Non c’è ancora un accordo con l’Unione Europea su un approccio comune alla crisi energetica

Agenzia di stampa francese

NOS Novità

I capi di governo dell’UE non sono riusciti a concordare un approccio comune alla crisi energetica al vertice informale di Praga. La questione è stata spostata al vertice ufficiale, il 20-21 ottobre a Bruxelles.

“Tutti sono d’accordo sul fatto che il prezzo del gas dovrebbe scendere, ma non c’è accordo su come farlo esattamente”, ha affermato il primo ministro polacco Morawiecki.

La Commissione europea invierà una serie di proposte ai 27 Stati membri prima del vertice di Bruxelles. “Avrà tre elementi”, ha detto il premier uscente Draghi. “I prezzi bassi sono una forma di solidarietà e iniziano a riformare il mercato elettrico”.

massimale del prezzo del gas

Un’opzione vista come una soluzione, soprattutto dai paesi del sud, è l’introduzione di un price cap per il gas. La Germania in particolare, così come la Danimarca e i Paesi Bassi, sono contrari.

Il primo ministro Rutte ha poi affermato che i pro ei contro devono essere considerati attentamente in ogni piano. Vuole impedire ai fornitori di trasferirsi in Asia, ad esempio, se lì viene pagato un prezzo più alto.

“Quando si parla di GNL, è molto importante che continui a venire in Europa e non in Cina, che vedrà anche l’economia riprendersi ad un certo punto”.

acquisto congiunto

Un’altra proposta è quella di ottenere l’acquisto congiunto, in modo che l’UE possa applicare prezzi più bassi. Ruti ha anche detto che i pro ei contro dovrebbero essere valutati attentamente.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24