Nuove sanzioni UE contro la Bielorussia per alimentare la crisi migratoria

L’elenco criminale europeo è stato ampliato con i nomi di individui e autorità in Bielorussia. Lunedì i ministri degli esteri dell’Unione europea hanno stretto accordi in risposta alla crisi migratoria ai confini con Polonia, Lituania e Lettonia. La Bielorussia sta spingendo deliberatamente migliaia di migranti e rifugiati nella zona di confine per tornare nell’Unione europea a causa delle precedenti critiche e sanzioni dell’UE.

Secondo il capo degli affari esteri dell’UE Josep Borrell, le nuove sanzioni colpiscono “coloro che favoriscono o facilitano l’attraversamento illegale delle frontiere nell’UE”. Ciò include le compagnie aeree – comunque la compagnia nazionale Belavia, ma anche le agenzie di viaggio in Turchia e Iraq, rispettivamente, paese di transito e paese di origine dei migranti che ora sono bloccati al confine con la Bielorussia. Belavia noleggia diversi velivoli dagli Stati membri dell’UE e sarà quindi interessata da questa misura.

Libri Borrell su Twitter Ha chiarito al suo omologo a Minsk, il ministro Vladimir Makei, che alle organizzazioni umanitarie deve essere consentito l’accesso nella regione dove, secondo le stime polacche, sono bloccate 4.000 persone provenienti dal Nord Africa e dal Medio Oriente.

Un portavoce ha detto che il cancelliere uscente Angela Merkel ha chiamato lunedì il leader bielorusso Alexander Lukashenko “sulla necessità di aiuti umanitari per rifugiati e migranti lì”. Secondo Reuters, questa è stata la prima conversazione diretta tra i capi di governo della Bielorussia e un collega dell’Europa occidentale dalle elezioni nel paese nell’agosto 2020.

Leggi anche questa analisi: La crisi migratoria al confine polacco colpisce l’immagine di sé dell’Unione europea

L’Unione europea accusa il primo ministro bielorusso di aver inviato persone alle frontiere esterne dell’Europa come rappresaglia per le critiche del blocco alle sue azioni. La relazione si è deteriorata la scorsa estate quando sono scoppiate proteste di massa contro la rielezione di Lukashenko, che ha brutalmente represso. Bruxelles ha già inserito nella lista nera più di 150 persone legate al suo controverso regime. L’ultimo pacchetto di sanzioni è il quinto che l’Unione europea ha imposto alla Bielorussia dall’agosto 2020. Nel frattempo, Bruxelles sta valutando anche nuove sanzioni economiche.

READ  Dane trova 22 monete d'oro dell'era vichinga: "Come il coperchio di una lattina di aringhe acide" | Scienza

Costruire avvisi per truppe russe, guardie di sicurezza private

I confini orientali dell’Unione hanno dominato molte delle agende dell’UE. I ministri degli esteri hanno anche discusso del “senso di minaccia” che secondo Borrell incombe sull’Ucraina. Molti paesi dell’UE sospettano che la Russia abbia un ruolo nei problemi al confine con la Bielorussia. Anche i Paesi occidentali sono preoccupati da una settimana per l’ammasso di soldati russi al confine con l’Ucraina.

Infine, è stata discussa la compagnia mercenaria russa Wagner Group. I gruppi per i diritti umani avvertono da tempo che i dipendenti dell’azienda, che fornisce servizi come la sicurezza ma fornisce anche operazioni militari, non si preoccupano dei diritti umani. Si dice che Wagner sia vicino al Cremlino e regolarmente inviato per proteggere gli interessi russi. Da tempo si sentono critiche a Wagner dopo la sua presenza in Libia e nella Repubblica Centrafricana, tra le altre. Da quando si sono diffuse voci di colloqui tra Wagner e il governo del Mali, la Francia ha lanciato l’allarme. I Paesi Bassi e la Repubblica Ceca hanno dichiarato lunedì di condividere le preoccupazioni della Francia.

In collaborazione con Michelle Kerris

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24