Ohm: “La Russia ha terrorizzato il processo ai testimoni MH17” MH17

La giustizia ha iniziato a incriminare lunedì mattina, elencando tutte le prove dell’abbattimento del volo MH17 e il coinvolgimento dei quattro sospetti. Al termine, mercoledì, seguiranno i verdetti contro i quattro: i russi Igor Girkin, Sergey Dubinsky, Oleg Bulatov e l’ucraino Leonid Kharchenko. Sono stati accusati di aver abbattuto intenzionalmente un aereo e ucciso 298 persone. La punizione finale per questo è la vita Ma non è detto che anche la Procura chiederà questa punizione.

Secondo la giustizia, l’MH17 è stato abbattuto sull’Ucraina orientale da un missile Buk dell’esercito russo. I quattro uomini hanno negato il loro coinvolgimento. Anche la Russia nega qualsiasi collegamento con la proiezione. I russi hanno emesso diversi altri scenari per il crollo. Questi scenari (potrebbe esserci stato un altro aereo o missile) sono già stati segnalati come disinformazione dall’accusa.

I pubblici ministeri hanno detto ancora una volta lunedì che la Russia ha anche cercato di intimidire i testimoni nelle indagini. Ad esempio, un testimone nella sua casa in una regione ribelle nell’Ucraina orientale ha riferito di aver ricevuto la visita di uomini armati. Poi è fuggito dalla zona. Puoi anche sentire nelle conversazioni intercettate come le persone parlano di “permesso da Mosca” per sparare a qualcuno. Inoltre, si dice che un giornalista olandese che ha avuto contatti con dipendenti di un servizio di intelligence russo abbia rilasciato documenti investigativi classificati. Questi documenti potrebbero essere stati ottenuti tramite un hack.

Per motivi di sicurezza, molti testimoni sono presentati in forma anonima nelle indagini. Un testimone è anche nel programma di protezione testimoni e ha una nuova identità.

Leggi di più sotto l’immagine.

READ  La Commissione europea chiede sanzioni contro la Polonia per la controversa camera disciplinare

All’inizio della seduta, la Procura ha esaminato la sorte dei passeggeri dell’aereo. I passeggeri MH17 non hanno avuto possibilità, i loro parenti hanno visto il volo osservatore di aerei scomparire. E i separatisti erano felici e pensavano di aver abbattuto un aereo nemico”. “Gli occupanti sono diventati le vittime della lotta che sta dilaniando l’Ucraina fino ad oggi”. I pm vogliono rendere giustizia alla sofferenza dei parenti: “Uno scienziato che non fa alcuno sforzo per scoprire la verità, dichiara i suoi cittadini fuorilegge”.

Lunedì mattina la Procura ha anche discusso di decine di intercettazioni telefoniche nel fascicolo. Quelle conversazioni sono state intercettate dal servizio di intelligence ucraino, la SBU. “Ma siamo stati in grado di verificare tutte le conversazioni e abbiamo svolto ulteriori indagini da soli”, afferma la Procura. E questa indagine mostra che le conversazioni non sono state tagliate e incollate. conversazioni.

Tra l’altro si parla del trasferimento del missile Buk, che alla fine colpirà l’aereo. “Bock viene stasera. Allora tutti i problemi saranno risolti”, dice il sospettato Dubinsky in una di queste conversazioni telefoniche intercettate. “Buk è la nostra unica speranza”, dice a Bulatov, e l’accusa continuerà a discutere il trasferimento di questo missile lunedì pomeriggio.

Secondo l’accusa, l’installazione di Buk proviene dalla 53a brigata antiaerea della città russa di Kursk. A settembre, i pubblici ministeri hanno invitato i soldati russi che sanno meglio condividere informazioni, come foto, video, e-mail e documenti ufficiali. I ricercatori vorrebbero maggiori informazioni sullo staff di Buk in questo modo.

I quattro uomini sotto processo ora non erano quelli che premevano il pulsante di sparo. Facevano parte diserie di comandiNell’Ucraina orientale dominata dai ribelli filorussi. Avrebbero preso parte all’introduzione, al trasporto e alla restituzione dell’impianto missilistico Buk dell’esercito russo.

READ  Otto agenti feriti e migliaia sono caduti in piedi nella protesta per la vaccinazione del passaporto di Londra | all'estero

I quattro indagati:

Igor Girkin. © Agenzia per la protezione dell’ambiente

Igor Girkin (48), soprannominato Igor Strelkov, è noto come il leader dei ribelli dell’Ucraina orientale che ha inviato un messaggio di vittoria dopo lo schianto dell’MH17. È il primo sospettato.

Secondo il gruppo di ricerca Bellingcat, Girkin era ben consapevole delle importazioni di missili Buk dalla Russia. Girkin è nato a Mosca nel 1970, lavora nel regno delle ombre delle autorità russe. Abbastanza sicuro, ha lavorato nel servizio di sicurezza russo FSB, che è succeduto al famigerato KGB. L’Unione Europea considera Girkin un agente dell’intelligence militare russa. È stato attivo in Bosnia, Transnistria e Cecenia. Quindi è apparso in Crimea, che alla fine è stata annessa dai russi.

Più tardi, Gherkin è apparso nell’Ucraina orientale. Si è posizionato come leader dei ribelli e ha chiesto alla Russia supporto militare. Divenne ministro della Difesa dell’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk filorussa. Il suo primo ministro era un altro ultranazionalista russo, Alexander Borodag, già visto in Crimea. La ricercatrice di Human Rights Watch Rachel Dunbar ha descritto “Strelkov” o “Strelok” (il tiratore – soprannome di Girkins) come un ultranazionalista russo che ama rievocare battaglie storiche e spera che la Russia torni ad essere una potenza mondiale.

Girkin ha dichiarato durante un’intervista di oltre 3,5 ore con il giornalista ucraino Dmytro Gordon su YouTube che Girkin si considera “indirettamente responsabile” dell’abbattimento di MH17.

A Donetsk, Gherkin stabilì un “ordine militare barbaro”. Nell’estate del 2014, Gherkin ha ordinato l’esecuzione di almeno quattro ucraini. I residenti sono stati anche fucilati per saccheggio e tortura. Ha ucciso qualcuno con le sue stesse mani. È anche presumibilmente coinvolto in violenti tentativi di sabotare le elezioni ucraine.

Sergej Dubinsky.

Sergej Dubinsky. © Pubblicazioni dell’Agenzia nazionale dei porti

Un generale russo in pensione ed ex ufficiale dell’intelligence russa che ha aiutato Girkin ha combattuto con lui in Cecenia. In Ucraina ha utilizzato anche gli pseudonimi Dvorkovski, Sergei Petrovski, Zubr (occidentale), Bison e Karakhan.

Dubinsky si unisce volontariamente alle forze DNR della Repubblica popolare di Donetsk. In qualità di viceministro della difesa, ha diretto la filiale locale del servizio segreto russo GRU nel 2014 e 2015.

In questa veste, si sospetta che Sergei Dubinsky abbia contribuito a inviare un missile russo Buk nel territorio dei ribelli. Lo indicano diverse telefonate intercettate. Sotto il suo nuovo, cupo soprannome, “Chmoery”, Dubinsky impartisce comandi durante il trasporto del missile Buk-M.

La voce di Dubinsky è stata probabilmente ascoltata nelle conversazioni telefoniche intercettate dei giorni che circondano il disastro dell’MH17. Potrebbe essere stato lui a chiedere alla Russia di mandare avanti il ​​missile Buk. Si dice che Dubinsky abbia organizzato il trasferimento di Buk al fronte e dopo il disastro si dice che abbia assicurato la reinstallazione di Buk in Russia.

In una delle telefonate, dopo che l’MH17 è stato abbattuto, ha detto: “Non siamo stati noi, era quella feccia di Mosca”.

Dubinsky è nato nell’agosto 1962 vicino a Donetsk. Ha la cittadinanza russa e presumibilmente vive a Rostov sul Don, non lontano dal confine con l’Ucraina. Negli anni ’80, Dubinsky potrebbe aver combattuto con l’Unione Sovietica in Afghanistan.

Se era preoccupato per il processo penale, Sergey Dubinsky ha chiesto: “Vuoi una risposta onesta?” “Non farmi caldo o freddo. So che non posso essere estradato come cittadino russo. È nella costituzione russa. Mi protegge. “

Screenshot della registrazione video di Oleg Pulatov prima dell'esperimento MH17 (2020).  A sinistra, un avvocato olandese, Sabine ten Doesschate.

Screenshot della registrazione video di Oleg Pulatov prima dell’esperimento MH17 (2020). A sinistra, un avvocato olandese, Sabine ten Doesschate. © Sjöcrona Van Stigt

Un ex tenente colonnello dell’esercito russo. Era l’aiutante di Dubinsky nell’Ucraina orientale e ha svolto un ruolo nel trasporto e nella messa in sicurezza del missile Buk nel villaggio di Chezny, dove è stato lanciato il missile.

Nella regione usa lo pseudonimo di Gyurza. Sotto questo nome, può anche essere ascoltato nelle conversazioni telefoniche intercettate dai servizi segreti ucraini. La stessa Ucraina ha già un’accusa contro di lui: “attività terroristiche”. Si dice che sia un veterano delle guerre cecene.

È l’unico sospettato assistito da due avvocati olandesi, Sabine Ten Doschat e Baudouin van Eijk

In un videomessaggio di due ore trasmesso durante il processo, ha definito tutte le accuse “vili”. “Non ho ordinato un missile del genere, non l’ho chiesto, non l’ho spostato, non ho chiesto a nessuno di consegnarlo”.

“L’esercito ucraino ha chiuso strade e strade. Dal mio punto di vista, è impossibile spostare qualsiasi cosa in quella zona”.

Leonid Kharchenko.

Leonid Kharchenko. © Pubblicazioni dell’Agenzia nazionale dei porti

Il comandante della guarnigione e l’unico ucraino. Kharchenko, soprannominato Kraut, era il capo di un battaglione di intelligence nell’Ucraina orientale, secondo Bellingcat. Kharchenko informò Bulatov. Come Pulatov, è stato coinvolto nel trasporto e nell’assicurazione della struttura di Buk a Shizhne. Prenderà anche parte al ritorno di Bock in Russia.

Prova:

Il file, spesso 65.000 pagine, contiene centinaia di ore di materiale audio e video. Conversazioni cablate con sospetti, foto e immagini video dell’impianto missilistico di Buk che avrebbe fatto cadere l’aereo, dichiarazioni di testimoni e una perquisizione del relitto del Boeing stesso.

Anche in aree remote dell’Ucraina, il team di ricerca ha esposto un missile Buk a un’esplosione ripetuta su grandi lastre di metallo per valutare se il danno all’aereo corrispondesse.

Alcune foto mostrano frammenti di metallo trovati nel telaio dell’aereo e nei corpi delle vittime dell’MH17. La ricerca ha dimostrato che questi minerali provengono dallo stesso missile Buk.

luogo dell’incendio

Secondo l’accusa, il missile Buk è stato lanciato da un campo agricolo a Pervomaisky, a sud della città di Snezhny. Tre parti hanno identificato indipendentemente quel punto esatto. Le immagini satellitari mostrano come parte del campo è bruciata. Un esperto di quelle immagini vede tracce larghe più di 3 metri in quest’area, forse da Boktelar. Il testimone X48 indica lo stesso punto in cui ha visto l’installazione di lancio.

Testimoniare

La Procura ha ascoltato decine di testimoni, i loro nomi non sono stati menzionati per la loro sicurezza, ma sono stati abbreviati nel fascicolo.

L’M58 è un russo che si è offerto volontario per combattere con i ribelli ucraini. Ha affermato che c’era già un missile Buk nell’area e afferma di essere stato vicino ad esso quando è stato lanciato quando l’MH17 è stato abbattuto. M58 nel programma di protezione dei testimoni.

Un testimone anonimo S45, un russo che si diceva fosse stato assegnato alla 53a Brigata e che avrebbe potuto trovarsi nell’Ucraina orientale durante l’incidente, ha rilasciato una dichiarazione. In esso, l’S45 afferma che “non si ritiene che Boeing abbia lasciato cadere il Buk”. Afferma inoltre di non aver mai sentito parlare della sparatoria da parte di Bock.

Guarda i nostri video di notizie nella playlist qui sotto:

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24