Non ci sono “luoghi sicuri” per i giovani nel mondo

Guerra culturale, gap generazionale, pessimismo ambientale, attivismo ideologicamente guidato: i tempi attuali a volte sembrano una ripetizione degli anni ’60. Una nuova generazione di proteste sta lasciando il segno e lotta contro la disuguaglianza di genere, il razzismo e il cambiamento climatico. Non a caso, alcuni giovani hanno più simpatia per i combattenti più anziani come Bernie Sanders che li ha formati. gli anni sessanta Dalle generazioni successive: la situazione attualeCoccole che, con la loro predilezione non fittizia per il dialogo, la moderazione e il pragmatismo, fanno ben poco.

Questa impressione può nascere almeno da tutti gli accesi dibattiti attualmente in corso nelle scuole, nelle università e nei media, sia vecchi che sui social media. La realtà vissuta è più accurata e meno appariscente. Impari questo giro di documentari sulla nuova edizione di IDFA che si concentra sulla vita dei giovani. Tornando alla dimensione umana dietro tutto l’acceso dibattito, è esattamente ciò in cui sono bravi i documentari.

Un’immagine dei documentari mostra una generazione che cerca principalmente soluzioni a problemi quotidiani concreti nel proprio ambiente. Il razzismo, la disuguaglianza di genere, l’insicurezza economica, il clima e l’ambiente non sono idee astratte, ma piuttosto ostacoli che i giovani devono affrontare nella loro vita.

Non c’è traccia dell’autentica utopia degli anni ’60: confusione e pessimismo sul futuro regno. È vero che adolescenti e giovani tra i vent’anni sono costantemente bombardati da una psicologia positiva, che dovrebbe dare loro fiducia in se stessi, coraggio e risolutezza. Ma questo può ritorcersi contro. Nessun essere umano è in grado di conformarsi costantemente a un’immagine di sé così eccessivamente ottimistica.

Difficile gap generazionale

documentario più grande di noi Di Fleur Vasseur – Un ritratto caloroso ma elegante di giovani attivisti in tutto il mondo – sfortunatamente bloccato con tali buone intenzioni Mi sento bene-ottimismo. I registi italiani Pietro Marcello, Francesco Monzi e Alice Rohrwacher per il loro documentario futuro Più sensuale tra i toni. I registi hanno viaggiato collettivamente in tutta Italia per chiedere ai giovani come vedono il loro futuro. Non c’è stata una risposta chiara a questo, ma questa è esattamente la forza del film.

READ  Un giorno Rob ha rubato un maiale

I produttori non cadono nella trappola di chiamare in causa la parte della generazione che attira maggiormente l’attenzione su un’intera generazione. Gli studenti di una scuola di cucina o di cosmetologia vedono il futuro in modo diverso rispetto agli studenti che parlano in una bella biblioteca di Pisa, approfondendo i misteri del neoplatonismo. È questa diversità che rende il film così prezioso.

Molti giovani sono pessimisti sul futuro, ma questo potrebbe avere a che fare anche con le relazioni stagnanti in Italia. Qualcuno dichiara: “Questo Paese non ha futuro”. “La cosa migliore che la vecchia generazione può fare per noi è lasciarci andare all’estero il prima possibile”. Quando i registi erano nel bel mezzo del film, il Covid ha colpito, aggiungendosi alla letargia. “Ammettiamolo, siamo stati a letto tutto il giorno per settimane”, ha ammesso una ragazza.

Raramente il divario generazionale è stato ritratto così doloroso e grave come nel documentario Bambini terribili Diretto da Ahmet Necdet Kopor, regista turco che vive a Parigi. È tornato nella casa della sua infanzia in un villaggio nel sud della Turchia. Lì, suo fratello minore Mahmoud cerca di liberarsi da un matrimonio combinato senza amore con il diciassettenne Nezhat. Contrariamente alle tradizionali aspettative dei suoi genitori, sua sorella Zainab vuole partire per la città per studiare.

I loro genitori sono persone semplici che vivono secondo un’interpretazione conservatrice del Corano. Non sanno cosa fare con i loro figli. Questo porta a scontri orribili, in cui una madre a un certo punto desidera la morte di sua figlia e un padre minaccia suo figlio di violenza. Le immagini sono così intime e talvolta dolorose che può sorgere qualche sospetto. Avrebbe dovuto riportarlo indietro? Tutto è reale. Cobor non avrebbe filmato scene del genere se non fosse stato imparentato.

READ  I 10 migliori film di Hollywood | Super guida

Calcio femminile

Meno drammaticamente strutturato, ma intimo e vicino alla realtà Come si sentiva la stanza?, il primo documentario di Ketivan Kapanadze. Il suo film parla di un gruppo di amiche lesbiche in Georgia, che si ritrovano in una squadra di calcio. Insieme possono essere aperti e onesti; Spesso non nel mondo esterno. Ma la mancanza di sviluppo economico e di opportunità per le donne sembra essere un problema tanto grande quanto l’omofobia nella società.

Molte serate passano fumando cannabis e bevendo all’infinito – Kapanadze a volte descrive le loro conversazioni assonnate nella loro interezza. Prendere questo con forza non porta sempre a prestazioni atletiche il giorno successivo.

Amore e politica si fondono francamente in un modo più contemplativo, divisivo e poetico La notte di chi sa qualcosa Scritto dal regista indiano Payal Kapadia; Ha vinto il premio per il miglior documentario a Cannes. Il film inizia con lettere (fittizie) di una studentessa di cinema al suo ex fidanzato. La sua famiglia gli ha impedito di vederla – il sistema delle caste è venuto tra loro.

Il film mostra anche come il governo nazionalista indù del primo ministro Modi stia cercando di impadronirsi dell’accademia cinematografica nominando un nuovo direttore. Ribellione studentesca. Anche nel resto del Paese gli studenti, spesso musulmani, stanno manifestando contro la discriminazione e l’esclusione dal governo. La partecipazione politica e il narratore (nella voce fuori campo) riesce a superare il suo dolore personale.

aula Il regista americano Peter Nix è il film più emozionante. Nix non si laurea più di un anno ad Auckland. Ma si scopre che questo è l’anno del Covid e le vite dei neri contano; Entrambi hanno un enorme impatto sulla scuola, con gli studenti bianchi che costituiscono una piccola minoranza.

READ  Cosa c'entra "alert" con un vecchio comando in italiano

Nicks si concentra principalmente su studenti altamente coinvolti che sono attivi nel consiglio scolastico. Stavano già combattendo per porre fine alla presenza della polizia nella loro scuola. Dopo l’omicidio di George Floyd, i politici locali hanno improvvisamente ascoltato le loro richieste. Nicks ha eretto un piccolo memoriale all’energia e alla perseveranza degli studenti, senza sembrare affatto semplicistico, coercitivo o opportunista. Questo è davvero stimolante.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24