Padre Britney Spears chiede la fine dell’amministrazione controllata | stelle

Il cantante americano che aveva molte canzoni di successo è stato messo in tutela tredici anni fa dopo un crollo mentale. Da allora suo padre è stato un fiduciario, ma il mese scorso ha annunciato che si sarebbe dimesso dall’incarico dopo la testimonianza di sua figlia. Il fatto che ora chieda la revoca totale dell’amministrazione controllata è inaspettato.

Il giudice ha accolto la richiesta di Britney a luglio di scegliere il suo avvocato. In precedenza era stata assistita legalmente da un avvocato nominato dai suoi supervisori. Jamie afferma nella sua domanda di martedì che se sua figlia è ritenuta in grado di farlo, le restrizioni sulla tutela non dovrebbero essere applicate. Nota inoltre che molto è cambiato negli ultimi tredici anni e che i motivi per l’amministrazione controllata in quel momento “potrebbero non essere più validi”.

– lotta generale

Padre Spears ha accettato il mese scorso di ritirarsi in favore di sua figlia. Ha concluso che “un conflitto pubblico con sua figlia non sarebbe la cosa migliore per lei”.

La madre di Spears stava con sua figlia prima. Nella sua dichiarazione, Lynne Spears ha sostenuto la richiesta di Britney di licenziare suo padre come tutore. Ha detto che il suo ex marito era “incapace di mettere gli interessi di sua figlia davanti ai suoi”. Ha indicato la sua disponibilità a testimoniare contro Jimmy nella causa che potrebbe finire.

READ  Quando l'Italia invaderà l'Etiopia, le donne non resteranno a guardare

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24