Nella versione a fumetti de “Il nome della rosa”, l’eroe ha una sorprendente somiglianza con Marlon Brando (non Sean Connery)

Tutti leggono Il nome della rosa All’inizio degli anni ’80, anche Rob Shotten. Anche se ha esitato per un momento. Ora c’è una versione a fumetti. Uno che piacerà sicuramente ai fan dei fumetti di Umberto Eco.

Roberto Scottino

Era ormai il 1986 e nutrivo una netta sfiducia nei confronti dei romanzi più venduti e più letti degli ultimi anni, Il nome della rosa Di Umberto Eco del 1980, ancora non letto. Ma quell’anno vivevo in America, il film basato sul libro era appena uscito lì e ho rinunciato. Al cinema ci veniva regalata una piccola tasca Il nome della rosa (in inglese), e così l’ho capito due volte in poco tempo, prima il film, poi il libro.

Si è scoperto che il mio scetticismo era ingiustificato, sono stato spazzato via sia dal libro che dal film. Con milioni di lettori di Magnum Ops Echo e forse più spettatori, questa non è stata una sorpresa. Tuttavia, da qualche parte era rimasta l’idea che avessi consumato una specie di figo, figo, ma kitsch.

Proprio su questo forse. Lo stesso Eco ha scritto molto in The Structure of Bad Taste sulla cultura di massa, il kitsch e le forme d’arte popolari: film, fumetti, trilogie e televisione. Il professore di semiotica di lunga data presso la venerabile Università di Bologna aveva chiaramente un debole per questo.

Romanzo storico e crimine in un romanzo

Ha sezionato la grammatica e la semantica del nucleo. Il postmodernismo, con la sua oscurità dei confini elitari, ha prevalso e giustificato questo tipo di preoccupazione. Non scriverebbe anche lui un romanzo che unisca l’Altissimo con il Basso? Il nome della rosa Romanzo storico e giallo allo stesso tempo, il libro fa abilmente appello al nostro desiderio ampiamente condiviso di risolvere misteri e allo stesso tempo al desiderio dell’élite letteraria di un’immagine della storia, in questo caso medievale e scolastica.

Non è davvero una grande sorpresa, a causa di quell’imperdibile cenno alla cultura di massa Il nome della rosa Ora è apparso anche in forma di fumetto – romanzo grafico Si chiama un po’ più fantasy di questi tempi, ma è lo stesso tipo di foto con i fumetti dei fumetti che i miei genitori non mi permettevano di leggere.

Tuttavia, il genere è stato certamente riformato, e nella nostra epoca di snazionalizzazione letteraria e culturale si occupa tanto dell’arte inferiore (pornografia, ballate eroiche) quanto dell’arte alta (romanzi letterari, capolavori indiscussi). Ad esempio, di recente ho acquistato una graphic novel francese sulla vita del pianista classico Glenn Gould: si rivolterebbe nella tomba?

sapientemente lanciato

La prima parte (di due) della graphic novel è stata pubblicata Il nome della rosa, disegnato dal fumettista italiano Milo Manara, noto per i cartoni erotici; Fraterno accanto a Umberto Eco in copertina. Più che il romanzo stesso con oltre 600 pagine, questa versione a fumetti della famosa storia, credo, dovrebbe competere con il film interpretato da Sean Connery (recitando con genialità, Eco, essendo un semiologo, era anche un esperto di storie di James Bond). ). Che aspetto hanno tutte le teste di questi monaci nel remake: possono competere con gli indelebili successi del film?

La storia stessa attraversa il mulino dei fumetti in tempi relativamente brevi, intere parti di considerazioni teologiche vengono omesse e tutti i tipi di eventi (descrizione del monastero e dei suoi abitanti, entrare nella biblioteca, trovare un uomo assassinato in un calderone) possono essere piacevolmente catturato in poche immagini.

immagine vuota

Le battute sovrapposte sono ben note. Entra Narratore Il nome della rosa, Frate Adson van Melk, che più tardi nella vita registrò i suoi ricordi degli eventi in un monastero francescano nel 1327, è nel suo nome un riferimento a Watson dalle storie di Sherlock Holmes. Inoltre, William van Baskerville allude a questo cane Baskerville, The Blind Killer Bibliotecario Jorge de Burgos si riferisce allo scrittore e bibliotecario cieco Jorge Luis Borges. C’è qualcosa di cui nutrirsi per gli intenditori della letteratura inferiore e superiore.

Lettori stupiti

William Baskerville è il detective principale della storia, che risolve tutto, ma la sua mano amica, il giovane narratore Addson, non capisce tutto ciò che sta accadendo, anche in tarda età. Una scoperta di Eco, per distinguere la scienza razionale nella persona dei Baskerville e gli sconcertati lettori laici nella persona di Adson: l’adolescente viene semplicemente scaricato da una ragazza popolare anche durante tutti gli omicidi e le lotte teologiche.

Questo evento non ha nulla a che fare con la storia stessa, è davvero un elemento di romanticismo ecologico pieno e molto consumato. Anche la prima parte della graphic novel di Lighthouse si è conclusa con lei, la ragazza nuda angelicamente bella e le parole del Cantico dei Cantici che borbottavano al giovane monaco Adson.

immagine vuota

La grafica è principalmente in colori tenui, seppia e realistica; Non ci sono vere esperienze visive o narrative, ma è brillante, sottile e tuttavia un’allucinazione; Ho controllato se, a differenza del film, riuscivo a individuare i tratti del vecchio scrittore Burgess in Jorge van Burgos, ma no. William Van Baskerville non assomiglia a Sean Connery, ma assomiglia molto all’altro eroe del film Marlon Brando (che appartiene al film di Bertolucci Ultimo tango a Parigi), e anche Adson ha nuovi profili.

I monaci sono vecchi e squallidi, come nel libro e nel film, ma dovrebbero esserlo. Nulla di aggiunto a una storia che inizia, come un romanzo, con un’introduzione scritta dallo stesso scrittore, che racconta come ha ottenuto la storia. Ma ha qualcosa di nuovo da offrire?

Lavora sul testo

Il ritmo di tutto è completamente diverso. Umberto Eco ha aggiunto in nota Il nome della rosa che ha letto Cronache medievali “per perfezionarne il ritmo e la semplicità”. Si potrebbe dire che il romanzo ne è una conseguenza, ma il film non è affatto così e la graphic novel meno. Tutto si muove al ritmo qui. È più lavoro di un testo soffiato.

Ma la grafica, a modo suo, fornisce un inesorabile contesto medievale. Puoi distinguerne tre tipi: quelli che, accanto alla luce, catturano l’atmosfera cupa e inquietante della vita monastica, i disegni fantastici in cui il faro dà vita a miniature medievali, e infine l’atmosfera sfrigolante e sensuale del risveglio sessuale di Adson. Ad ogni modo, hanno fatto il loro lavoro per me, invece delle immagini del film, d’ora in poi terrò a mente le immagini dei cartoni animati quando penso a Il nome della rosa.

immagine vuota

Umberto Eco e Milo Manara
Il nome della rosa. Graphic novel I
ver. Beta Guardiano
Prometeo. 72 pagine 24,99 euro

Leggi anche:
Nel ridotto “Sophie’s World”, la giovane eroina entra davvero nella caverna di Platone

Trent’anni fa, il romanzo Il mondo di Sofie divenne un successo mondiale. Ora c’è una versione a fumetti di questo classico moderno. “Volevo dare ai giovani qualcosa che li aiutasse a pensare meglio al mondo”.

READ  Film questa settimana | Exorcist in Training, cupa Rimini e una nuova ricerca storica di Stephen Frears

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24