Nuove domande sull’immunità di gregge e la vaccinazione obbligatoria toccano l’essenza della convivenza

Guardando indietro, sembra un’idea stupida: come pensavamo all’inizio della pandemia che il coronavirus sarebbe stato sconfitto una volta per tutte nel 2021 una volta che ci fosse stato un vaccino. L’immunità di gruppo è stata la fine del gioco. Dopodiché, la corona si trasformerà in un disturbo temporaneo. “Quando la corona finirà presto”, ho sentito per strada, “Quindi…” I giovani si preparavano alla rivolta.estate d’amoreI vecchi non vedevano l’ora di abbracciare il nipote.

Ma questo prima che apparisse la variante “britannica” del corona, e soprattutto: per la variante delta, che è molto più contagiosa del coronavirus originale. Delta minaccia di invertire la logica dell’immunità di gregge, Il medico e biologo molecolare Eric Topol ha recentemente scritto su Twitter. Originariamente l’idea che una popolazione ben vaccinata avrebbe protetto la minoranza non vaccinata, ora questo piccolo gruppo minaccia di proteggere l’Orda. Il “limite” per ottenere l’immunità di gregge è ora stimato intorno al 90%.

Gli scienziati si chiedono sempre più se l’immunità di gregge sia ancora un obiettivo realistico. I vaccini proteggono ancora bene dalle malattie pericolose, ma certamente con la variante delta sono leggermente meno efficaci contro le infezioni, l’essenza per ottenere l’immunità di gregge ed eliminare il virus.

L’immunità di gregge sembra essere meno praticabile di prima, perché i vaccini non proteggono completamente dalla diffusione: quindi più del 100 percento della popolazione deve essere vaccinato per ottenere l’immunità di gregge e debellare il virus -“Impossibile onestamente“, libri oceano Atlantico all’inizio di febbraio.

onde di inquinamento

Ciò significa che i paesi occidentali, dove la vaccinazione viene effettuata molto più che in qualsiasi altra parte del mondo, sono alla ricerca di un nuovo equilibrio in cui imparare a convivere con il Corona virus permanentemente endemico. I paesi europei stanno affrontando nuove ondate di infezioni, ma al momento queste ondate stanno portando a un numero molto inferiore di ricoveri ospedalieri rispetto a prima. Sebbene il legame tra infezione e ricovero non sia stato interrotto, è stato gravemente indebolito grazie alle vaccinazioni. “200 è il nuovo 50”, Il ministro della Sanità tedesco Jens Spahn ha detto la scorsa settimana Sul numero di contagi per 100.000 residenti inizia a preoccuparsi ora.

La vaccinazione rimane la migliore via d’uscita dall’epidemia. Non è per ottenere l’immunità di gregge o per trovare un equilibrio Il Corona si sta ancora diffondendo tra la popolazione, ma difficilmente porta più a grandi interruzioni. Questo “equilibrio epidemico” potrebbe presto essere, L’epidemiologo britannico Paul Hunter ha scritto La scorsa settimana su Scienza Conversazione. Dice che potrebbe spiegare perché i tassi di infezione nel Regno Unito sono diminuiti dal 19 luglio (Giornata della libertà), quando la maggior parte delle restrizioni sono state revocate: molte persone sono immuni grazie a vaccinazioni o infezioni, e mentre tale immunità diminuirà nel tempo, i tassi di infezione non impostare record. rompere di più.

C’è ancora speranza

L’epidemia ora è meno simile Germania anno zero, il capolavoro di Roberto Rossellini girato nel 1948 nella Berlino devastata, dove ogni speranza è persa, e non solo figli di uomini (2006), in cui l’umanità minaccia di scomparire a causa della sterilità, ma mostra tuttavia una speranza di uscita.

Ma nella ricerca di questo nuovo equilibrio, molte domande rimangono senza risposta e molte strade sono sconosciute. Sulla durata dell’immunità. Alla domanda su quante persone vaccinate vengono infettate – e quando. E hanno anche il Covid a lungo termine dopo una lieve infezione? può evolvere. Quanto sono pericolose le nuove variabili?

Recenti studi forniscono le prime linee guida con cui tendere a questo equilibrio. Sei mesi dopo la vaccinazione Pfizer, la protezione contro l’infezione è scesa dal 96 percento all’84 percento, secondo una recente ricerca israeliana condotta prima della variante delta. altro La ricerca mostra che circa la metà di una percentuale Degli operatori sanitari israeliani completamente vaccinati che sono stati infettati, il 19% è rimasto sintomatico dopo sei settimane. Inoltre, ci sono quattro nuove varianti di corona che sono ancora relativamente sconosciute e stanno ricevendo un’attenzione speciale dall’Organizzazione mondiale della sanità.

Endemico non significa necessariamente innocenza. Le persone continueranno ad ammalarsi di corona. E hanno continuato a morire di Corona. Ma grazie alle vaccinazioni, il loro potere può essere strettamente limitato.

Domande etiche

Questa nuova fase solleva interrogativi morali e politici a cui i politici e la società risponderanno nei prossimi anni. Quante procedure sono disposte ad accettare le persone vaccinate se i pazienti con coronavirus non vaccinati in particolare fanno pressione sull’assistenza sanitaria? Poco, si scopre La crescente impazienza degli americani vaccinati che devono indossare di nuovo la mascherina, anche se il tasso di vaccinazione negli stati in cui gli ospedali sono molto pieni è molto più basso che nei Paesi Bassi.

Quante morti è disposta ad accettare la società a causa del coronavirus endemico? La società accetta già che una raffica di influenza annuale può costare diecimila persone e che interi ospedali stanno riprogrammando le loro cure regolari. Ma l’assistenza sanitaria può anche affrontare un’ondata annuale di pazienti coronati dall’influenza? Corona care può costringerti a fare scelte sanitarie severe.

Riconoscere che il virus rimarrà significa anche che il mondo “vecchio normale”, il mondo senza corona, non tornerà. Altrimenti, le decine di migliaia di famiglie olandesi che hanno perso i propri cari a causa di un virus la cui letalità è stata spesso sottovalutata. Per loro, c’è uno stato chiaro prima e dopo l’aura, simboleggiato dal posto vuoto nel letto, dalla sedia vuota al tavolo e dalla sensazione vuota di tristezza.

Decine di migliaia di altre persone stanno soffrendo per gli effetti persistenti dell’infezione da corona e sono tutt’altro che “vecchi” – se mai lo saranno. Qual è l’impatto mentale di questo sulla società? E questo continuerà se l’infezione continua a sviluppare Covid a lungo termine? Ciò influisce anche sulla produttività del lavoro. Gli impatti sociali, medici ed economici continueranno a imporsi nei prossimi anni, soprattutto se COVID-19 ne farà parte.

biopolitica

Alla ricerca di una via d’uscita, quest’estate molti paesi stanno esplorando una forma di “biopolitica” raramente vista: l’esercizio disciplinare del potere sui corpi. L’accesso basato sullo stato medico (vaccinato, risultato negativo o guarito) era fuori questione prima della pandemia. Ora è necessario viaggiare o visitare il campo di calcio, e alcuni paesi e grandi aziende rendono obbligatorie le vaccinazioni. Qual è un pulsante mentale e politico che è stato girato così spesso da non poter mai essere annullato? Sta alle società liberali stabilire i limiti.

L’altra domanda: fino a che punto? dovere Ripristinare del tutto il mondo antico? Si scopre che il pensiero sostenuto dai pensatori all’inizio dell’epidemia è stato di breve durata. La voglia di riprendere l’aereo in quella vacanza al sole («Me lo meritavamo!», annunciava un’agenzia di viaggi), e anche la voglia di rilanciare velocemente l’economia attraverso i consumi di massa, contrasta con la necessità della crisi, che ha inghiottito i salotti d’Europa quest’estate. : un pianeta che si riscalda. Pertanto, le domande che vengono poste in molti paesi vanno ben oltre la ricerca di un equilibrio con il virus: riguardano l’essenza della convivenza.

READ  Quasi tutti sono stati vaccinati, ma l'epidemia di Br ... (Deurne)

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24