Non ti allontaneresti troppo come Segretario di Stato con un “no”.

Non è sempre chiaro alle persone a Bruxelles se c’è una differenza in chi è nel governo olandese. Guarda il ministero delle Finanze: se Zalm, Dijsselbloem o Hoekstra è il proprietario, poco importa. Molti hanno avuto la sensazione che fosse lo stesso uomo che era venuto a Bruxelles per tenere una conferenza ai suoi colleghi di altri Stati membri, di fronte all’Aia.

È il lavoro che fa un uomo, Così recita il proverbio francese. E in effetti, nel dipartimento finanziario, in pratica impari a dire “no”, come so per esperienza. Diventa presto un’abitudine. Al Dipartimento di Stato, invece, non bisogna dire di no velocemente, ma valutare con pazienza la situazione, osservare la situazione attuale, imparare a navigare e navigare. In diplomazia, certo, devi sapere cosa vuoi, ma anche e soprattutto dove vogliono andare gli altri o – a volte senza saperlo – dove stanno andando. A questo proposito, il giuramento (digitale) di Sigrid Kaag, donna e diplomatica, al ministero delle Finanze è di per sé una vera rivoluzione.

C’è anche molto da apprezzare e osservare a Wopke Hoekstra in questi giorni. Perché una cosa importante è girare a L’Aia così come nella capitale europea.

nuovo suono

Il New Holland Coalition Agreement contiene cose che non sentiamo dall’Aia da una generazione. “Gioca un ruolo di primo piano per e all’interno di un’Unione Europea forte e decisa”. Essere il “candidato preferito” su temi europei delicati come clima, digitale e difesa. Apertura alle modifiche dei trattati. Abrogazione del veto. Smettetela di cedere a coloro che da tanto tempo bloccano qualsiasi politica europea in materia di immigrazione e asilo.

READ  L'Italia sta creando isole prive di virus per attirare i turisti: `` La speranza è che le persone ora osino andare presto in vacanza qui ''

Leggi anche questo contributo della campagna “EU Elephant”: Non sarebbe d’aiuto se i Paesi Bassi dicessero sempre “no” nell’UE

È un nuovo impegno, una nuova voce dai Paesi Bassi in un momento in cui un simile cambio di tono si sente nel resto d’Europa. Il nuovo accordo di coalizione tedesca, ad esempio, a volte sembra una dichiarazione europea in cui viene esplicitamente chiamato “l’ulteriore sviluppo dello Stato federale europeo”. Da parte sua, il Primo Ministro italiano Draghi ha reso la politica di ripresa guidata dall’Europa del suo Paese la chiave della sua eredità politica. Per la prima volta dopo tanto tempo, l’Eliseo ospita un presidente francese che si comporta con genuina convinzione europea e che ora può intraprendere riforme fondamentali durante la presidenza di turno dell’UE e con l’avvicinarsi delle elezioni presidenziali. E forse altrettanto importante: ai margini dell’Europa, i despoti polacchi e ungheresi l’hanno recentemente cucinato così marrone che anche il più moderato dei principali politici europei ora vede che le cose non possono continuare così nell’Unione. Insomma, grandi cose stanno per accadere in Europa.

Gran parte della politica europea è, ovviamente, plasmata da ministri specializzati. Ma la politica, nel quadro più ampio, è accanto al presidente del Consiglio il dominio del ministro degli Esteri, sul quale può esercitare una grande influenza, principalmente se inizia con una visione costruttiva – un’idea coerente, non di “cosa ” non vogliamo “come gli olandesi (o tedeschi o belgi)”, ma quello che noi europei vogliamo o dovremmo fare insieme.

Correzioni cruciali

Nel suo discorso di Humboldt, tre anni fa, Hoekstra assunse un’analisi corretta: “cupa” per le tensioni geopolitiche che circondano l’Europa, concludendo anche che nella nostra forma attuale siamo “incapaci di affrontare efficacemente le sfide esterne del nostro tempo”. Ha ampiamente concordato con la richiesta francese di autonomia strategica europea e ha invitato la Germania a “precisamente nel più ampio interesse europeo”. […] ad assumere un ruolo del genere in modo più enfatico”.

READ  Shell nel gruppo leader AEX grazie all'olio più costoso

Sia l’oscurità che la strategia mi sembrano giuste. La tradizionale animosità tra europeisti e antieuropei è diventata obsoleta: la più grande critica al sindacato oggi non viene dagli euroscettici, ma dal campo europeista, che riconosce che l’UE come funziona (non) non è adattato alle sfide del nostro tempo ed è forse destinato a morire. . Ma politicamente, le stelle sono tali che diventa possibile effettuare una revisione completa del sindacato.

Leggi anche: L’Europa deve anche essere in grado di scoraggiare economicamente

La chiave di questo successo dipende da due cose. Il primo: abbandonare la paura di attaccare anche le nostre istituzioni, ovvero riformare le istituzioni perché prenda forma la vera Europa politica. Ciò richiede un nuovo equilibrio tra un Parlamento europeo più forte, una commissione con maggiore legittimità democratica e un Consiglio europeo degli Stati membri che non può più essere paralizzato da veti e consenso.

La seconda: la riforma finanziaria europea. Il modo in cui manteniamo finanziariamente l’Unione oggi è una presa in giro del buon governo democratico. In effetti, il finanziamento dell’Europa attraverso contributi nazionali che rifluiscono su progetti nazionali e piani di risanamento nazionali crea un’atmosfera di conflitto e competizione con “risultati” il cui valore aggiunto è altamente discutibile. Questo è il motivo per cui non sono favorevole a dare semplicemente un carattere permanente al Covid Recovery Fund “EU Next Generation” così com’è attualmente.

nuove opportunità europee

Ciò di cui abbiamo bisogno, al contrario, è una vera capacità di investimento “europea”, finanziata a livello europeo e solo per la realizzazione di obiettivi e progetti strategici “europei” comuni. In altre parole, un fondo che si nutre del suo reddito europeo speso per obiettivi e sfide autentici europei. Qui sta il grande valore aggiunto della politica europea, come giustamente indica l’accordo di alleanza olandese. In difesa, digitalizzazione, ricerca e sviluppo medico, diffusione della tecnologia europea a banda larga, adozione di nuovi standard digitali o creazione di nuove società di social media che possano compensare i giganti americani o cinesi.

READ  Home Delivery Awards: questi i candidati per il miglior ristorante di Breda

La necessaria riforma dell’Europa non deve più iniziare con una priorità nazionale o un veto, ma dovrebbe concentrarsi solo sulla creazione di nuove opportunità, possibilità e capacità europee per il nostro continente, capacità che purtroppo negli ultimi anni e decenni ci sono mancate ogni volta che abbiamo sperimentato una nuova crisi.

Spero sinceramente che Wopke Hoekstra, in quanto nuovo volto della politica estera olandese, svolga un “ruolo di primo piano”, come dice lui.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24