Ora è visibile anche il lato oscuro di Plutone

Un gruppo di astronomi ha fotografato il lato oscuro di Plutone. Questo è speciale, perché in quella parte del pianeta nano la notte è stata oscurata per più di 20 anni. Ora è illuminato solo indirettamente dalla luna di Plutone Caronte. Foto I ricercatori hanno presentato il mese scorso in Giornale di scienze planetarie.

“Hanno davvero fatto un’impresa in termini di ciò che si può ricavare da queste osservazioni. È così intelligente che l’hanno fatto”, afferma Bert Vermeersen, professore di scienze planetarie alla TU Delft. Non è stato coinvolto nell’indagine.

Plutone è un pianeta nano ai margini del sistema solare che ruota intorno al sole in 248 anni terrestri. Questo periodo tropicale estremo si traduce anche in lunghe stagioni. Le diverse stagioni si presentano in modo simile a quanto avviene sulla Terra: perché l’asse di rotazione, attorno al quale ruota ogni giorno il pianeta, è inclinato rispetto al piano in cui il pianeta ruota intorno al Sole. Questo angolo rispetto alla Terra è di 23 gradi. Su Plutone, questo angolo è molto più grande, circa 120 gradi. Ciò garantisce che gran parte del pianeta si trovi nei circoli artici e riceva decenni alterni di luce solare continua, o addirittura nessuna luce. Lì i giorni e le notti possono essere molto lunghi a seconda della stagione. In confronto, se la Terra fosse inclinata come Plutone, allora tutto il Nord America e l’Europa vedrebbero lunghi mesi di sole di mezzanotte ogni anno e lunghe notti in inverno, Secondo la NASA. Al polo sud di Plutone è notte ormai da vent’anni, E rimarrà così per altri ottant’anni.

READ  Non che ascolteranno, ma ecco 10 cose a cui puoi rispondere per le persone che non vogliono farsi vaccinare

L’oscurità decennale rende questa parte di Plutone difficile da vedere. Per poter vedere qualcosa, i ricercatori hanno usato abilmente il riflesso della luce solare della luna Caronte. È la metà delle dimensioni di Plutone, il che la rende la più grande luna naturale conosciuta rispetto al suo pianeta genitore. Ecco perché la coppia Caronte e Plutone sono chiamati l’unico pianeta doppio del sistema solare. I centri di massa della Luna e della Terra si trovano all’interno della Terra, ma i centri delle due nane si trovano al di fuori di Plutone. Quindi Caronte non è realmente in orbita attorno a Plutone, ma attorno a un punto tra le due nane.

Il riflesso di Sharon

Ma qualunque cosa io possa qualificare come Caronte, il suo ruolo in questa ricerca è quello di riflettere la luce del sole da una parte del lato oscuro di Plutone. A causa della grande distanza dal Sole, il chiaro di luna di Caronte da Plutone è di circa Cinque volte più debole Da una luna piena vista dalla Terra. La navicella spaziale New Horizons della NASA ha catturato questo lato positivo di Plutone in quanto è diventata la prima navicella spaziale ad attraversare il pianeta nano nel 2015. New Horizons ha catturato una serie di immagini a 360 gradi. Tutti loro sono sovraesposti, a causa della retroilluminazione del sole. Per filtrare questo, i ricercatori hanno utilizzato un potente esempio di elaborazione delle immagini. Ad esempio, New Horizons ha anche scattato un’immagine a 360 gradi con la stessa posizione della navicella rispetto al Sole, ma senza Plutone in mezzo. Sulla base di questo, i ricercatori hanno realizzato un modello della retroilluminazione per filtrarla. Questo è il modo in cui “aggiustano” le immagini. Quindi hanno impilato quelle foto 360 in una.

READ  Scoperta una frattura in uno dei bracci della nostra galassia

Dettagli granulosi e discreti

L’immagine è sgranata e ha pochi dettagli, ma ciò non sorprende data l’illuminazione eccezionalmente limitata. L’immagine mostra che l’emisfero sud di Plutone è generalmente più scuro dell’emisfero nord. Più leggera è la superficie, più ghiaccio di metano e azoto. Quindi non si è formato molto ghiaccio nell’emisfero australe, secondo i ricercatori. Ciò non sorprende, dal momento che l’estate è terminata solo trent’anni prima che New Horizons passasse. Questo è in poche parole per gli standard di Plutone. Il battito è un punto decisamente più leggero nella stessa area. Questi sono probabilmente depositi glaciali, dove azoto e metano sono stati sublimati dall’atmosfera nel ghiaccio a causa del freddo.

Sebbene la tecnologia di modifica delle immagini sia molto intelligente, i ricercatori offrono poche spiegazioni per l’immagine, afferma Vermiersen. ‘Tutto è ragionevole’ sincero. Conferma ciò che già ci aspettiamo sui cambiamenti della copertura di ghiaccio con le stagioni”. Secondo Vermeersen, sarebbe fantastico se un altro gruppo di ricerca potesse continuare con questi risultati. “Penso che ci sia ancora del lavoro da fare nell’interpretazione di queste osservazioni”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24