Paesi Bassi, ma perché all’Italia è piaciuto il Motocross delle Nazioni

Dopo che il leader ha annunciato che il Motocross delle Nazioni si terrà in questa stagione per la prima volta nella sua storia, sono piovute le cancellazioni da parte dei grandi piloti. Attualmente nella top ten dei Campionati del Mondo MXGP, solo Jeffrey Herlings, Tony Keiroley, Glenn Goldenhoff, Alessandro Lupino e Ben Watson sono nella lista di partenza. Tim Gajzer, Romain Fabre, George Prado, Jeremy Sever e Paul Jonas hanno rifiutato di partecipare. Inizialmente, sembrava che la razza potesse fidarsi di forti rappresentanti dell’Australia e degli Stati Uniti, ma alla fine si ritirarono.

Sebbene molti grandi nomi si siano rifiutati di partecipare, la classe meglio occupata sembra essere la MX2. Insieme a Matteo Guadagneini, Tom Viole e Simon Longenfelder, sono già quattro i piloti al via del Mondiale davanti all’olandese MX2 Ron van de Mustiz. Devo dire che Indovener ha saltato alcune gare a causa di un infortunio alla mano, ma con la sua forma attuale, non batterà quei piloti. Guidare in Italia con il primo pilota MX2 sarebbe molto decisivo.

Il pilota MX2 è più importante che mai

La fine del pilota MX2 al Motocross delle Nazioni è spesso la chiave per una buona fine. In generale, il pilota MX2 ottiene due risultati di moto molto piccoli, quindi uno di essi viene calcolato come risultato di scarto. La cosa principale è che il pilota MX2 del team sta registrando almeno un buon risultato perché può segnare più punti che mai in questa stagione.

A causa della scomparsa di molti top player MXGP, le differenze tra Olanda e Italia – e le squadre che arrivano con la loro formazione più forte – saranno molto piccole. Insieme a Jeffrey Herlings, Tony Keiroli, Glenn Goldenhoff e Alessandro Lupino, l’Olanda e l’Italia sono tra i 450 migliori piloti al mondo.

READ  Vertice Ue sui prezzi alti dell'energia come l'Italia: 'Trattengo il respiro'

Ovviamente non si può mai indovinare, ma per comodità lo facciamo, questi piloti sono in competizione per il successo in moto. Ciò significa che nelle condizioni più favorevoli, se Herlings e Goldenhof si esibiranno alla loro massima temperatura, l’Olanda sarà fuori di quattro punti. Ma quando un pilota come Keiroli si eccelle una volta davanti al suo pubblico, è improbabile che la sua forma venga data in questa stagione, potrebbero essere due o un punto. Queste sono sicuramente differenze che possono essere collegate in termini di rapporti nella classe MX2. Tieni presente che Hurlings è in ottima forma solo nella squadra olandese, quindi non era il campione in carica, ma il fatto che la squadra di fuoricampo fosse la favorita non è stata una decisione folle.

L’Italia favorita, ma con Cairoli

Se elenchiamo i punteggi in base alla stagione in corso, otteniamo i seguenti risultati per Olanda e Italia (risultati fiscali in grassetto).

Gara 1 (MXGP + MX2) Gara 2 (Open + MX2) Gara 3 (MXGP + Open) Totale
Goldenhoff Da Mustiz Herlings Da Mustiz Goldenhoff Herlings
2 4 1 4 3 1 12
Cairoli Kadakdnini Lupino Guadacini Cairoli Lupino
1 1 2 1 2 4 10

Va notato, ovviamente, che la posizione di Ron van de Mustizk nella classifica di Coppa del Mondo non è del tutto rappresentativa e che è difficile stimare i punteggi dei piloti MX2. Dopotutto, quanti piloti MXGP / Open finiranno prima del primo pilota MX2? Invece di 1 per i quadricipiti, sarebbe un punteggio compreso tra 7 e 10.

Tuttavia, se ti siedi, i corridori di una classe diversa hanno maggiori probabilità di ottenere punti extra. Data la forma attuale dei due piloti, non è possibile per l’olandese arrivare prima degli italiani. Insomma, Van de Moustick sopporta un peso considerevole: la sua decisione è decisiva.

READ  L'Italia attira meno a Wembley che Roma, ma scappa contro l'Austria

Un grande punto interrogativo per il Motocross delle Nazioni è la partecipazione di Cairoli, che è caduto duramente durante l’MXGP della Sardegna ed è caduto dall’azione. Se il siciliano non può partecipare, la strada per l’estensione dell’Olanda è chiara. Ma essendo stati nove volte campioni del mondo, l’Italia sembra essere l’avversario più forte.

Fine settimana importante per Goldenhof e Van de Moustick

Van de Moustick e ‘Mr. La pressione di Glenn Goldenhoff dalle nazioni sarà enorme. Le nazioni hanno la loro più grande opportunità di sfruttare al meglio la stagione. Nonostante Goldenhoff abbia vinto le sue ultime quattro gare alla Nations Cup, nel 2018 e nel 2019, non è stato in grado di tagliare un fine settimana coerente in Yamaha in questa stagione. Ci vogliono due motti forti per correre a Mandova.

Proprio come la pressione non era abbastanza per Van de Mustiz, ha dovuto anche fare i conti con una disabilità fisica a causa di un infortunio alla mano. Il residente di Eindhoven è appena tornato e ovviamente non ha guidato da non qualificato sulla Riola Sardo, ma il nome di K de Wolf, che ha primeggiato nelle ultime gare, canta per un motivo. Si ritiene che Van de Moustiz registrerà un buon risultato per ‘Than’, quindi né lui né il signore della selezione, il team manager di KNMV Patrice Asantelft, possono essere accusati di aver perso il titolo.

Ma la verità è che l’Italia non è attualmente l’Olanda, è una delle mete preferite per il Motocross delle Nazioni. In questo senso, i Paesi Bassi, i campioni in carica, hanno poco da perdere.

READ  "Siamo la migliore squadra d'Italia, lo scudetto è il nostro unico obiettivo"

Maggiori informazioni sul motocross delle nazioni:

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24