Nipote (12) vuole un vaccino per visitare la nonna morente e suo padre vince in tribunale | Instagram

causaUn ragazzo di 12 anni di Groningen può ricevere un vaccino contro la corona da un giudice, contro la volontà di suo padre. Lo studente delle superiori vuole farsi vaccinare contro il virus in modo da poter visitare in sicurezza sua nonna, che sta morendo di cancro ai polmoni metastatico. Suo padre non ne voleva sapere, perché temeva gli effetti collaterali delle iniezioni a lungo termine. Il giudice ha comunque dato il permesso al ragazzo.




I giovani di età inferiore ai 16 anni devono decidere questo tipo di questioni mediche con i genitori, ma in caso di disaccordo, prevale la volontà del giovane. Come dice il governo centrale: “Voi due non potete farlo insieme? Poi potrete finalmente decidere se vaccinarvi”.

genitori divorziati

Il dodicenne, che frequenta la prima elementare al liceo, è un convinto sostenitore del vaccino e di recente ha chiesto ai suoi genitori se poteva farsi un’iniezione. I suoi genitori sono divorziati e non in buoni rapporti tra loro. Secondo la corte, non possono comunicare bene tra loro quando si tratta di questioni che devono essere risolte nell’interesse del ragazzo e del fratello minore. Il giudice conclude che questa turbolenta relazione è difficile per i ragazzi.

Alla madre della dodicenne non importa che suo figlio venga vaccinato. Il padre la pensa diversamente e chiede al figlio e all’ex compagno di non vaccinarsi.

Poiché il ragazzo ha difficoltà a parlare della questione con suo padre, ha raccontato la sua storia in una conversazione personale con il giudice, secondo l’avvocato della madre. È successo durante una sessione sul disaccordo tra genitori.

in pericolo di vita

Il dodicenne ha detto al giudice che non voleva essere esposto a nessun rischio di infezione e che voleva anche ridurre il più possibile la possibilità che altri venissero infettati. Ma soprattutto, l’adolescente è gravato dalla malattia della nonna. Ha raggiunto l’ultima fase della sua vita a causa di un cancro ai polmoni metastatico. Suo nipote vuole poterla chiamare nel tempo che ha ancora. Questo non può essere fatto dal ragazzo da solo, perché non è vaccinato. Ha paura di contagiare sua nonna. Si aspetta che questo rappresenti una minaccia diretta per la sua vita.

READ  Già in India stanno emergendo migliaia di casi di funghi mortali ...

Il padre però si rifiuta di dare il permesso. Crede che suo figlio maggiore stesso non sia in pericolo di contrarre una malattia con conseguenze durature. Inoltre, secondo lui, il vaccino è ancora in “fase di sperimentazione”, in quanto “non è in alcun modo possibile prevedere se il vaccino non causerà gravi cardiopatie a breve termine e non comporterà rischi significativi a lungo termine. termine.”

capire

Il giudice afferma innanzitutto che i bambini possono effettivamente prendere il corona e che sebbene si ammalino meno e meno male degli adulti in media, anche i bambini possono ammalarsi gravemente e possono anche subire le conseguenze di questa malattia per lungo tempo covid lungo. Inoltre, il rischio di infettare gli altri è “significativamente inferiore” nelle persone vaccinate rispetto a quelle non vaccinate.

Secondo il giudice è “comprensibile” che il padre fosse preoccupato per i rischi della vaccinazione. “C’è in realtà un piccolo rischio di gravi effetti collaterali, come pericardite o miocardite destinati al padre”. Si verifica in 1 su 15.000 ragazzi vaccinati di età compresa tra 12 e 18 anni. Si tratta, secondo il giudice, di un grave effetto collaterale che “fortunatamente è molto riconoscibile e può portare anche a una piena guarigione nella quasi totalità dei casi”.


Citazione

Attualmente non sono concepibili rischi a lungo termine coerenti con le preoccupazioni vissute dal padre, sulla base delle attuali conoscenze scientifiche.

pronuncia

La sentenza ha affermato che questi erano tutti rischi che l’Health Board aveva preso in considerazione prima di emettere consigli per dare ai bambini di età compresa tra 12 e 18 anni l’opportunità di optare per la vaccinazione. Il giudice ha stabilito che “i rischi a lungo termine di cui soffre il padre non hanno alcun fondamento di fatto”. Attualmente non sono concepibili rischi a lungo termine che corrispondano alle preoccupazioni vissute dal padre, sulla base delle attuali conoscenze scientifiche.

La decisione può seguire immediatamente visto il serio interesse del ragazzo. Quindi, un eventuale ricorso del padre non impedirebbe più la vaccinazione.

Effetti collaterali per i bambini

Secondo gli esperti, il vaccino riduce la possibilità che gli adolescenti vengano infettati dal virus Corona. Sebbene tali infezioni siano lievi nella maggior parte dei bambini, ci sono certamente dei rischi, secondo il consiglio. Inoltre, il vaccino impedisce ai giovani di trasmettere il virus agli adulti.

Gli effetti collaterali del vaccino corona sono stati esaminati dall’Agenzia europea per i medicinali (EMA) in uno studio su 3.732 bambini di età compresa tra 12 e 17 anni. Gli effetti indesiderati più comuni nei bambini, come negli anziani, sono dolore e gonfiore al sito di iniezione, affaticamento, mal di testa, dolori muscolari e articolari, linfonodi ingrossati, brividi, nausea, vomito e febbre. “Questi effetti sono generalmente lievi o moderati e migliorano entro pochi giorni dalla vaccinazione”, ha affermato la European Food Association.

Secondo l’agenzia, i benefici superano anche i rischi per i bambini, “soprattutto nei bambini con condizioni che aumentano il rischio di malattie gravi da corona”.

Più di metà

Più della metà dei giovani olandesi nati tra il 2004 e il 2009 eleggibili per la vaccinazione aveva almeno una dose. I bambini di età pari o superiore a 12 anni con fragilità o persone con fragilità nel loro ambiente erano già idonei per un vaccino.

E il ministro della Lotta al Corona, Hugo de Jong, aveva in precedenza espresso la speranza che i giovani potessero essere vaccinati, soprattutto perché fornisce una maggiore protezione per il resto della società.

Pfizer e BioNTech: il vaccino Corona è efficace anche per i bambini di età compresa tra 5 e 11 anni

Le due società hanno affermato dopo gli studi clinici che il vaccino contro la corona di Pfizer e BioNTech può essere somministrato a bambini di età compresa tra 5 e 11 anni. Il vaccino non è dannoso per la loro salute e le persone hanno prodotto anticorpi, il che significa che il vaccino sta addestrando il loro sistema immunitario per una vera infezione.

Pfizer e BioNTech hanno annunciato lunedì i risultati della sperimentazione. Quasi 2.300 bambini hanno ricevuto due dosi da 10 microgrammi per vaccino. Questo è inferiore a quello delle persone di età pari o superiore a 12 anni. Ricevono 30 mcg per colpo. Nonostante la dose più bassa, i bambini di età pari o inferiore a 11 anni producono anticorpi pari a quelli di età compresa tra 16 e 25 anni. Inoltre, gli effetti collaterali sono stati lievi.

“Questi risultati della ricerca forniscono un forte supporto per l’applicazione dell’approvazione per il nostro vaccino ai bambini dai 5 agli 11 anni”, ha affermato Albert Burla, CEO di Pfizer, in una nota. Pertanto, l’azienda desidera presentare la domanda il prima possibile all’Agenzia europea per i medicinali (EMA), all’autorità di regolamentazione del mercato europeo e all’autorità di regolamentazione statunitense, la FDA.

Pfizer e BioNTech stanno anche studiando l’effetto del vaccino sui bambini dai 6 mesi ai 5 anni. Questo gruppo riceve 3 microgrammi di vaccino per dose, un decimo della dose ricevuta da persone di età superiore ai 12 anni.

Guarda i nostri video di notizie nella playlist qui sotto:

© ANP

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24