Oltre 150 dispersi in Germania: alla ricerca di cumuli di macerie metro per metro

L’enorme devastazione complica la ricerca. Nella città gravemente danneggiata di Altenahr, il pompiere volontario Frank Lee indica un ponte, l’unico dei tre ancora in piedi. “Guarda laggiù. Davanti al ponte erano ammucchiati alberi, macerie, automobili e molto altro. Oggi sono stati trovati altri due corpi in quel mucchio. Ma ci vorrà un po’ di tempo per superarli fino in fondo.”

Vengono utilizzati anche cani da rilevamento. Un altro volontario dice: “L’odore della morte nel fiume”. “In tutte le case completamente distrutte, soprattutto negli scantinati, non tutti i corpi sono stati ancora recuperati”, ha aggiunto.

Elenchi mancanti

Non solo la ricerca delle vittime, ma anche il processo di identificazione dei corpi ritrovati è lento. I ricercatori confrontano i record dentali e del DNA con i database. Sfogliano gli elenchi delle persone scomparse e chiedono a familiari e amici le foto della persona scomparsa, cosa indossava l’ultima volta o dove è stata vista l’ultima volta.

prendere tempo. In Renania-Palatinato, dei 128 corpi recuperati, solo 66 sono stati identificati. Il ministro Lewentz assicura che le vittime non saranno sepolte insieme. “Vogliamo che queste persone siano sepolte con valore e dai loro cari”.

READ  Dopo le critiche, Biden vuole accettare il quadruplo dei rifugiati

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24