Nel loro isolamento, Russia e Corea del Nord si stanno avvicinando | Attualmente

La Corea del Nord e la Russia hanno più in comune dei loro confini comuni. Entrambi i paesi sono stati oggetto di pesanti critiche da parte della comunità internazionale per le loro violazioni dei diritti umani e per la guerra in Ucraina, sostenuta dalla Corea del Nord. Anche Russia e Corea del Nord sono state duramente colpite dalle sanzioni internazionali. In assenza di alleati, i due paesi si rivolgono l’un l’altro per sostenersi.

In uno scambio di messaggi tra il presidente russo Vladimir Putin e il leader nordcoreano Kim Jong Un, i due leader hanno deciso di ampliare le loro relazioni bilaterali. Nella sua lettera a Kim Jong Un in occasione della Giornata della Liberazione della Corea del Nord, Putin ha scritto che è nell’interesse di entrambi i Paesi.

Secondo Putin, relazioni più strette tra i due paesi aumenteranno la sicurezza e la stabilità nella penisola coreana e nel nord-est asiatico. Lo ha riferito l’agenzia di stampa nordcoreana KCN Lunedi.

Kim Jong-un ha risposto – anche in una lettera – che la “cooperazione strategica e tattica, sostegno e solidarietà” tra i due Paesi ha raggiunto il suo apice. Ha detto che Kim Jong Un attribuisce questo sviluppo ai loro sforzi concertati per contrastare le minacce e le provocazioni delle forze ostili. KCN. L’agenzia di stampa nordcoreana non ha specificato quali forze ostili fossero coinvolte. Il termine era precedentemente usato per riferirsi agli Stati Uniti e ai suoi alleati.

Sostieni la guerra in Ucraina

Ad aprile, la Corea del Nord ha espresso il suo sostegno alla guerra russa in Ucraina. Come ringraziamento, la Russia ha posto il veto a una risoluzione delle Nazioni Unite a maggio per imporre ulteriori sanzioni alla Corea del Nord.

READ  Dopo le critiche, Biden vuole accettare il quadruplo dei rifugiati

Lo scorso luglio, la Corea del Nord ha fatto un altro passo avanti. È stato uno dei pochi paesi a riconoscere le “repubbliche popolari” ucraine di Donetsk e Luhansk. La Russia ha riconosciuto l’indipendenza delle regioni, dove vivono molti russi, poco prima dell’invasione dell’Ucraina.

Pochi giorni dopo, Pyongyang ha annunciato che avrebbe potuto inviare lavoratori nordcoreani nel bacino del Donets e Luhansk per aiutare la ricostruzione.

L’ambasciatore russo in Corea del Nord Alexander Matsegora ha affermato che ci sono molte opportunità di cooperazione economica tra la Corea del Nord, il bacino del Donets e Luhansk, nonostante le sanzioni dell’ONU. Matsegora ha detto al quotidiano russo Izvestia Che “lavoratori coreani altamente qualificati e laboriosi, abituati a lavorare nelle condizioni più difficili, possono aiutare a ricostruire.

L’Ucraina ha immediatamente interrotto tutti i rapporti con la Corea del Nord.

“Mostra quanto sia isolato Putin e che ora deve rivolgersi alla Corea del Nord”, ha detto l’addetto stampa del Pentagono John Kirby.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24