Olimpiadi: Danimarca senza fare la squadra di inseguimento finale

Olimpiadi: Danimarca senza fare la squadra di inseguimento finale

La Danimarca lo porta in finale della ricerca a squadre Contro l’Italia alle Olimpiadi di Tokyo 2021. Non erano sulla pista della finale, ma dietro il tavolo della giuria. Entrando in semifinalista, Frederick Rodenberg si è scontrato con il britannico Charlie Tanfield. Così la Danimarca non ha potuto completare la distanza totale di 4.000 metri ed è riuscita a fischiare la finale. Tuttavia, la giuria ha deciso diversamente.

Il treno rosso era diretto verso un’esplosione al velodromo di Izu. Hanno preceduto gli italiani, che hanno stabilito un nuovo record mondiale in semifinale e hanno stretto un accordo con la Nuova Zelanda. La Gran Bretagna (Ethan Hayter, Charlie Tanfield, Ethan Vernon, Olly Wood) ha iniziato senza la leggenda della pista Ed Clancy. Ha rinunciato all’ultimo minuto a causa di problemi alla schiena, costringendo Tanfield a riempire il vuoto. Ha perso il contatto con i suoi compagni di squadra rimasti al penultimo giro e ha perso rapidamente terreno. Tuttavia, per determinare il tempo, tre dei quattro corridori devono arrivare.

Tanfield continuava a macinare con acido lattico dietro le orecchie, ma Rodenberg non se ne accorse. Ha guidato i danesi al suono della campana mentre guidava forte dietro Tanfield ed entrambi sono caduti. Di conseguenza, la Danimarca – i campioni del mondo in questo segmento – non è riuscita a segnare alla fine della partita e la finale ha rischiato di cadere in acqua. Una risata forte, perché a 250 metri dalla fine erano più di un secondo più veloci dell’Italia, che ha stabilito un nuovo record mondiale nella manche guidata da Filippo Gana. Hanno tenuto la Nuova Zelanda indietro di un misero nove decimi di secondo.

READ  "Solo per questo sono andato in Russia, e non per altro"

Guarda le foto qui

La decisione della giuria porta il verdetto, la Gran Bretagna fa appello
Rodenberg si è subito alzato dopo la caduta e ha sgridato Tanfield davanti alla telecamera, e poi “Fanculo loro!” Segui il. Il britannico era visibilmente impressionato, ma stava ancora tornando di corsa alla moto. Quindi la Gran Bretagna stabilì un tempo, mentre Rodenberg agitava freneticamente e prese d’assalto il centro. Sebbene i britannici abbiano vinto la competizione, il loro tempo non è stato abbastanza buono per la finale. Anche in base al tempo dopo 3.625 metri, il tempo della Gran Bretagna era troppo lento per competere per le medaglie di mercoledì. A causa del panico e del fitto programma in pista, la decisione della giuria è stata ritardata.

Alla fine, la giuria ha deciso di designare la Danimarca come vincitrice, anche se Nicklas Larsen, Rasmus Lund Pedersen, Lacey Norman Hansen e Rodenberg (con Julius Johansen in panchina) non sono arrivati ​​al traguardo. Dopotutto, l’inseguimento a squadre finisce anche quando una nazione incrocia l’altra prima del traguardo dei quattro chilometri. Tecnicamente, la Danimarca lo ha fatto e quindi il loro miglior giocatore preferito è stato rilasciato scioccamente. Tuttavia, la Gran Bretagna non è d’accordo con questa decisione e ha presentato ricorso. Indicano un incidente nell’inseguimento in solitaria ai Mondiali di un mese fa.

La stessa cosa è successa lì, come sottolinea l’allenatore della nazionale britannica Ian Dyer Eurosport. Nella mia esperienza, la Danimarca provoca lo scontro che fa cadere gli avversari: in questo caso siamo la Gran Bretagna. Ci deve essere una squalifica. Lo abbiamo visto con Claudio Imhoff un mese fa a San Pietroburgo (Dyer nota l’incidente del Mondiale, ndr). Ero così felice che Charlie fosse tornato in bici e avesse finito. Perché penso che vinceremo la semifinale contro la Danimarca e potremo cavalcare l’oro». La risposta alla telefonata britannica arriverà mercoledì.

READ  Il figlio costiero Moritz Lauwereins è un campione nazionale di palle 8 e palle 9

immagini autunnali


Non è il primo incidente

Questo è il secondo evento degno di nota in questa disciplina di gioco. Durante il turno di qualificazione di lunedì, l’australiano Alex Porter è caduto quando il suo volante si è rotto improvvisamente e si è rotto. Fortunatamente per lui, era all’ultimo posto ed è sopravvissuto illeso. La Danimarca era allora l’avversario. Mercoledì ci sarà la finale contro l’Italia. Quindi l’ultimo paese ha lasciato la Nuova Zelanda alle spalle; Possono prepararsi per la lotta per la medaglia di bronzo, ovviamente contro l’Australia.