Ore di pioggia: il secondo colpo di Ian duramente dai cambiamenti climatici | Attualmente

L’uragano Ian ha portato in Florida oltre il 10% della pioggia in più a causa del riscaldamento globale. Gli scienziati americani la pensano così sulla base della ricerca nella stagione degli uragani di due anni fa. Questo aumento delle precipitazioni ha una doppia causa e sta diventando più forte con il riscaldamento del clima.

Se si avvicina un uragano di categoria 5, puoi alzare le finestre nella speranza che il tuo tetto possa resistere a venti di oltre 250 chilometri all’ora.

Ma per quanto brutale possa essere quella forza naturale, la principale causa di danni da uragano deve ancora seguire: l’acqua. A causa della pressione atmosferica estremamente bassa, Ian ha causato uno tsunami locale di 3,6 metri sulla costa occidentale della Florida. Sulla terraferma, le inondazioni sono state seguite da piogge torrenziali che hanno portato il resto dell’uragano dal Golfo del Messico al Canada.

Un uragano più freddo porta meno pioggia

Le piogge sulla scia di Ian sono più forti che se un uragano di uguale forza fosse passato sul clima del 1900. Questo è ciò che hanno concluso ricercatori di tre diverse università statunitensi da un’analisi della stagione degli uragani del 2020. Questa ricerca è stata pubblicata ad aprile. pubblicato nella rivista di settore Comunicazioni sulla natura.

Quando hanno cercato di simulare quegli uragani con modelli climatici, hanno scoperto che il picco delle precipitazioni, in particolare durante il passaggio della tempesta, è molto più alto nell’attuale clima caldo. Negli Stati Uniti meridionali, gli uragani ora portano il 10% di pioggia in più nelle prime tre ore rispetto al clima originale e più fresco.

READ  Rara grotta funeraria in Israele scoperta dall'era di Ramses II

Secondo i ricercatori negli Stati Uniti, attraversare i resti degli uragani porta anche più pioggia in questi giorni. Le precipitazioni totali per i primi tre giorni sono aumentate di circa il 5%. Questa potrebbe essere la goccia che fa traboccare il vaso: con più precipitazioni, i danni causati dall’acqua aumentano in modo sproporzionato.

Doppio effetto clima: più vapore acqueo e aria che sale più velocemente

Il motivo principale è che l’aria più calda può trattenere più vapore acqueo: 7 per cento per grado. Ciò non fornisce una spiegazione conclusiva, affermano i ricercatori, perché l’acqua del mare dove si stanno avvicinando gli uragani atlantici si è riscaldata solo di 0,8 gradi. Questo è inferiore alla media globale e potrebbe spiegare solo un aumento del 5% delle precipitazioni totali per tre giorni.

Il motivo dell’aumento delle precipitazioni due volte più veloce nelle prime tre ore è l’aumento delle correnti d’aria negli uragani. Quando l’aria calda e umida sale, una quantità molto grande di acqua condensa, rilasciando energia, facendo sì che il flusso d’aria salga più velocemente. Nei climi più caldi, questo rende anche gli acquazzoni più esplosivi, il che in questo caso spiega l’altro 5% di aumento delle precipitazioni.

Velocità massima del vento dell’uragano anche in aumento dal cambiamento climatico. Non il numero di uragani.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24