Bennu risucchiando circa 60 grammi di roccia e polvere in pochi secondi. Viene raccolto in un contenitore a bordo della sonda. Pochi mesi fa, OSIRIS-REx ha iniziato il suo viaggio di ritorno sulla Terra di un miliardo di miglia. È previsto che atterrerà sulla Terra nel settembre 2023, dopodiché gli scienziati potranno mettere al microscopio i granuli raccolti.

potente tour artistico

La cattura del grano era un’impresa ingegneristica. L’atterraggio su Bennu è stato difficile perché la superficie si è rivelata non liscia ma cosparsa di massi alti diversi metri. Alla fine, un grande blocco soprannominato Monte Fato doveva essere aggirato per raggiungere la fatidica vetta Sotto il Signore degli Anelli. L’area di atterraggio vicino al Monte Fato è di pochi metri quadrati.

Per inciso, il veicolo ha messo piede a terra accompagnato da musica olandese. Il compositore e ricercatore vocale Roland Kuit è stato scelto quattro anni fa per fornire una colonna sonora. Ha realizzato dodici pezzi tattici con molti misteriosi squittii e scricchiolii. Ha detto prima “la mia musica non è tutti i giorni” un giorno. “Ecco perché si adatta così bene al compito.”

READ  Se non hai i soldi per comprare una nuova cucina, puoi sempre incartare | interni

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24