Non dovresti crampare il tuo vimcock nello sprint

La domenica l’attesa dura un quarto d’ora e mezza e un’ora. La corsa dei 5.000 m maschili inizia e finisce, senza ancora alcun segno nell’area stampa di Femke Kok. Sembra che stia andando in bicicletta. Poi c’è silenzio per molto tempo e dopo un’ora e mezza c’è una conclusione tramite l’app: Kok non arriva più. Vale la pena notare che Cook invia l’allenatore Michael Mulder alla stampa dopo che non è riuscita a qualificarsi per la gara olimpica di 1.000 metri a Pechino. Finora le cose non stanno andando come vorrebbe il velocista di Reggeborgh in questa stagione.

Ha solo 21 anni, ma il suo già sesto posto nelle qualificazioni olimpiche (OKT) sembra un’enorme delusione per Cook. Dà a Mulder il motivo della sua assenza: “È molto arrabbiata per questo.” “La stiamo proteggendo un po’.” Inoltre, Cook vuole riposare, in vista della corsa dei 500 metri in programma martedì a Thialf.

Cook vuole bruciare lì, potrebbe dover bruciare se stessa. È la vice campionessa del mondo di pattinaggio sulla distanza più breve, dopo la scorsa grande stagione, che ha sfondato la bolla dello sci a Heerenveen. All’epoca Cook era quasi invincibile nei 500 metri, vincendo quattro gare di Coppa del Mondo di fila oltre alla classifica finale. Solo alle distanze del campionato del mondo è stata sconfitta dalla russa Angelina Golikova.

corridori frisone

Cook è salito in linea apparentemente dritta fino alla cima del mondo. Suo padre, Rene, che ha corso il circuito della maratona fino al suo trentesimo compleanno, l’ha inserita nei corridori frisone quando aveva due anni, da qualche parte vicino alla casa dei suoi genitori nel villaggio frisone di Neg Pits.

READ  Le medicine aumentano il prezzo di 500 volte, l'ACM è di alta qualità

Quando aveva sette anni, prende le sue prime lezioni di sci a Thialf. Raccoglie gli indizi che ottieni più velocemente di altri. „Quando Fimke fu il primo norvegese [schaatsen] Poteva entrare subito in curva”, dice Renee Cook. “Aveva circa nove anni quando ho pensato: potrebbe essere qualcosa”.

Cook entrerà presto a far parte del gruppo frisone, dove è anche una delle migliori. È stata sottoposta a tutte le scelte giovanili, è diventata la due volte campionessa del mondo a tutti gli effetti. Alla fine del 2019, ha sorpreso le distanze NK conquistando il terzo posto nel miglior risultato personale quando aveva diciannove anni. Ottieni un biglietto per il campionato mondiale a Salt Lake City. La targa commemorativa per il pattinaggio del record mondiale juniores lì – 37.45 – è nella cucina dei suoi genitori.

L’anno successivo ha ricevuto offerte da tutte le squadre di pattinaggio commerciali. Ho deciso di passare alla squadra del Reggeborgh dall’allenatore Gerard van Velde. Nella sua prima stagione da professionista, ha dominato la corsa dei 500 metri.

La relazione è finita

Il suo sviluppo quest’anno sembra vacillare. Nelle gare di Coppa del Mondo in Polonia e Norvegia, delude con il nono, il dodicesimo, l’undicesimo e l’ottavo posto. Incolpa la lesione alla coscia e l’intossicazione alimentare. Ma altre cose stanno suonando in sottofondo; La sua relazione si è interrotta quest’estate. Di conseguenza, a Kok manca qualcuno a cui rivolgersi per risolvere i suoi problemi e le sue paure. E ne ha molto, specialmente in questa stagione. Deve abituarsi alle aspettative che derivano dalla sua nuova situazione e dall’attenzione dei media. Si sente osservata dai suoi concorrenti, che ora sanno chi è e la stanno guardando sulla pista di pattinaggio. La sua testa è così piena che la fa dormire.

READ  L'Italia ora è davvero promettente: dal prossimo mese nessuna nave da crociera entrerà più a Venezia

Ad ogni cattivo risultato, ha cominciato a dubitare di più di se stessa. Solo quando torna dalla Norvegia ed è in grado di raccontare la sua storia di pianto ai suoi genitori, segue questa trasformazione. Ho deciso di concentrarmi di nuovo sugli aspetti positivi, di godermi lo sci. Stai volando in business class a Salt Lake City per la prossima gara di Coppa del Mondo. Quando arrivi lì, nonostante il jet lag, dormi bene per la prima volta da settimane. Pochi giorni dopo, ha pattinato un nuovo record olandese sul ghiaccio di velocità americano, diventando la prima donna olandese a tuffarsi in meno di 37 secondi nei 500 metri.

Sembra essere la perdita di cui sopra. In vista dell’OKT, c’è un ritiro a Collalbo, in Italia. Su Instagram condivide le foto del sole sulle bianche montagne innevate. E per sicurezza, porta con sé il suo cuscino all’hotel dove alloggia durante l’OKT. Tuttavia, la domenica finisce con l’inganno. Cook dice a NOS, che è l’unica con cui ha parlato, che era turbata dallo stress. “Era piena nell’ultimo round,” aggiunge il suo allenatore Mulder. Non ancora preoccupato. “La prima parte di quei mille metri è stata abbastanza dura da percorrere un ottimo 500 metri”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24