Paolo Sorrentino | Il bellissimo specchio elegante del napoletano è molto importante

incontrò la mano di Dio Il regista Paolo Sorrentino torna alla sua infanzia napoletana. Dopo storie di politica italiana, malinconia, Vaticano e vuoti esistenziali, il nuovo film del premio Oscar diventa più personale, semi-autobiografico. la mano di Dio È un riferimento all’ex calciatore del Napoli Diego Maradona, che, nelle parole di Sorrentino, ha avuto un impatto enorme sulla sua vita. Prima di vedere il nuovo film di Paolo Sorrentino, leggi una retrospettiva sulla carriera del regista napoletano in questo blog.


Leggi anche la recensione di Hand of God


Paolo Sorrentino | la mano di Dio

Sorrentino è uno dei registi più importanti di oggi. Il 51enne regista, nato e cresciuto a Napoli, dirige lungometraggi da oltre vent’anni. La maggior parte si trova in Italia e nei dintorni. Ma il regista fa anche sporadici viaggi all’estero dove grandi nomi come Michael Caine, Frances McDormand, Rachel Weisz e Sean Penn sono stati più che felici di lavorare con lui. In patria, il regista ha sempre preferito a chiunque altro l’attore carismatico Tony Cervello per recitare nei film drammatici di alto livello e speciali realizzati da Paolo Sorrentino.

incontrò Conseguenze dell’amore Nel 2004 Napoli ha riscosso un grande successo nel proprio Paese e nei festival cinematografici internazionali. Il film Mafia ha segnato la prima collaborazione tra Sorrentino e l’attore Cervello, con il quale il regista avrebbe realizzato tutti i suoi successivi film italiani. Quattro anni dopo, i due celebrità Del politico condannato Giulio Andreotti, che da anni ha saputo parlare da solo di ogni mafia e corruzione coinvolta. Servillo e Sorrentino sapevano leggere e scrivere insieme. Dopo il successo del film politico, il regista ha portato la sua visione all’estero e l’ha resa strana e sorprendente questo deve essere il posto dove Sean Penn interpreta un rocker gotico dai capelli selvaggi con una crisi di mezza età. Sebbene il film sia stato accolto con recensioni contrastanti, è stato senza dubbio il lavoro di un autore italiano. Con i suoi personaggi, l’uso contrastante della musica e piccole scene interessanti.

Paulo - Sean Ben

Sean Bin | questo deve essere il posto

Paolo Sorrentino

Le scene in miniatura di Sorrentino danno al mondo e alla storia ancora più carattere a modo suo. nei corridoi giovaniIn una città termale, due persone su scooter in movimento si sono scontrate, provocando un’accesa discussione. Un gruppo di suore che giocano fanaticamente a pallavolo nei Giardini Vaticani a Giovane Papa. Come la ragazza a malincuore, dai suoi genitori, di dipingere su una grande tela in esso grande bellezza. Piangendo e ricoperta di vernice dalla testa ai piedi, crea un capolavoro, mentre dozzine di adulti la guardano. Sono di per sé momenti privi di significato, ma esplorano i luoghi, le persone e lo spirito del tempo dei suoi film. Sono quei momenti insieme alla storia principale che rendono il suo lavoro così interessante.

Paolo Sorrentino - Young Pope

Giovane Papa

L’uscita ha girato questo deve essere il posto Tornò in Italia e realizzò nella capitale, Roma, sempre con Cervello nel ruolo principale, il film che fece ottenere a Sorrentino il maggior rapporto qualità-prezzo: grande bellezza. Da qualche parte puoi vedere questa versione contemporanea del capolavoro di Federico Fellini la vita è bella Ricorda, questo non è un insulto a nessun film. Le somiglianze sono evidenti: in entrambi i film la giornalista gira per Roma partecipando a innumerevoli feste e conoscendo personaggi speciali. Fellini ha sollevato uno specchio dell’Italia del dopoguerra degli anni ’60, quando l’élite banchettava sulle rovine di una città che voleva tenere a bada la realtà e la povertà. Paolo Sorrentino offre una riflessione simile sulla vita nel paese mediterraneo. Ci sono notti di Botox in cui l’élite si libera della decadenza esterna mentre quella interiore diventa più vuota. I vecchi ballerini ricordano molto le feste clandestine di Berlusconi. Con la Costa Concordia capovolta come metafora perfetta come simbolo della scomparsa della comunità festaiola. grande bellezza Ha vinto premi e ha vinto l’Oscar per il miglior film in una lingua diversa dall’inglese nel 2014.

Paolo Sorrentino - Grande Bellezza

grande bellezza

È l’azione fluida della macchina da presa che conferisce a tutti i film di Sorrentino il loro aspetto familiare. Ciò è dovuto alla regolare collaborazione con il direttore della fotografia Luca Bigazzi con il quale Sorrentino ha lavorato sin dal suo secondo lungometraggio. La telecamera fluttua in modo stabile nei mondi degli italiani. Con l’uso regolare della leva, la fotocamera si sposta e raggiunge luoghi che il fotografo non potrà mai raggiungere. Questo dà allo spettatore una sensazione magica, senza che accadano cose impossibili sullo schermo, ha la tipica aria sorrentina. Come abbiamo chiaramente visto in il squisita bellezza La parte del giardino dove i personaggi si fermano al bordo del balcone e la macchina da presa fluttua fianco a fianco nel vuoto.

READ  Von Trapp ha segretamente giocato con "Maria" prima: "Avrei dovuto indossare una faccia da poker" | proprio adesso

Si può effettivamente vedere il lavoro di Sorrentino come una critica alla comunità dei partiti in Italia. Dopo aver vinto il premio europeo giovani Con Michael Caine e Harvey Keitel, Sorrentino e Cervelo hanno osato interpretare Berlusconi in questione che essi. L’ambizioso progetto si è rivelato essere un film di tre ore e mezza che doveva essere diviso in due parti, Hmm 1 in un Hmm 2. Per l’uscita internazionale, il regista ha dovuto tagliare più di un’ora di materiale dai film in modo che potessero essere presentati nel loro insieme. È un peccato, perché senti da tutte le parti che questo film doveva essere in due parti. Questo mentre il contenuto è abilmente preparato con la prima parte come la percezione della società e la seconda per Berlusconi e i suoi membri cerchio interno. Nella versione internazionale, le due storie erano molto meno mescolate. Data la scarsa performance al botteghino, non c’è alcuna possibilità di vedere la versione in due parti nei Paesi Bassi e questa è una brutta cosa.

Se c’è qualcosa di straordinario nel lavoro di Napoli, è il suo uso disparato della musica. in un interviste Il regista ha indicato che non poteva scrivere le sue sceneggiature senza ascoltare la musica. Questo a volte porta a incongruenze ridicole, come nel momento in cui anche il Papa si cambia d’abito per ballare Sono sexy e lo so di LMFAO. o apertura grande bellezza Dove il canto del coro femminile classico viene interrotto da urla a una festa mentre viene ricreata la Pumping Dance Non parliamo americano Soffiando attraverso gli altoparlanti. Sebbene questa sembri a prima vista una scelta artistica assurda, questo è anche il risultato del suo pensiero sull’Italia di oggi. Riguarda la linea sottile tra arte e campo. Dove il camp è lodato come un’arte e viceversa dove qualcosa è considerato camp ma può anche essere arte. E persone che si circondano della cosiddetta arte, ma in realtà hanno personalità fittizie (camp).

Paolo Sorrentino - Grande Bellezza 2

grande bellezza

Nonostante Sorrentino sia ormai un regista famoso, un uomo come lui ha ancora degli idoli. Anche l’italiano ce l’ha Non si nascondeva sotto sedie e panche. Il suo primo film in inglese, questo deve essere il posto, prende il nome dalla canzone Talking Heads per un motivo. Il regista è un grande fan della band e ha persino incluso un concerto di quattro minuti e un ruolo secondario per l’attaccante David Byrne in questo film. Un altro idolo di Sorrentino è l’eroe del calcio argentino Diego Maradona, morto l’anno scorso. in un PapaSerie, il cardinale Fuelo è un grande tifoso del Napoli Football Club e ovviamente ha anche la favola di Maradona in casa sua. Ex calciatore giovani Poi sogghignò di nuovo, venendo interpretato due volte da un corpo grasso in più. Con un grande tatuaggio di Karl Marx sulla schiena e una fiala di ossigeno vicino a lui, il paffuto Maradona tiene in mano una pallina da tennis che lo lascia esausto dopo pochi calci. Sorrentino ha anche nominato la band e il calciatore insieme ai registi Martin Scorsese e Fellini come grandi ispirazioni nel suo discorso di accettazione dopo la sua vittoria all’Oscar.

READ  Je kunt weer naar de bios! Maar welke film moet je zien?

Senza Maradona, probabilmente non avremmo potuto guardare i film di Sorrentino. Nelle loro stesse parole Il calciatore ha salvato la vita al regista. A 16 anni Sorrentino ha saltato una settimana bianca perché voleva andare in trasferta dal Napoli. I genitori di Sorrentino sono morti mentre dormiva in vacanza per avvelenamento da monossido di carbonio, mentre il regista assisteva alla sua vittoria sul Napoli. Sorrentino sostiene ancora che Maradona non lo abbia ucciso con i suoi genitori.

Nel suo nuovo film semi-autobiografico, la mano di Dio Ne è convinto anche Fabito, il personaggio che dovrebbe rappresentare il giovane Sorrentino. Fino a che punto questo diventerà un tipico film italiano, lo possiamo vedere oggi al cinema. Le cose potrebbero sembrare diverse ora che Sorrentino non sta lavorando con il suo fotografo abituale Bigazzi per la prima volta da anni, ma ha scattato foto con Daria D’Antonio. Un film con un look fresco e anche più personalità. L’attore di fiducia Tony Cervelo è tornato di nuovo. La domanda, infatti, è: che bel specchio ci tiene questa volta Sorrentino?

Rowan Andre

Seguici

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime novità durante la settimana? Allora segui la nostra pagina o segui l’angolo intrattenimento Sito di social network Facebooke Instagrame Twitter in un Pinterest. In questo modo puoi rimanere aggiornato con le ultime notizie sui tuoi film e serie preferiti.

Sito di social network FacebookInstagramPinterestTwitter

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24